Il trionfo di The Last of Us Parte 2? Un GOTY immeritato

Perché secondo me The Last of Us Parte 2, non merita questa videoludica onorificenza

The Last of Us Parte 2, c’è chi lo ha amato, c’è chi l’ha odiato; io sto perfettamente nel mezzo, non l’ho disprezzato per nulla, ma non posso dire di averlo adorato. Con questo dualismo di emozioni, al contrario di qualcun altro, a parer mio il premio Game of the Year 2020, che l’ha incoronato senza se e senza ma, non è per nulla meritato. Ed eccoti il mio punto di vista

Partiamo da un presupposto, non sono uno di quelli che spara sentenze senza aver toccato con mano qualcosa, cerco sempre di argomentare tutto quello di cui esprimo un mio parere, ma soprattutto ho assolutamente adorato il primo capitolo di The Last of Us.

videogiochi horror

Per me rappresentava qualcosa di eccezionale: aveva una storia avvincente, un personaggio, quello di Joel, che era ben caratterizzato, ma sopratutto rappresentava il canto del cigno di PlayStation 3, ovvero quel gioco che spremeva le ultimissime gocce di linfa vitale della terza incarnazione di console Sony e, al tempo, noi videogiocatori lo avevamo considerato un vero e proprio miracolo.

All’uscita del secondo capitolo, pur non avendolo preso al day one, visto che ho smesso di acquistare al giorno del lancio, salvo rarissime eccezioni, perché risparmiare una ventina di euro non mi ha mai fatto schifo (infatti la mia copia di The Last of Us Parte 2 è stata portata a casa alla modica cifra di 35€, più che onesto), nonostante questo sono riuscito a schivare la miriade di spoiler che costellavano internet. Non ho saputo nulla sulle morti, non sapevo nulla sui personaggi, conoscevo solamente chi avrei controllato ovvero Ellie, non Joel e sarebbe stato il continuo della storia originale che tanto avevo amato.

Una volta preso in mano il pad della mia fidata PlayStation 4 e installato i mille milioni di giga che The Last of Us Parte 2 richiede per partire, mi sono tuffato a capofitto su questa nuova avventura per capire che cosa sarebbe successo. Una volta finito il gioco, però, non avevo quella sensazione di appagamento mista a solitudine che mi prende quando porto a termine un titolo che mi ha particolarmente preso, anzi mi sentivo abbastanza anonimo e il giorno dopo ero già nel negozio dove lavoro a scegliere qualcos’altro da divorare.

Questa apatia, mi ha fatto capire di essere fronte ad un buon gioco, ma non al capolavoro che in molti mi avevano descritto, questo per pochi semplici motivi che andrò ad esporre qui.

La trama

Partiamo con il punto dove The Last of Us Parte 2 dovrebbe eccellere, ma che a parer mio fa “solo” un buon lavoro (da qui in poi ci sono fortissimi spoiler quindi se non hai giocato a The Last of Us Parte 2, salta direttamente al prossimo capitolo).

La storia della vendetta è buona, tuttavia il far morire Joel, un personaggio che ho tanto amato e che era stato magnificamente caratterizzato nel primo gioco, l’ho vista un po’ come una cosa affrettata. Mi sarei giocato la morte di un protagonista major più avanti nel titolo e non quasi all’inizio. Dirai tu, che probabilmente non avremmo avuto nessuna storia di vendetta, vero ma forse mi ero affezionato un po’ troppo a quell’uomo che molto aveva perso nel capitolo precedente e che si era intenerito a tal punto da reputare Ellie come una figlia.

Il sacrificio di Tess in The Last of Us

La parte con Abbie, ammetto, di essermela goduta nettamente di più. La ragazza è carismatica, ma fragile allo stesso tempo, le sue azioni danno un senso e un diverso punto di vista a quello che accade nel primo capitolo.

Ti fa capire che non ci sono né buoni, né cattivi, tuttavia, proprio per questo non reputo il suo finale adeguato alla questione e un po’ troppo diplomatico. Una tra Ellie e Abbie doveva morire e fare posto. Li ci sarebbe stato un “The End” da bocca aperta, magari giocandosi la carta del finale multiplo, ma così non è stato e quindi ne prendo atto.

The last of us 2 ellie o abby

Oltre a questo reputo che altri giochi in classifica per il Game of The Year, avessero una trama strutturata meglio, ma soprattutto con più mordente. Uno su tutti Final Fantasy VII Remake. Il fatto di essere basato su un gioco di 23 anni fa, probabilmente, ha fatto pendere su altro, tuttavia la storia di Midgar, di Sephirot e Barret (che io ho sempre definito una Greta Thunberg sotto steroidi) ha tutt’altro spessore.

Final Fantasy VII Remake, in più, ha alcuni tocchi di classe davvero niente male, ma soprattutto dei colpi di scena giostrati nettamente meglio che paradossalmente lo rendono molto più cinematografico rispetto a The Last of Us Parte 2. Poi capiamoci, se a distanza di così tanti anni ancora la trama viene ricordata un motivo ci sarà pure o no?

Il gameplay

Il gameplay di The Last of Us Parte 2 è il punto, probabilmente, che ho apprezzato di meno di tutta l’opera targata Naughty Dog. Il tutto si riduce ad un: esplora per vedere se ci sono risorse, uccidi gli infetti o i nemici che ti stanno intorno, cutscene.

The Last of Us Part II

Se ci fai caso ¾ del gioco sono impostati in questa maniera. Bello all’inizio, ma poi diventa una vera e propria palla al piede. Ammetto di essere arrivato quasi per inerzia e giusto per capire la trama, ma se fosse stato uno di quei giochi dove la trama è secondaria ed è solo un pretesto per tirare calci e pugni, probabilmente l’avrei mollato a metà. Da un gioco che punta a Game of the Year, questa sensazione non mi deve nemmeno sfiorare, perché come dice la parola io mi devo divertire con questo prodotto, non andare avanti perché devo.

Questione omosessualità

Uno dei punti dove il gioco si è beccato lo zero da alcuni utenti reputando il gioco non degno di essere giocato: Ellie è lesbica. Va beh, questa cosa si commenta da sola, ma lo sappiamo tutti internet ha dato voce a legioni di imbecilli. Ellie è omosessuale, si sa e si era capito nel primo capitolo del gioco, ma ancora di più nella sua espansione Left Behind, un tocco che mi ha aiutato anche capire di più com’è fatta la protagonista, quindi direi che come scelta ci può stare tutta e anzi, ben venga, perché comunque dà una caratterizzazione in più al personaggio.

Un momento divertente in The Last of Us - Left Behind
La cosa che proprio non capisco, invece, è il dover fare una miriade di personaggi, di secondo e terzo piano, con questa caratteristica. Perché? Lo vedo come una cosa estremamente forzata, messa giusto li per far parlare del gioco in sé. Non bastavano Ellie e Dina (la compagna della protagonista)? Se ci fai caso in più e più dialoghi viene citata la cosa di stare con persone dello stesso sesso. Come ti ho detto la vedo come una forzatura bella e buona. Non è influente per la questione Game of the Year, ma è un punto che mi ha comunque fatto pensare: “Non è importante che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli”

Innovazione

Ultimo, ma non ultimo punto della questione l’innovazione. Dove? In che cosa The Last of Us Parte 2 è stato innovativo? Alcuni mi hanno risposto per l’intelligenza artificiale davvero sopraffina dei nemici. Beh, io questa cosa proprio non l’ho notata. E prima di credere che ho scelta la difficoltà più bassa, quindi ci poteva stare una certa deficienza dell’IA, io ho giocato tutto il titolo a difficoltà normale, ovvero quella pensata da chi ha progettato il titolo.

Quindi chi meritava Game of The Year?

Half Life Alyx, senza pensarci due volte. È l’unico che ha davvero azzardato qualcosa in questo catastrofico 2020, ma che soprattutto ha creato un prodotto che si rispetti. Valve, si sa, non si muove spesso, ma quando lo fa, è sicuramente per qualcosa di importante.

half-life alyx

L’unica pecca? Il fatto che per girare debba essere utilizzata un’attrezzatura non alla portata di tutti, ma questa non può e non deve essere una scusante. Già il fatto che non sia stato nemmeno stato messo in lizza come Game of the Year, la dice lunga sulla valenza che un premio del genere può avere, ma come ho già detto in un’altra discussione: “Le jeux sont fait” il resto sono solo chiacchere da bar.

Ma quindi è tutto da buttare in The Last of Us II?

Ma no, non diciamo idiozie. The Last of Us Parte 2 è un ottimo titolo che secondo me, al prezzo giusto, va pure giocato da tutti gli appassionati. Se poi sei uno come me che ha adorato il primo capitolo, devi sapere che cosa succede dopo.

The Last of Us Parte 2, The Last of Us Parte II, The Last of Us 2 Finale, Spiegazione The Last of Us Part 2, Trailer The Last of Us 2

Tecnicamente è eccellente e, come aveva fatto il primo, spreme all’inverosimile la potenza di calcolo di PlayStation 4, anche la storia è buona, solo che, semplicemente, mi aspettavo di più e, a parer mio, quest’anno sono usciti giochi migliori che non hanno avuto lo stesso clamore.

Fonte

E tu cosa ne pensi? The Last of Us Parte 2 merita o non merita l'oscar dei videogiochi? Ma sopratutto perché? Parliamone qui sotto nei commenti!

Marco Consiglio
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Commento
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI