z-warp copertina recensione

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch

Una classica missione di routine di recupero e eliminazione di orde di mostri!

Z-Warp, titolo Arcade con elementi da Shooter game, ha fatto il suo debutto il 6 aprile per PC e Console (PlayStation 4 e 5; Xbox One e Serie X/S; Nintendo Switch); il titolo è stato sviluppato dallo studio Panda Indie Studio e pubblicato da Eastasiasoft.

Si tratta di uno Shooter game verticale che ricorda molto i cabinati degli anni Ottanta, sia per lo stile grafico utilizzato che per le musiche; lo scopo principale sarà sconfiggere i nemici che arriveranno da tutte le direzioni.

Il titolo è stato provato utilizzando una Nintendo Switch Lite e dopo che il gioco si avvia si nota subito che lo schermo della Console non è stato sfruttato interamente; questa scelta è quantomeno discutibile, visto che al centro avremo il gioco effettivo e a sinistra e destra due enormi bande nere insensate, che si sarebbero evitate se si fosse sfruttato interamente lo schermo (stessa scelta fatta anche per le altre Console e PC).

Z-Warp
Z-Warp: la ragione di queste orribili bande nere è sinceramente inspiegabile.

Di seguito puoi vedere il trailer.

Z-Warp: la trama

Z-Warp ha una “trama” che in realtà è soltanto un banale pretesto per giustificare i massacri che il giocatore farà (e subirà) dopo averlo avviato; il giocatore vestirà i panni del miglior pilota della Z-Division che a bordo del suo speciale caccia di ultima generazione dovrà recuperare la scatola nera di un’astronave di ricerca dispersa.

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch 1

Il gioco propone cinque livelli con un boss di fine livello da affrontare e per completarlo ci vogliono (in teoria) dai quaranta ai cinquanta minuti. Al termine semplicemente ci verrà comunicato che la missione è stata completata; non ci sarà altro da fare se non migliorare il proprio punteggio nelle due modalità (Story e Endless).

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch 2

Z-Warp: il gameplay

Z-Warp, richiama e cerca di omaggiare gli Shooter verticali dei cabinati Arcade degli anni Ottanta, in breve lo scopo principale è spazzare via tutti i nemici che si parano di fronte e battere il boss finale; per raggiungere l’obbiettivo l’astronave in dotazione del giocatore avrà tre attacchi differenti:

  • Tasto Y: fuoco rapido ideale per eliminare gruppi di nemici.
  • Tasto X o B: fuoco lento e caricato ideale per eliminare nemici coriacei e ostacoli ambientali.
  • Tasto A: Viene sganciata una bomba di prossimità di intensità variabile a seconda della carica.
  • Levetta sinistra: movimento dell’astronave (avanti dietro destra sinistra) all’interno del riquadro.

La nave non si fermerà mai e avanzerà in automatico sempre in avanti e ci si potrà limitare a spostarla per evitare gli ostacoli; la nave di default potrà incassare tre colpi prima di distruggersi e vista la quantità di proiettili che arriveranno a schermo questa possibilità è piuttosto comune (in particolare contro i boss).

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch 3

Z-Warp: considerazioni sul gameplay

Z-Warp propone due modalità di gioco chiamate Story ed Endless e l’unica differenza sostanziale è che nella Story si potrà selezionare la difficoltà, visto che i livelli proposti sono gli stessi in entrambe le modalità; nella Endless ci si aspetterebbe di avere tentativi infiniti ma invece ne offre un numero limitato, mentre la Story permette di selezionare la difficoltà (facile; medio; difficile). Peccato che non cambi assolutamente nulla.

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch 4

Fermiamoci un momento sulla difficoltà del gioco e concentriamoci su tre aspetti importanti:

  • Nel menu principale c’è una guida e in teoria dovrebbe spiegare i comandi di gioco e fornire un tutorial, peccato che offra quattro pagine di testo inutili, quindi i comandi si imparano giocando.
  • Sia nella Story che nella Endless la difficoltà è estrema e come detto i tentativi sono molto limitati; le tre vite a disposizione del giocatore possono essere aumentate raccogliendo dei potenziamenti e anche i tentativi possono essere aumentati (chiamati Credits) a patto di sconfiggere i boss di fine livello.
  • Se il giocatore perde le vite e termina i tentativi deve ricominciare da capo l’intero gioco! Anche se sei morto al quinto livello devi ricominciare dal primo.

Un gioco deve essere difficile per stimolare il giocatore a sviluppare nuove strategie, per superare gli ostacoli proposti, questo titolo invece offre solo frustrazione inutile e sinceramente non si capisce il perché di tali scelte.

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch 5

Z-Warp: aspetti tecnici

Z-Warp se non fosse per il suo lato tecnico sarebbe altamente insufficiente, visto che offre il nulla cosmico, ma almeno è stato realizzato in maniera dignitosa e questo aspetto garantisce la sufficienza.

  • Lo stile retrò del gioco è ben realizzato, sia per quanto riguarda le ambientazioni che per quanto riguarda i personaggi, offrendo un bel tuffo nel passato di giochi ben più gloriosi di questo “esperimento”; ovviamente le orribili bande nere penalizzano la buona grafica.
  • Anche la colonna sonora è stata realizzata in maniera ottimale e senza difetti da segnalare: le musiche sono in tema con lo spirito del gioco e ricordano molto quelle dei cabinati. Sono il vero punto di forza del gioco e ricordano molto quelle di Metal Slug. Anche gli effetti sonori sono ben realizzati.
  • I comandi sono fluidi e reattivi senza ritardi di alcun genere e questa è l’unica cosa positiva del gameplay che si può segnalare.
  • Problemi gravi come bug o crash non sono avvenuti durante la nostra prova; si segnala l’assenza della lingua italiana (sinceramente in questo caso è l’ultimo dei problemi).

Z-Warp: la recensione per Nintendo Switch 6

Scheda confidenziale su Z-Warp

Nell’anno 21XX i governi della terra inaugurano una speciale nave in grado di creare dei passaggi dimensionali. La nave durante il viaggio inaugurale rimane intrappolata in una realtà parallela; una divisione speciale (Z-Division) ha il compito di recuperare la scatola nera dell’astronave e manderanno per la missione il miglior pilota disponibile.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

La versione per Nintendo Switch non prevede trofei; l’unica cosa che si può fare è migliorare il proprio punteggio e confrontarsi con gli altri giocatori.

Grafica

70

Impatto

40

Longevità

50

Sonoro

80

Z-Warp è una grossa delusione che omaggia sì i giochi Arcade, ma non quelli belli e gloriosi del passato bensì quei titoli mediocri e inutili dimenticati perfino dai loro stessi creatori.

Il gameplay è semplicemente ridicolo: due modalità identiche, tutorial inesistente, difficoltà elevata e non regolabile e infine enorme frustrazione per tutte le volte che bisogna ricominciare da capo e il tempo per finirlo aumenta sensibilmente.

Il lato tecnico salva il titolo dalla rovina rendendolo quantomeno accettabile: graficamente lo stile retrò funziona bene, purtroppo le bande nere e lo schermo ridotto rovinano tutto; il punto di forza è la colonna sonora sinceramente orecchiabile che poteva essere la colonna sonora di un bel titolo che omaggiasse le glorie del passato con uno sguardo al futuro.

A causa dell’offerta del gameplay (attenzione non la realizzazione perché comunque problemi non ci sono stati ed è perlomeno giocabile anche se irritante e frustrante), oltre che per la sua insensata difficoltà, solamente i giocatori hardcore che adorano questi giochi possono apprezzarlo (sebbene ci siano forti dubbi) mentre tutti gli altri è meglio che vi stiano alla larga.

VOTO COMPLESSIVO

6

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI