PC da gaming RTX 3070
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

AMD Zen 3, conosciamo meglio la nuova architettura

Andiamo ad analizzare più nel dettaglio la nuova architettura AMD Zen 3 implementata sui processori serie 5000 della casa

Nel mondo della tecnologia è di fondamentale importanza stare al passo con i tempi e le necessità degli utenti che richiedono maggiore reattività durante l’esecuzione di un programma o l’invio di un comando. Nello specifico, l’utente che punta alla realizzazione di un PC performante e scattante è alla costante ricerca delle tecnologie più recenti offerte dalle aziende che dominano il mercato.

A tal proposito, stando ai dati analitici forniti da Amazon Italia, attualmente i processori più acquistati dagli utenti sono quelli di AMD e credo proprio che ciò dipenda dal prezzo, inferiore rispetto alle CPU Intel rivali.

AMD Ryzen 5000

AMD Zen 3 è la nuova architettura che rinuncia al multithread

Nel corso di quest’ultimi anni abbiamo assistito all’avanzata di AMD tramite l’architettura Zen 2 che, grazie al multithread ottimizzato, è riuscita a fronteggiare la potenza dei processori Intel, ma con l’arrivo della nuova Zen 3 sulle CPU Ryzen 5000 le prestazioni, stando a quanto dichiarato, potrebbero sorprenderci.

Durante la presentazione dei nuovi processori infatti è stato mostrato quanto siano state migliorate le prestazioni per watt, quindi (forse) potremo finalmente avere un processore AMD capace di performare senza far schizzare i consumi alle stelle, merito anche del nuovo processo produttivo a 7nm.

AMD Zen 3

La rivoluzione di AMD Zen 3

Come avevo già detto nello scorso articolo, la nuova architettura AMD Zen 3 verrà implementata sui modelli presentati all’evento e visto che la disposizione interna dei chiplet è stata cambiata possiamo aspettarci una risposta diversa da parte della CPU su determinati processi. Per i più studiati, i chiplet realizzati da AMD si basano su un Core Complex Die (CCD) ad 8 core formato a sua volta da due Core Complex (CCX) da 4 core ciascuno ed interconnessi con un sistema denominato Infinity Fabric.

AMD Zen 3

Insomma, i tecnicismi potrebbero confondere gli utenti meno esperti, ma in parole povere tutto ciò vuol dire che i processori con più di 8 core avranno due CCD a dar supporto. La differenza sostanziale sta nel fatto che, i “vecchi” Ryzen 3000 avevano 16 MB di cache per ogni CCX, condivisa con quattro processori per un totale di 32 MB di cache per ogni CCD, mentre i nuovi Ryzen 5000 sono processori da 16 core, quindi composti da due CCD e quindi con 64 MB di cache.

AMD Zen 3

Ovviamente è chiaro che riguardo alle dimensioni della cache non abbiamo avuto un aumento strutturale, ma grazie alla nuova architettura AMD Zen 3, i Ryzen 5000 non avranno più la cache divisa in due, bensì in un unico blocco da 32 MB che gli 8 core potranno sfruttare da un singolo CCD.

Il tutto si riduce ad un unico fattore che è la velocità, infatti grazie a questa nuova architettura ogni core potrà sfruttare il doppio della cache, un dettaglio che secondo AMD ridurrà la latenza e permetterà  di alimentare i core più velocemente.

Potrebbe interessarti...

Pensi che AMD sia riuscita a risolvere il problema prestazioni/consumi? Faccelo sapere nei commenti!!!

Fonte

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scelto dalla redazione

8 ore fa

Beh, direi che a questo punto devo proprio chiedertelo: aspetti più questo remake o l'uscita del nuovo capitolo? Fammelo sapere scrivendo come sempre un commento qui sotto! Non mancherò di rispondere.

Notizia

5

Nessun Evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0