World of Warcraft

World of Warcraft fermo per via della causa ad Activision Blizzard

La produzione di World of Warcraft si è interrotta!

Pubblicità

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Dopo l’ultima cinematica su Sylvanas non troppo piaciuta ai fan, oggi abbiamo per te una notizia a dir poco shockante relativa a uno dei più grandi pilastri del mondo videoludico, nonché uno dei giochi più longevi di sempre che trae le sue radici nel lontano 2004: World of Warcraft. Al momento della scrittura di questo articolo purtroppo, il gioco vede il proprio team di sviluppo completamente bloccato e impossibilitato nel lavorare.

World of Warcraft Shadowlands Sylvanas 2

World of Warcraft: la produzione si è interrotta

Se ti ricordi, qualche tempo fa ti avevamo parlato della causa legale che vede lo Stato della California impegnato contro Activision Blizzard. Si tratta di una causa molto interessante e soprattutto che vede protagonisti temi molto attuali, ti consigliamo di andare a dare una lettura al nostro articolo. A ogni modo, in seguito a questa causa, secondo le voci del progettista senior Jeff Hamilton, il tumulto emotivo della vicenda avrebbe interrotto i lavori su World of Warcraft.

Proprio così! Tutto sembra fermo e su Twitter Jeff Hamilton ha deciso di spendere due parole per quanto concerne questo particolare evento:

“Non so cosa fare. Non ho tutte le risposte.” Scrive Jeff riferendosi alla causa legale, per poi continuare:Posso dirvi che quasi nessun lavoro viene svolto su World of Warcraft in questo momento mentre si concretizza questa oscenità. E questo non giova a nessuno, né ai giocatori, né agli sviluppatori, né agli azionisti.”

Jeff si definisce molto disgustato relativamente agli abusi subiti dalle colleghe arrivando perfino a criticare il suo stesso studio:

“La risposta di Activision è attualmente prendere un gruppo di sviluppatori di livello mondiale e renderli così arrabbiati e traumatizzati da renderli incapaci di continuare a creare un grande gioco.”

Activision Blizzard ha negato le accuse contro di essa, affermando che la causa include descrizioni più che distorte e in molti casi del tutto false.

Insomma, si tratta senza dubbio di momenti critici per l’azienda e noi attendiamo con ansia di avere novità in merito!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Tu cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro