Operation Citadel

Operation Citadel: un simulatore della 2° guerra mondiale

Ecco a te la recensione di Operation Citadel, un simulatore di guerra molto dettagliato e complesso da gestire

Operation Citadel è un simulatore di guerra che pone l’accento su delle meccaniche di gioco estremamente dettagliate e talmente complesse da scoraggiare qualsiasi giocatore novello del genere. Lo sviluppatore ha persino incluso, assieme al gioco, un manuale consultabile e perfino un link che rimanda a dei tutorial (come quello sovrastante) postati su YouTube. Questo lascia già intendere quanto, effettivamente, il gioco possa rivelarsi estremamente complesso. La grafica, d’altro canto, è davvero minimale.

Tuttavia, per coloro che sono davvero appassionati del genere e pretendono un livello di realismo quanto più alto possibile (dopotutto, stiamo recensendo un simulatore), il gioco potrebbe rivelarsi un piacevole passatempo.

Operation Citadel
Come è possibile vedere dal menù principale, il gioco cura molto l’aspetto “personalizzazione”. Per un giocatore novellino, sarà possibile diminuire la difficoltà fino a raggiungere una migliore comprensione del gameplay.

Contesto

Il contesto storico di questo simulatore è la seconda guerra mondiale. Sarà possibile scegliere la nazione con cui combattere (sì, anche la Germania Nazista, rigorosamente con svastica trasformata in croce svizzera perchè se no qualcuno potrebbe svenire), il fronte e la campagna.

Detto ciò, le scelte iniziali non forniranno altro che un punto di partenza, dopodiché le sorti delle varie battaglie saranno del tutto nelle nostre mani. Le partite si dividono in turni, quindi una volta terminate le nostre operazioni dovremo passare la palla alla/alle nazione/i avversaria/e. Sul campo potremo avere anche degli alleati, come nel caso dell’attacco alla Polonia da parte del terzo Reich.

Operation Citadel
All’inizio di ogni campagna ci si parerà davanti un muro di testo che spiegherà la vicissitudini legate alle operazioni belliche in corso. Dopodiché, inizierà l’attacco.

Gameplay

Principalmente, potremo giocare in single player, multiplayer o usare l’editor per personalizzare campagne, mappe e fazioni. Trovare altri giocatori, forse anche per l’orario da noi prediletto, è stato impossibile, purtroppo. Tuttavia, a giudicare dalle recensioni su Steam, pare che il gioco abbia già raccolto intorno a sé una piccola community entusiasta.

Ad ogni modo, per noi la parte migliore consiste nella modalità campagna, grazie alla quale potremo rivivere la seconda guerra mondiale, dai sicuri e comodi cantucci di casa, di fronte ad un rassicurante PC.

Operation Citadel
Schermata tipo con cui avremo a che vedere durante ogni partita.

Campagna

Dopo aver effettuato le nostre scelte, inizia la battaglia. Se toccherà subito a noi, avremo a disposizione diverse azioni, alcune delle quali difficilmente comprensibili all’inizio.

Disporremo di una certa somma di denaro, utilizzabile principalmente per acquistare mezzi bellici, che potranno poi essere disposti attorno ai quartier generali di cui si dispone. Tuttavia, già da questo semplice punto, in Operation Citadel, sarà necessario fare attenzioni a categorie e differenze tra i vari mezzi, dei quali non potremo disporre in maniera libera.

In ogni caso, saranno sempre necessarie delle risorse, ottenibili in vari modi ma, principalmente, occupando città e avamposti nemici. Bisognerà fare molta attenzione alla nostra disponibilità economica, anche solo per rifocillare le truppe di munizioni e gasolio. Il denaro servirà anche per sviluppare alleanze e alterare l’economia, cercando di volgere tutto a nostro favore.

Come abbiamo già ripetuto più volte: comprendere a fondo le meccaniche di gioco è difficile, più volte commetteremo errori e ci ritroveremo a consultare tutorial e manuali. Sì, Operation Citadel è un gioco che si atteggia a esame universitario. Ciò lo relega ad una ristretta cerchia di appassionati disposti, letteralmente, a studiare il gioco o che siano, almeno, già molto ferrati.

Anche le modalità di attacco e difesa vanno studiate in base alle statistiche delle singole unità, in quanto attaccare un’unità nemica potrebbe ritorcersi contro i nostri soldati. Il pronostico sarà comunque visibile prima di confermare l’attacco. Dovremo anche preoccuparci di stanziare le truppe in difesa degli avamposti, prima di terminare il nostro turno.

In Operation Citadel spostarci lungo la mappa non sarà proprio agevole, dato che anziché la classica combinazione wasd ci toccherà usare le frecce unitamente al mouse, non proprio il massimo della comodità.

Operation Citadel
Durante le partite, sarà possibile visionare una orrida versione pixelata della mappa. Selezionando i colori corrispondenti a certe categorie potremo spostarci rapidamente lungo la mappa principale.

Operation Citadel Editor

Se non vorremo avere un punto di partenza preciso e prestabilito, potremo utilizzare le varie modalità di editing e i tools per personalizzare le nostre mappe, anche in maniera geografica, disponendo foreste fiumi, strade e altro, tutti elementi che vanno a influenzare i movimenti delle varie tipologie di mezzi bellici. Insomma, se preferisci inscenare battaglie e verificare scenari tutti tuoi, puoi farlo ma, anche qui, prendere dimestichezza con i controlli sarà fondamentale.

Operation Citadel

Grafica e colonna sonora

La grafica, come puoi ben vedere, è estremamente minimale e riduce intere città a esagoni conquistabili. Tuttavia, a pensarci bene, probabilmente una grafica semplicistica è preferibile nel caso Operation Citadel, visto il gameplay.

La colonna sonora è ben calzante con l’atmosfera ed è anch’essa personalizzabile, perfino durante le partite. Dovremo pur tenerci occupati mentre aspettiamo i lunghi turni degli avversari.

Giudizio

Insomma, Operation Citadel non è per tutti. Questo non lo rende necessariamente un brutto gioco. Non è la prima volta che bolliamo come “esclusivo” un videogioco (vedi la recensione di Wingspan) e in ogni caso intendiamo sempre che il gioco in questione sia indirizzato ad appassionati/esperti. Se sei fra questi, potresti passare delle ore di qualità in questo amatoriale ma complesso simulatore di guerra, specie dal momento che non presenta bug o glitch di alcun tipo. Operation Citadel è disponibile su Steam12,49 €.

Scheda confidenziale su Operation Citadel

Il simulatore è basato sulla seconda guerra mondiale, dalla prima all’ultima campagna. Tuttavia, saremo noi a decidere le sorti delle singole nazioni.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Ci sono ben 66 trofei da sbloccare, i quali riguarderanno obiettivi via via sempre più difficili da raggiungere: partiamo da “Launch the game” fino a “Win 100 Games”.

Grafica

60

Impatto

65

Longevità

65

Sonoro

70

Operation Citadel non è un gioco per tutti e ha una grafica decisamente poco attraente. Tuttavia, se sei estremamente appassionato del genere, gradisci meccaniche di gioco iper-dettagliate e sei disposto a “studiare” manuali e tutorial di gioco, potrebbe fare al caso tuo.

VOTO COMPLESSIVO

6.3

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI