Metroid Dread

Metroid Dread – Samus più silenziosa del solito, perché?

Il producer del gioco torna a parlare della bella Samus Aran e del suo personaggio in questo nuovo e atteso capitolo di Metroid!

Pubblicità

In questa recensione andremo ad analizzare i punti di forza e i punti deboli del nuovo capitolo della serie di Metroid, rapportando il tutto a i vecchi capitoli della serie e ad altri esponenti del genere di riferimento.

Metroid Dread

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Nell’ultima settimana non si fa che parlare di Metroid Dread, il nuovo capitolo delle (dis)avventure spaziali della bella Samus Aran torna a chiudere un cerchio di lore rimasto aperto ben diciannove anni fa, col lancio di Metroid Fusion avvenuto nel 2002, e ha letteralmente rubato la scena a ogni altro titolo fin dal suo lancio. Anche dal punto di vista economico il titolo è un vero e proprio successo e ha conquistato in pochissimo tempo sia le classifiche di vendita UK che quelle del Giappone.

Per quanto il titolo stia attirando su di sé sia meritatissime lodi che alcune critiche, come quelle di David Jaffe (il “papà” di un’altra amata serie, God of War), nulla riesce a scalfirne l’inarrestabile successo e la curiosità relativa al ritorno di Samus Aran, nemmeno le gravi accuse rivolte allo sviluppatore  riguardo all’ambiente di lavoro tossico in casa MercurySteam. Proprio della bella protagonista si è parlato in una delle ultime interviste, in cui il producer Yoshio Sakamoto ha parlato della genesi di questa nuova incarnazione della cacciatrice spaziale e delle scelte compiute in fase di game design.

Metroid Dread: Samus Aran, bella e silenziosa!

La protagonista della serie ha da sempre fatto del mistero il suo punto di forza, la sua prima apparizione in Metroid si concludeva con uno dei più riusciti colpi di scena della storia dell’intero medium videoludico: sotto la pesante armatura da cacciatore spaziale si nascondeva… una cacciatrice spaziale! Da quel momento in poi, Samus è diventata una delle figure più iconiche e influenti per il mercato videoludico.

Per quanto la protagonista sia sempre molto poco loquace nei titoli in cui compare, in molti hanno notato che in Metroid Dread si rivela ancora più taciturna del solito, e il perché è stato spiegato proprio da Yoshio Sakamoto; la scelta si rivela perfettamente in linea con il mood generale del titolo che vuol fare della paura e delle tinte horror un elemento fondamentale di tutta l’avventura. Per questo, rendere Samus ancora più silenziosa non fa che acuire il senso di paura, e permette inoltre al giocatore di empatizzare ancora di più col personaggio dovendo capirne il suo stato d’ansia dalla gestualità e dalle sue reazioni agli eventi mostrati nelle cutscene del gioco.

Continua a seguirci per rimanere sempre aggiornato su Metroid Dread, sull’attesissimo Metroid Prime 4, e su tutte le ultime novità dal mondo videoludico!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Stai giocando a Metroid Dread o hai deciso di recuperarlo più in là? Dicci la tua nei commenti!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro