destiny 2 stagione dei perduti

Destiny 2: ancora cambiamenti al matchmaking delle Prove di Osiride presentati nell’ultimo Settimanale

Bungie rimane vigile e osserva l'andamento della competizione per migliorare il suo svolgimento

Pubblicità

L’equilibrio tra Luce e Oscurità è in bilico; il destino del genere umano vacilla con l’arrivo di un nuovo e implacabile nemico nell’universo. Addentrati su Europa, scopri i segreti sotto i ghiacci, salva il mondo.

Destiny 2

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Le Prove di Osiride, competizione più amata dai pivvuppari di Destiny 2, sono ormai al centro dell’attività di Bungie da qualche settimana, lasso di tempo impiegato per realizzare un sistema di accoppiamento che riuscisse a raggiungere un certo equilibrio tra impeccabili e giocatori comuni.

Ebbene, nonostante molti utenti si fossero lamentati circa questi interventi più o meno invasivi, pare proprio che l’azione della casa videoludica non si sia fermata (come già annunciato), ma anzi sia sfociata in un’attenta analisi dell’andamento della competizione, ora seguita da ulteriori accorgimenti annunciati nell’ultimo Settimanale di Casa Bungie.

Destiny 2 Allineamento Astrale

Destiny 2: arriva il Laboratorio delle Prove

L’osservazione di Bungie sull’attività PVP è stata lunga e riflessiva, ma non sufficiente per creare equità tra i giocatori. Proprio per raggiungere questo importante traguardo la casa videoludica ha pensato di introdurre il Laboratorio delle Prove, che sarà attivo a partire da questa settimana e per tutte quelle successive.

Il Laboratorio, che sarà una modalità tipo Eliminazione (chiamata Cattura la zona), servirà per testare nuove meccaniche ed evidenziare eventuali lacune da sanare.

Le sue caratteristiche saranno: l’attivazione della zona di conquista 30 secondi dopo l’inizio del round; il fatto che i guardiani potranno portarsi a casa la vittoria conquistando proprio la zona precedentemente citata o eliminando l’intera squadra di avversari; la presenza di un waypoint che evidenzierà la zona di conquista e quella di un timer per il conto alla rovescia (in modo da tenere informati i giocatori circa luogo e tempo).

Inoltre, la prima zona di conquista sarà posta al centro mappa, per poi mutare col passare dei round; ovviamente alla squadra che perderà verrà dato un vantaggio in termini di zona di rientro.

I giocatori in solitaria sono il futuro del PVP

Una delle modifiche più significative delle Prove di questa stagione è stata quella di permettere ai giocatori in solitaria e in coppia di mettersi in coda. Tramite questo notevole cambiamento la casa videoludica mira a rendere la competizione più appetibile anche ai novizi di Destiny 2 o a coloro sprovvisti di clan, che ora potranno ottenere ricompense (punta, engrammi, armamento specifico), aumentando così il pool di giocatori attivi.

La misura ha funzionato: infatti nella prima settimana si sono registrate circa il 23% delle vittorie in solitaria, mentre nella seconda circa il 36%. A detta di Bungie però le cose subiranno altre modifiche in termini di loot e matchmaking (che dovrà rimanere sotto ai 50 secondi di attesa, lasso di tempo che talvolta è mutato per via dell’accorpamento in pool ristretti).

Gli impeccabili: cosa è cambiato?

La settimana scorsa Bungie aveva parlato dell’introduzione di un nuovo matchmaking su Destiny 2 volto ad accoppiare utenti dello stesso livello dopo un tot di vittorie, agevolando così coloro che subivano la pressione di un costante 5-0 (dato ridottosi al 38% delle partite durante la prima settimana, e al 29% durante la seconda) e aumentando di molto il tasso di partecipazione alla competizione.

Nonostante ciò il grado di impeccabilità del titolo non è calato, piazzandosi su un modesto 50% ottenuto con altri impeccabili.

I problemi più pesanti hanno però riguardato la partecipazione alle Prove, calata del 34%, e il proseguo dopo il raggiungimento dell’impeccabilità, calato del 45%, dati non proprio rosei per Destiny 2.

Ma non solo: molti utenti hanno resettato il passaggio a 6 vittorie per ottenere un matchmaking esemplificato e portare i propri amici al Faro.

Proprio per sopperire a queste importanti lacune Bungie ha deciso di attivare il matchmaking degli impeccabili a partire dalle 19:00, in modo da aiutare gli altri giocatori da domenica fino a martedì, giorno del reset. Questa misura sarà semi-permanente, e verrà monitorata in vista di una sua futura rimozione (di cui avremo notizie a fine ottobre).

Matchmaking: ancora cambi tecnici

Tra le future modifiche ci saranno le seguenti:

  • le munizioni speciali saranno ripristinate dopo la rianimazione;
  • l’aggiunta della funzionalità “tieni premuto” per l’acquisto di equipaggiamento da Saint-14, in modo da evitare spese accidentali;
  • gli alloggiamenti prodigiosi per le armi ricevute come ricompensa di reputazione saranno attivi e le armi precedentemente ottenute non avranno un alloggiamento prodigioso.

Dettagli finali

Come punto di conclusione, Bungie ha annunciato una piccola pausa per il Laboratorio delle Prove, che si riposerà per lasciar spazio allo Stendardo di Ferro e ritornerà a partire dall’8 ottobre.

Inoltre, la casa videoludica ha esplicato le modalità di partecipazione al contest di Threads Of Light, il magazine di moda di Destiny 2: per ottenere l’emblema esclusivo non dovrai far altro che pubblicare una foto dell’estetica del tuo guardiano su Instagram o Twitter, taggando i profili social del titolo e usando l’hashtag #ThreadsOfLight.

I 3 guardiani con più stile occuperanno la copertina del mese, ma nel caso in cui fossi degno di nota potrai ottenere ugualmente il tuo emblema!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Sei d'accordo con tutte le modifiche annunciate da Bungie?

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro