fbpx

Silent Hill 2:”Our Special Place”, una guida alla sopravvivenza

Ecco come gestire il combat system e la difficoltà di Silent Hill 2, in questa terza parte della guida.

LIVE DEL GIORNO

Da non perdere

Naviga tra i contenuti

Eccoci qui con la terza parte della guida alla sopravvivenza dedicata al survival horror targato Konami, Silent Hill 2. Nel caso tu fossi finito qui per errore, questi sono i link per la prima e seconda parte, e se non fossi convinto di giocare questo videogioco a distanza di così tanto tempo, eccoti qui un articolo che potrebbe farti cambiare idea.

Comunque, in questa guida mi concentrerò su tutto ciò che concerne il combat system – quindi tutte le strategie, molto in generale per combattere tutti i nemici – e la difficoltà del videogioco.

Movimento

Molto spesso ci si muoverà in spazi stretti, come corridoi, e quando si hanno di fronte anche solo due nemici, può risultare ostico aprirsi un divario, specialmente se si stanno conservando i proiettili o se ne hanno pochi. Quindi, sapere come muoversi all’interno di questi spazi angusti è davvero importante per sopravvivere all’interno di Silent Hill.

Strafing

Quando si utilizzano i controlli tank (o 3D), è possibile eseguire uno strafe laterale verso destra o sinistra utilizzando rispettivamente i tasti R1 (RB) e L1 (LB). È possibile anche farlo in corsa, quindi tenendo premuto il tasto per correre, per poi selezionare il lato in cui si vuole andare.

È comunque possibile eseguire un semplice passo laterale nel caso si stia fermi e si utilizzino i tasti già citati. Quindi se tu volessi eseguire sempre uno strafe per superare tutti i nemici, ti conviene switchare tra corsa e camminata (spiegato nella guida precedente), ma non è un must.

Come sopravvivere ai mostri

I mostri sono vari e aggressivi a livelli differenti (alcuni saranno solo carne da macello, altri invece colpiranno senza pietà, senza parlare delle boss fight), ma in generale vengono tutti sconfitti allo stesso modo.

Puntare i nemici

Silent Hill 2 non permette al giocatore di selezionare il nemico da abbattere, utilizza invece un sistema di auto-mira (auto-aim, in inglese), e questo vale sia per l’arma bianca che per quella da fuoco.

Tenendo premuto il tasto R2 (RT) si solleverà l’arma, poi premendo X (A) si utilizzerà l’arma, qualsiasi essa sia. Se il nemico dovesse essere troppo lontano, nel momento in cui si proverà attaccare, si mancherà il bersaglio oppure James si metterà in una posizione diversa proprio per farti comprendere che non sarà possibile colpire – o meglio – ci sarà un miss al 100%.

È possibile cambiare il modo in cui si usa l’arma, ma consiglio vivamente di lasciare tutto com’è, in quanto quello è il setting migliore.

Uccidere

A volte per eliminare i mostri si avrà bisogno di più colpi – a volte tre, altre sei – questo varia anche in base al momento di ricarica – nel caso di arma da fuoco – oppure se si dovesse prendere una pausa dai colpi corpo a corpo.

Nel caso tu voglia utilizzare la pistola, un consiglio ottimo è semplicemente tenere premuto X (A) per sparare continuamente finché il nemico non va a terra. Una volta finite le munizioni, James ricaricherà da solo, ma ti conviene farlo a mano dopo qualche uccisione, così da tenere a mente quanti colpi ti sono rimasti.

Ricaricare l’arma da fuoco

Realisticamente parlando un caricatore può avere all’interno solo un certo numero di colpi, ed anche in Silent Hill 2 (come in tantissimi altri videogiochi) è così. Durante la fase di ricarica, il nostro protagonista sarà vulnerabile in quanto non potrà muoversi. Dando l’occasione perfetta al mostro – specialmente durante le boss fight – di attaccare e ferire mortalmente.

Quindi, per evitare questa animazione breve ma carica di ansia, cerca di tenere a mente quanti colpi ha un caricatore dell’arma che stai usando. Quando fai fuoco, conta i colpi e poco prima di finirli, allontanati dal mostro, entra nell’Inventario e ricarica l’arma, basta evidenziarla e premere X (A), poi dal menu Command selezionare Reload (ricarica). Quest’azione per quanto possa spezzare il ritmo di gioco, permette di guadagnare tempo ed essere sempre pronti, dunque è davvero importante non far eseguire la ricarica a James.

 

Calcio

Una volta buttato giù un nemico, se la radio dovesse ancora emettere dei suoni statici, puoi calciarlo, in modo da non dover sprecare altri colpi e non farlo tornare in piedi.

Spingere

Spostare leggermente i nemici è una tattica sottile introdotta in Silent Hill 2. In molti altri giochi, quando ci si scontra con un nemico, sembrerà di correre contro un muro inamovibile, mentre nel survival horror di Konami sarà possibile spingerli via. Questa mossa può fare la differenza in caso di corridoi molto stretti con multipli nemici, perché spingendone via uno è possibile aprirsi una strada per la fuga.

Attenzione: spingere è “superefficace” contro le Lying Figure e Mannequin, in quanto si riusciranno ad allontanare senza subire danni. La stessa cosa non vale per esempio con le Nurse, poiché si prenderà un leggero danno.

Sfuggire a una presa

Abbiamo commesso un errore, ed un nemico ci ha voluto dare un caloroso abbraccio: come si scappa da questa terribile situazione?

Prima di spiegare, un piccolo – ovvio – trivia: più tempo si rimarrà incastrati nella presa, maggiori saranno i danni che si subiranno, quindi bisognerà essere davvero veloci nel liberarsi, altrimenti si potrebbe morire.

Quindi, senza ulteriori fronzoli, ecco come fare: semplicemente bisognerà premere i tasti del controller più velocemente possibile, anche e soprattutto le frecce direzionali (D-Pad) e L1, L2, R1, R2 (su Xbox: LB, LT, RB, RT).

Combattere più nemici

Capiterà di avere una stanza con più nemici, ed in questo caso come si fa? Molto spesso la prima volta si tenderà ad andare nel panico, quando in verità è molto più semplice da gestire di quello che sembra.

Spesso l’arma migliore è la pistola, ma nel caso in cui si abbiano tre nemici davanti – per esempio – non esitare nel tirare fuori il fucile a pompa per eliminarne almeno due, per poi far fuori il terzo o con l’arma melee oppure con la pistola.

Non si tratta solo di sparare, ma anche del nostro posizionamento all’interno dell’area. Prendendo l’esempio di prima, se si corre indietro o si volta l’angolo per poi rimanere spalle a muro (con i nemici a dovuta distanza, altrimenti si è nei guai) i mostri arriveranno uno dietro l’altro – cioè in fila – e così sarà molto più semplice farli fuori anche con l’arma bianca. Ma stai attento: se i nemici saranno abbastanza veloci, ti ritroverai senza via di fuga. Quindi, buttane giù uno con l’arma melee, e poi calcia, almeno sarai certo della morte del mostro.

Gestione delle boss fight

Molto spesso le boss fight all’interno di Silent Hill 2 saranno differenti l’una dall’altra, proprio perché si parla di mostri davvero particolari. E allora come si fa a sconfiggerle?

Prima di tutto utilizza le armi da fuoco, e durante le fasi di esplorazione antecedenti alle boss fight, cerca di non utilizzarle, o comunque fallo il meno possibile, in modo da avere un sacco di munizioni. Basta immaginare che – nella mia partita – sono riuscita a conservare più di 200 colpi per la pistola, dopo sole poche ore dall’inizio dell’avventura (ed il titolo è il mio primo survival horror “vecchio stile”).

Come sempre, non si tratta solo di riuscire a sparare, ma in questo caso anche della coordinazione del personaggio, sapere quando fare cosa in base ai tempi delle animazioni. Per esempio imparare ad eseguire uno strafe al momento giusto può fare la differenza in quei casi. Più in generale, comprendere come ci si muove può semplificare di molto le battaglie.

Prima di iniziare la partita bisogna spiegare per bene i vari tipi di livelli di difficoltà presenti all’interno di Silent Hill 2. Questo sarà probabilmente l’ultimo step prima di iniziare la guida vera e propria del gioco.

Una volta selezionato New Game (nuova partita) dal menu principale, ci sarà la richiesto di selezionare a quale difficoltà vorremo affrontare l’avventura all’interno delle città, e questa si divide in due: Action e Riddle.

Action

Diciamo che come titolo si spiega da solo, non è altro che il livello delle fasi d’azione nella quale ci ritroveremo, quindi tutto ciò che concerne la vitalità, velocità, potenza e aggressività dei nemici.

Beginner

Se sei totalmente nuovo al genere survival horror, e vuoi un’avventura tranquilla, questo è il livello adatto a te. È praticamente impossibile morire, ci deve essere davvero un super attacco – o negligenza del giocatore – per passare a miglior vita, i nemici andranno giù con massimo tre colpi (anche con l’arma più scarsa e senza calciarli) e non respawnano, mentre le boss fight sono semplificate il più possibile.

In più il giocatore non dovrà fare nulla per quanto riguarda le prese e dulcis in fundo, il protagonista ricaricherà da solo quando le munizioni scarseggiano e sarà possibile utilizzare il D-Pad (freccette) per utilizzare il “livello del Toluca Lake“.

Easy

Non è così semplice come Beginner, ma è comunque molto player friendly. I mostri cadranno dopo due (massimo tre) colpi, ed ogni tanto avranno bisogno di essere eliminati con un calcio. Respawneranno poco. Per quanto riguarda i boss, sono a metà della loro forza ed aggressività standard.

Il giocatore avrà la responsabilità di liberarsi dalle prese e deve ricaricare sia in game che nell’inventario. Anche in questo caso per il livello del Toluca Lake si avrà l’opportunità di utilizzare frecce ed analogico sinistro.

Normal

Questo è il livello con cui i game designer vogliono che Silent Hill 2 venga giocato. Le creature orribili andranno giù con tre o quattro colpi (a volte di più) e quasi sempre ci sarà bisogno del calcio. Le boss fight sono alla loro vitalità e velocità normale. Si deve scappare dai calorosi abbracci da soli e si avrà la totale responsabilità sulle armi. Freccette ed analogico sinistro vengono usati anche qui nel livello del Toluca Lake.

Hard

La difficoltà più alta disponibile. I nemici saranno molti di più e cadranno solo dopo cinque colpi, ed inoltre si dovrà calciarli sempre, ma respawneranno spessissimo. Per quanto concerne i boss, questi avranno il doppio degli HP e della forza fisica.

Il videogiocatore sarà responsabile della fuga dalle prese e delle armi, la mira di queste ultime sarà leggermente più imprecisa e se si correrà alla velocità massima si andrà a sbattere contro i muri, rimbalzando, questo significherà rischiare di andare tra le braccia dei mostri. Per gestire il livello del Lago Toluca, ci sarà bisogno di entrambe le levette analogiche.

Silent Hill 2

Riddle

Non è altro che la difficoltà degli enigma ed indovinelli presenti nel survival horror. Infatti va a toccare la capacità di analisi richiesta e quanto chiari sono gli indizi dati dal gioco. Per alcune coppie di difficoltà (facile/normale o hard/extra), alcuni potrebbero rimanere gli stessi, ma altri saranno completamente diversi.

Easy

Tutti i puzzle sono semplificati al minimo, le soluzioni saranno spesso sotto il nostro naso, mentre in altri casi saranno direttamente saltati oppure ci verrà data la risoluzione fin dall’inizio. Un modo semplice per iniziare a comprendere i meccanismi, ma non pone una vera sfida.

Normal

In questo caso gli enigmi possono sembrare abbastanza complicati, ma in realtà le spiegazioni sono super-chiare. Anche se bisogna dire che molti aspetti sono chiari, altri potrebbero dare del filo da torcere, ma una volta compreso si urlerà quel tipico “Ah! Ecco!“. Adatto per coloro che non hanno mai giocato a Silent Hill 2 ma vogliono accendere il cervello.

Hard

In questo caso si dovrà veramente utilizzare la mente, alcuni elementi possono essere semplici, mentre altri confondono. Per risolverli bisogna necessariamente aver già avuto a che fare con la meccanica di gioco degli indovinelli made in Silent Hill. Altrimenti bisognerà concentrarsi davvero tanto.

Extra

Una volta che hai completato il gioco a facile, normale e difficile, potrai sbloccare la difficoltà extra. Qui i puzzle saranno così complicati da sembrare senza senso, e per completarli dovrai avere conoscenza di fiabe e concetti di letteratura. Inoltre esaminare tutti gli oggetti diventa fondamentale per superare i vari indovinelli.

Comunque, l’opzione Extra non verrà sbloccata subito, ma bisognerà iniziare la partita a difficile, al primo salvataggio, noterai Extra nel tuo file, ma solo se hai tutti i requisiti adatti.

Dalla prossima guida si inizierà il primo scenario, quello principale in cui James è il protagonista. Ricorda di tenere a mente tutti questi consigli per poter avere vita facile all’interno di Silent Hill 2.

 

Ti potrebbe interessare...
Old But Gold #57 – Silent Hill 2
Sono passati quasi due decenni da quando Silent Hill 2 uscì sugli scaffali in Giappone e Nord America a fine settembre del 2001. Il gioco…
Pyramid Head
Pyramid Head, il mistero continua
Diciassette anni… tra settembre e novembre del 2001, Silent Hill 2 raccoglieva la pesantissima eredità del primissimo capitolo di una saga – ad oggi –…

0

Commenti

988

Miei

0
0
0
0

La tua opinione conta!