Ubisoft Montreal Copertina

Ubisoft: solidarietà da 500 dipendenti dopo lo scandalo Blizzard

Anche i dipendenti Ubisoft manifestano solidarietà ai colleghi di Activision Blizzard e domandato un rinnovamento nell’industria videoludica

Pubblicità

Un DLC di Minecraft? Assolutamente no! Bonfire Peaks ti metterà alla prova per fare una cosa sola: bruciare il tuo passato e andare avanti nella tua vita. Magari scalando una montagna.

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Vi crediamo, stiamo al vostro fianco e vi supportiamo”, dicono i dipendenti Ubisoft rivolgendosi ai loro colleghi di Blizzard, “abbiamo bisogno di cambiamenti veri in tutta l’industria”.

Questo è, a grandi linee, il contenuto della lettera aperta firmata da quasi 500 lavoratori della nota casa ideatrice di Assassin’s Creed. La lettera è stata pubblicata ieri pomeriggio dopo gli ultimi sviluppi dello scandalo che da una settimana sta attanagliando Activision Blizzard.

I lavoratori Ubisoft chiedono cambiamenti sistemici e duraturi

Lavoratori Ubisoft

Activision Blizzard non se la sta passando troppo bene in questi giorni, e a ragion veduta potrebbe dire qualcuno, visto il calibro delle accuse rivolte al suo pannello di rappresentanti.

Per farla breve, il problema si origina da una causa legale presentata martedì 20 luglio allo stato della California. In essa si denunciano terribili condizioni di lavoro e si citano numerosi casi di molestie sessuali nei confronti di dipendenti donne, a seguito delle quali una si sarebbe tragicamente suicidata.

La prima risposta dei rappresentati di è stata divisiva, ha antagonizzato ulteriormente i propri dipendenti e prodotto un’infiammata lettera di condanna da parte degli stessi (che ha raccolto più di 2500 firme in 48 ore), uno sciopero generale e un crollo delle azioni dell’azienda del 6%, oltre che numerose manifestazioni di sfiducia di da community, testate giornalistiche e persino altri publisher.

Come successo ai developer di WoW, anche Ubisoft ha avuto il suo proprio scandalo per molestie sessuali, culminato con una denuncia formale verso la società presentata al tribunale francese di Bobigny, e il caso stesso non è che l’ultimo capitolo di una serie di altre denunce e scandali provenienti da ogni dove nell’industria negli ultimi anni.

Ora i lavoratori della casa di Montreal si sono fatti avanti e pubblicato una lettera aperta che ha raggiunto per il momento quasi 500 firme. I firmatari manifestano nel testo completa solidarietà ai/alle dipendenti di Activision Blizzard e applaudono la denuncia del DFEH, ma non si limitano a questo: essi chiedono un cambiamento importante che influisca sulla struttura dell’intera industria.

E’ chiaro, dalla frequenza di questi report, che c’è una cultura di comportamenti abusivi diffusa e profondamente radicata all’interno dell’industria. Non dovrebbe più sorprendere nessuno (siano essi dipendenti, responsabili, giornalisti o fan) che questi deprecabili atti si stiano verificando. […] L’unico modo per risolvere qualcosa di così radicato è rimuovendo i pilastri che sono complici di quel qualcosa.”

A questo propositocontinua il testo, “proponiamo che Activision Blizzard, Ubisoft e altri publisher e developer di primo piano collaborino e concordino su un insieme di regole e processi per la gestione dei delle testimonianze di queste offese. Questa cooperazione deve coinvolgere fortemente i dipendenti che non si trovano in posizioni di amministrazione, e deve coinvolgere i rappresentanti dei sindacati.

Il testo integrale della lettera è disponibile di seguito in lingua originale.

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Che ne pensi della proposta dei dipendenti Ubisoft? Dicci la tua nei commenti!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro