0
0

SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE – La recensione di un esperimento riuscito

La mia analisi di SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE su PlayStation 4, l’espansione stand-alone di uno dei più apprezzati sparatutto indipendenti degli ultimi anni

Fatti accompagnare alla scoperta di un valido DLC che partendo da una formula già ben rodata, raggiunge nuove vette grazie alle contaminazioni del genere roguelite. Tra proiettili vaganti e tanto divertimento, ecco SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE

Altre recensioni

Speciale 9 minuti fa
Speciale 6 ore fa
Robozarro 4 Agosto 2020
Frontline Zed 4 Agosto 2020
Fairy Tail RPG 3 Agosto 2020
Spitlings 3 Agosto 2020
Gerrrms 3 Agosto 2020
Golftopia 3 Agosto 2020
Liberated 3 Agosto 2020

Compralo ora!

Naviga tra i contenuti


Se ami il videogioco a 360° e come me sei sempre interessato/a a ciò che di nuovo il medium ha da offrire, l’ipotesi che tu non conosca SUPERHOT o che non l’abbia mai sentito nominare, è probabilmente inconcepibile. Parliamo infatti di uno dei giochi indipendenti più riusciti degli ultimi anni che, dopo essere nato come semplice prototipo in occasione della 7 Days FPS Game Jam Challenge del 2013, ha riscosso un successo strepitoso venendo apprezzato in gran parte del mondo.

Grazie al riscontro positivo suggellato tre anni più tardi in seguito all’uscita del gioco, il team di sviluppo che in gran parte si trovava alla sua prima vera esperienza, ottenne tutto ciò di cui aveva bisogno per continuare ad ampliare quell’idea di base. Il primo passo, considerato da molti ciò che diede vita a una vera e propria esperienza definitiva, fu quello di abbracciare la realtà virtuale creando una versione del titolo che sfruttasse tale tecnologia.

Superhot, Superhot Mind Control Delete, Superhot DLC Recensione, Review Superhot Mind Control Delete, Superhot VR
SUPERHOT VR è a conti fatti un titolo imperdibile per chiunque ami indossare un visore e immergersi anima e corpo in ciò a cui sta giocando. Dopo quest’ennesima mossa vincente che vide la luce nel 2017, quale sarebbe potuto essere il prossimo obiettivo a cui ambire?

La terza e ultima fatica ad oggi concepita dal team SUPERHOT, la stessa di cui ti parlerò all’interno di questa mia recensione, non è altro che un DLC stand-alone del già citato gioco base, che non si limita tuttavia a essere un semplice more of the same. Questo MIND CONTROL DELETE rappresenta infatti un ulteriore ampliamento del franchise di appartenenza, ricercato attraverso la coraggiosa scelta di puntare a qualcosa di diverso. Ne sarà valsa la pena? Scopriamolo insieme.

Immersione immediata

Per quanto il cuore di questa espansione, esattamente come accadeva nel titolo originale, non sia certamente il comparto narrativo, la tipica atmosfera asettica e digitale che si respira al suo interno svolge ancora una volta un ruolo fondamentale in quella che è l’esperienza di gioco.

Una volta avviato, MIND CONTROL DELETE ci catapulta immediatamente nella stessa realtà cibernetica che contraddistinse il primo esponente del franchise, fatta di poligoni netti e scenari tricromatici perfettamente funzionali a un gameplay così immediato.

Dopo essere sprofondato in una realtà tra il fittizio e il disturbante, chi gioca non può far altro che difendersi con ogni mezzo da quelli che sembrano essere gli attacchi di un’entità informatica. Le regole del “gioco” sono molto semplici: il tempo avanza solamente quando tu decidi di farlo e lo scopo è quello di eliminare un sufficiente numero di minacce. Uccidi o sarai ucciso; solamente così ti sarà concesso di progredire all’interno del titolo.

Fino a qui niente di nuovo per chiunque abbia già giocato SUPERHOT, ma ad arricchire queste costanti all’interno di MIND CONTROL DELETE troviamo un sistema di progressione basato su abilità e potenziamenti vari (Hack), inserito in una struttura dai caratteri procedurali.

Superhot, Superhot Mind Control Delete, Recensione Superhot DLC, Review Superhot Mind Control Delete, Superhot PlayStation 4
Parliamo quindi di un vero e proprio DLC in salsa roguelite; una combinazione convincente che porta i giocatori come me, appassionati di questo genere, a chiedersi quanto sarebbe opportuno ammettere di avere una dipendenza.

DLC stand-alone? Una scelta vincente

Il prezzo da pagare per un cambio di rotta come questo, all’insegna della casualità per quanto riguarda la posizione di nemici e risorse, è senza dubbio un allontanamento dalla natura strategica del gioco originale. Mentre vivendo SUPERHOT si aveva infatti la sensazione di dover attuare delle soluzioni, quasi fosse un gioco a enigmi, in questa espansione il giocatore gode di una più ampia libertà, che premia più di ogni altra cosa la capacità d’improvvisazione. Trattandosi tuttavia di un ampliamento del gioco base, trovo che parlare di difetto sia un errore da non commettere.

SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE sa divertire, non stanca e si presta bene sia a lunghe sessioni di gioco ininterrotto, sia a brevi attimi di spensieratezza. Questo, data la natura stessa del titolo che ovviamente punta moltissimo sul fattore rigiocabilità, è un dettaglio tutt’altro che trascurabile e capace di fare la differenza. Sbloccare nuove abilità e di conseguenza dare vita a possibili build sfruttabili nei livelli più impegnativi, rappresenta il fulcro dell’intera esperienza.

Va poi detto che l’aver già giocato o meno a una delle due precedenti interazioni del franchise, grazie anche a una curva della difficoltà studiata alla perfezione, non risulta assolutamente indispensabile per poter godere a pieno di questo DLC. Il tutto inizia infatti lento, calmo, quasi innocuo, facendoti sentire accompagnato per mano e mostrandoti ogni nuova meccanica introdotta. Poi, senza che tu possa evitarlo, si trasforma gradualmente in un inferno di proiettili ed esplosioni varie, proprio come se un’intelligenza artificiale stesse davvero cercando di ucciderti.

Superhot, Superhot Mind Control Delete, Review Superhot DLC, Recensione Superhot Mind Control Delete, Superhot PlayStation 4
L’unico modo che hai per difenderti è quello di hackerare la tua mente, che tradotto in termini di gameplay significa selezionare quali abilità attivare durante la serie di livelli in corso. Sbloccare nuovi Hack porterà a una scelta sempre più ampia e per quanto non si tratti di un gioco completo, in questo MIND CONTROL DELETE offre una varietà più che apprezzabile.

Un comparto tecnico migliorabile

Eccoci arrivati al pezzo conclusivo di questo mio puzzle costruito dopo aver giocato SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE. Esattamente come accade per il titolo originale, il comparto tecnico di questa espansione si potrebbe tranquillamente riassumere con un paio di aggettivi: essenziale e funzionale.

Il gioco deve infatti parte della sua immediatezza proprio al registro stilistico impiegato nel comparto grafico, capace di trasformare eventuali limiti in indiscutibili punti di forza. La scelta di puntare al minimalismo formale e tricromatico (oltre che sonoro), ripudiando così ogni forma di texture e dettagli, risulta azzeccata sotto ogni punto di vista.

Purtroppo però, qualche difetto doveva pur esserci e nonostante la maggior parte di essi non vada assolutamente a minare l’intera esperienza di gioco, non tenerne conto in fase di recensione sarebbe davvero superficiale. Giocando a questo add-on di SUPERHOT mi è infatti capitato di imbattermi sia in un bug fastidioso, sia in alcuni cali di frame rate. Per quanto riguarda l’entità di questi ultimi mi sento quasi di chiudere un occhio ma ignorare il fatto di essermi trovato più volte di fronte a un esercito di nemici invisibili, lo ammetto, mi risulta un po’ più complicato.

Una difficoltà ben gestita che aumenta con l'avanzamento nei livelli di gioco

Un'espansione nel vero senso della parola, che amplia in maniera sensibile l'esperienza del gioco base

Tutto il meglio di SUPERHOT con tanto di aggiunte azzeccate

Può creare dipendenza

Cali di frame rate sporadici

Presenza di almeno un bug piuttosto fastidioso

Può creare dipendenza

Con il suo singolo trofeo di bronzo, i suoi tre riconoscimenti argentati e le sue 10 coppe dorate, il Platino di SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE sarà un obiettivo piuttosto semplice e decisamente divertente, legato in larga parte all’abilità del giocatore.

Grafica
85
Sonoro
70
Longevità
85
Impatto
80
Voto
VOTA
0

In sostanza, SUPERHOT: MIND CONTROL DELETE è un’espansione stand-alone che prende il meglio del titolo originale, deviandolo però su binari più dinamici dalle sfumature prettamente roguelite. Un’esperienza pensata come opera autonoma apprezzabile sia dagli amanti del gioco base, sia da chi ha come me un debole per questo genere, spesso all’insegna della proceduralità.

Encomiabile poi la scelta degli sviluppatori di voler regalare questo DLC a chiunque abbia acquistato SUPERHOT (su qualsiasi piattaforma) prima del 16 luglio. Questa espansione verrà infatti distribuita automaticamente nelle librerie di chi ha comprato il gioco base, entro e non oltre sette giorni dalla sua data di lancio ufficiale.

Al netto di un’esperienza sempre avvincente e un prezzo pieno di 24,99 €, questa espansione di SUPERHOT riesce ad accaparrarsi un ottimo voto, senza tradire minimamente le aspettative che si portava dietro. In altre parole? Ti consiglio di farci un pensierino.

0

Commenti

1232

Miei

0
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!