0
0

Rivals of Aether, il team di sviluppo annuncia progetti e contenuti con il “Rivals Direct 2”

Il più grande rivale indie di Super Smash Bros. Ultimate, Rivals of Aether, sta per ricevere contenuti: ad annunciarlo, un “Direct” uscito in sordina come pesce d’aprile

LIVE DEL GIORNO Alle 15:00 Le notizie della settimana di iCrewPlay con Alessandro su Twitch

Da non perdere

Naviga tra i contenuti

Rivals of Aether, rispetto ai colleghi Indie Pogo, Brawlhalla, Bounty Battle e Brawlout, ha probabilmente riproposto il gameplay “platform-fighter” di Super Smash Bros. in salsa indie con maggior successo. La nicchia competitiva di fan che il titolo (nato come “Super Smash Land”) si è saputo scavare ha supportato il gioco su Steam ed Xbox One con non poco entusiasmo. Ora che il gioco si appresta ad uscire anche su Nintendo Switch con la “Definitive Edition”, però, pare siano in arrivo nuovi contenuti.

Niente d’aprile

Il “Rivals Direct 2”, seguito dell’omonimo pesce d’aprile del 2018, ha comunicato con comicità assurda e a tratti quasi demenziale l’arrivo di molte improbabili novità per quanto concerne la sfera di Rivals of Aether. Questo “Direct” è stato travolto da molti altri pesci d’aprile – e da altrettante notizie vere e proprie – in questi giorni, ma analogamente a quanto avvenuto con l’ultimo titolo di WayForward anche in questo caso lo scherzo stava nella presentazione, e non nei contenuti.

Come avrai dunque già avuto modo di intuire, molti degli annunci che vedi nel Rivals Direct 2 sono autentici. I 20 minuti di materiale in questo divertente video consistono perlopiù in uno sketch dove il fulcro è una parodia fallimentare di un Nintendo Direct, ma dietro l’autoironia in merito ai mezzi limitati di un umile studio indie si celano annunci veri e propri. Per amor di chiarezza sono stati riassunti a fine video, e li riporteremo qui sotto altrettanto in breve.

Giù la maschera!

Tutti gli elementi di gameplay e il merchandise annunciati in questo Direct sono veri”, esordisce il riassunto finale. Per iniziare, la Definitive Edition sarà un aggiornamento gratuito per tutti i possessori di Rivals of Aether su Steam. La nuova modalità Tetherball (la pallacorda, ovvero il gioco dove si deve colpire un pallone legato a un palo, tipico delle scuole americane, ndr) sarà inclusa gratuitamente nella Definitive Edition, mentre chi ha comprato i DLC riceverà delle skin “Infamous” esclusive.

In ogni versione del gioco invece gli obiettivi permetteranno di sbloccare le skin normali; la versione Xbox One del titolo, misteriosamente, non è stata menzionata in alcun modo, ma non escludiamo che la cosa venga chiarita in seguito. Essendo d’altro canto le skin “Infamous” esclusive a chi ha già pagato i DLC che saranno già inclusi nella Definitive Edition di Rivals of Aether, possiamo solo supporre che per Nintendo Switch queste non siano contemplate.

Le skin "Infamous" di Rivals of Aether, dall'estetica al neon in stile "anni '80/'90"
Le skin “Infamous” di Rivals of Aether, dall’estetica al neon in stile “anni ’80/’90”

Il mondo di Rivals of Aether si aprirà inoltre all’utenza mobile con lo spinoff Creatures of Aether, un gioco di carte collezionabili, che sarà presto disponibile per una closed beta a quest’indirizzo. Symbiote Studios distribuirà inoltre dei peluche basati sui personaggi, ai quali se ne uniranno due nuovi; ti invitiamo anche in questo caso a visitare il sito stesso per avere maggiori informazioni. Per celebrare il lancio del gioco su Nintendo Switch, infine, verranno rilasciati dei Pro Controller tematici che puoi trovare qui.

 

Prima del già citato riassunto finale, è stata messa alla berlina anche la routine “annuncio bomba seguito da silenzio stampa” dei Nintendo Direct quando sono stati mostrati, senza alcun contesto, dei modelli poligonali dei personaggi di Rivals of Aether subito dopo un enigmatico “2022”. Il presentatore del Direct, Adam Carra, ha in seguito chiesto al creatore di Rivals Dan Fornace se quest’ultimo potesse confermare la data di uscita esatta per il gioco su Switch, ma Fornace – in linea con la routine stessa – se ne stava già andando. Siamo dunque ancora fermi al generico “estate 2020”.

Rimarremo nel dubbio ancora per un po'...
Rimarremo nel dubbio ancora per un po’…
Ti potrebbe interessare...

0

Commenti

1148

Miei

0
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!




Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram