Unturned

Unturned – la nostra recensione per PlayStation 4

Sei uno dei pochi sopravvissuti a non esserti ancora trasformato in uno zombie, sei pronto a resistere?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Unturned è un survival game horror ambientato in un mondo post-apocalittico pieno di zombie, ispirato visivamente ai grandi Minecraft e Roblox e, cosi come in quest’ultimi, dovrai esplorare l’ambiente circostante, raccogliere risorse e craftare armi e materiali.

Il gioco, realizzato su Unity da un giovanissimo ragazzo canadese e rilasciato da Smarty Dressed Games, esisteva già su PC da qualche anno ma, col tempo, è riuscito ad ottenere una grande community che è riuscita a supportarlo fino all’uscita recente su PlayStation 4 e Xbox One.

In Unturned, oltre alla minaccia degli zombie, anche la natura renderà la tua vita difficile, e avrai bisogno di cacciare animali, cercare frutta e verdura, pescare e cercare fonti di calore.

Dunque, se vorrai resistere in questo duro mondo, dovrai metterti alla ricerca di risorse, come cibo, acqua e vestiti e sarai tu a decidere se farlo da solo, in coop con un tuo amico o con altri giocatori online.

Nel caso decidessi di giocare in modalità multiplayer, potrai scegliere se collaborare, uccidere o ammanettare i tuoi nemici: le armi sono tante, come spade, mitragliatrici, fucili e mine.

Potrai decidere se fidarti e collaborare con giocatori online o assaltare i loro accampamenti e saccheggiare i loro bottini.

Fortunatamente troverai anche dei mezzi con cui muoverti, come carri armati, quad, aerei e moto d’acqua.

E poi, pensi le case piovino dal cielo? Ovviamente no! Dovrai accumulare le risorse necessarie per costruire la tua base, aggiungendo man mano trappole, barricate e stanze. Dovrai pur resistere al buio e alla solitudine della notte, no?

Unturned è attualmente disponibile su PC, PlayStation 4 e Xbox One

Sfortunatamente, fin da subito di rendi conto che il gioco rasenta di qualche problema di fondo, soprattutto sul comparto gameplay.

Dal menù principale, con un’interfaccia a dir poco scadente, oltre a poter scegliere se giocare offline o in multiplayer, avrai anche la possibilità di personalizzare i tuoi personaggi con gli oggetti che troverai in giro tra le varie mappe.

Dopo averci messo più di cinque minuti ad essere accettato su un server, vieni gettato in un punto a caso della (confusa) mappa e, dopo averti suggerito i controlli di base, ovvero camminare, correre, accovacciarsi e saltare, dovrai muoverti in qualche direzione sperando di trovare un edificio, una casa o qualsiasi cosa, ma molti degli spazi sono del tutto vuoti.

Alcune mappe sono si immense, ma gli spazi sono del tutto sprecati. Le mappe comprese sono cinque e vi è anche una mappa creata dai fan: l’Isola del Principe Edoardo, lo Yukon, Washington, la Russia, le Hawaii e la Germania.

Inoltre, a parer mio, gli zombie sono quasi impossibili da sfuggire e uccidere, soprattutto agli inizi quando non hai ancora tante armi a disposizioni. Loro se ne stanno lì, fermi come pali, e al minimo errore ti corrono addosso all’infinito. Solo trovando armi forti avrai la possibilità di poter uccidere qualche zombie, perciò non aspettarti di abbatterli in modalità corpo a corpo.

Apprezzo l’impegno di aver personalizzato l’aspetto degli zombie a seconda di dove si trovano, passando dagli zombie chef nelle cucine, gli zombie poliziotti e zombie con il cappello da contadino, ma questo non salva la noia di questo survival game.

Unturned

Tanti oggetti da craftare, ma come si fa?

Unturned continua con un altro passo falso.

Ti spiega che esiste un bel menù per fare crafting, bene, ma non ti spiega come craftare gli elementi e ammetto che sono rimasto bloccato per un po’ di tempo su questo aspetto.

È un peccato, perché gli oggetti da trovare sono tanti, facendo ovviamente sempre attenzione allo spazio disponibile del tuo inventario, ma qualche felpa o zainetto potrai aumentare il numero di oggetti selezionabili. Il gioco comprende anche qualche missione, utile a dare una parvenza di trama dove però non ce n’è.

Nonostante imiti Minecraft, l’interfaccia sembra davvero troppo cheap, con una brutta scelta di font dei testi, di colori e di menù. Comparto sonoro? Assente.

Unturned non ti da ragioni di continuare a giocarlo, a parte scoprire quali oggetti esistono nel gioco o vedere un po’ di sano splatter cubico. Ha le potenzialità di essere un gioco divertente, ma non ti da mai modo di arrivare a quel punto. Inoltre, le giornate sembrano infinite e il ciclo giorno/notte non sembra passar mai, il che alla lunga rende tutto uguale.

Unturned

Unturned è attualmente disponibile su PC, Xbox One e PlayStation 4. Dai un’occhiata al sito ufficiale del gioco.

Sei un fan dei survival horror? Allora sbircia la nostra classifica ufficiale!

Unturned non sarà divertente come Minecraft, non sarà bello come Minecraft, non sarà… vabbè hai capito, no?

Potrebbe interessarti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scheda confidenziale su Unturned

Sei un sopravvissuto tra le rovine della società ormai infestata dagli zombi, e devi collaborare con i tuoi amici per stringere delle alleanze e rimanere tra i vivi.

Cosa mi piace

  • Buon esperimento del genere
  • Tante, tante armi
  • Mappe giganti...

Cosa non mi piace

  • Mi spiegate come si fa a craftare?
  • Grafica... scadente?
  • ...ma vuote.

65

Grafica

60

Impatto

75

Longevità

30

Sonoro

Il gioco comprende ben 39 trofei, che otterrai uccidendo più zombie possibili, trovando tutti i collezionabili, viaggiando in certi punti e perfezionando al massimo un’abilità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0