Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

- Recensione

Recensione di To Leave, un platform a scorrimento molto suggestivo!

To Leave 2018-10-08 12-39-10-49

Recensione di To Leave, platform a scorrimento orizzontale condito da tematiche mature e con un impianto artistico evocativo. Scopritelo insieme a noi!

Redattore
-
Gabriele Bielli

Vai ai commenti

Vai al punteggio

E’ difficile recensire un titolo come To Leave, creato dai ragazzi di Freaky Creations. E’ difficile perchè siamo davanti a un’esperienza decisamente hardcore, a tratti frustrante. Il comparto artistico, però, vale da solo il prezzo del biglietto: siete pronti?

Trama & Gameplay

In To Leave impersonificheremo Harm, un ragazzo che vive in una citta angosciante. Purtroppo Harm soffre anche apparentemente di depressione e cerca, tramire una porta magica, di fuggire dalla realtà. Tutto l’intreccio artistico di To Leave è sicuramente caratterizzato da un’impalcatura decisamente disturbante e onirica, che ci troveremo a vivere volando aggrappati a una porta. L’intro iniziale ci comunica subito di non giocare in caso fossimo affetti da disturbi psicologici… a buon intenditor poche parole!

Ciò che segue poi, è un turbinio di temi adulti che rendono To Leave un’esperienza a tratti decisamente matura, pur celata dietro a un comparto tecnico colorato.

Il fulcro di tutto è il ripristino di un portale chiamato Origin Gate e, per farlo, dovremo attivare otto templi diversi. Questi templi saranno a tutti gli effetti i livelli di gioco, con difficoltà crescente. Alla fine di un livello torneremo nella nostra camera a preparare quello successivo. Sostanzialmente To Leave appartiene al filone dei platform bidimensionali, con qualche momento in visione isometrica. La difficoltà del titolo è davvero elevata, aggravata per altro dal fatto che non avremo tutto il tempo del mondo a disposizione, anzi. Mi spiego meglio: in basso a sinistra sullo schermo troviamo l’indicatore della potenza, o vibrance.

Questo contatore scenderà fino a zero e, una volta esaurito, rallenterà i nostri movimenti fino al punto da non permetterci di proseguire. Per rifornire la vibrance dovremo raccogliere i piccoli spiriti presenti in giro per i livelli. Qual’ora dovessimo (e credetemi, succederà) bloccarci in un punto, la vibrance calerà inesorabilmente fino a buttarci fuori dal livello e costringerci a ripeterlo da capo.

Questo fattore, unito alla difficoltà del titolo, crea parecchi momenti frustranti nell’esperienza di gioco. Per poterci assicurare un checkpoint, che comunque non varrà in caso di azzeramento della vibrance, dovremo atterrare sulle faccie quadrate sparse per i livelli. Quest’ultime servono anche come portale fra una porzione di livello e l’altra, con una mini mappa nel lato destro inferiore dello schermo a facilitarci l’orientamento.

I comandi di gioco si ridurranno al premere ripetutamente il tasto adibito al mantenimento della porta in volo perchè, e qui sta la difficoltà, non solo non dovremo urtare i “nemici” ma non dovremo proprio toccare nulla al di fuori delle faccie quadrate, pena il ritorno al checkpoint precedente (o al dover rifare tutto il livello, in caso di azzeramento della vibrance). Purtroppo la seconda parte del gioco è caratterizzata da una difficoltà estrema, dubito fortemente che tutti riusciranno a finirlo. In questi casi è legittimo porsi una domanda: quanto è giusiticabile questa difficoltà in un titolo simile? E ancora: quanto condizionerà le vendite? Non so darmi una risposta, ciò che posso affermare è che To Leave è il gioco più difficile che abbia mai provato fin’oggi.

Comparto artistico

L’aspetto estetico di To Leave è sicuramente degno di nota. Non mi riferisco a un’effettiva prodezza grafica che sicuramente non c’è ma, anzi, proprio alla direzione artistica del titolo. Ogni pixel mosso da To Leave vi comunicherà emozioni sempre diverse, con livelli che spesso hanno temi umorali differenti.

Dal punto di vista della fluidità nulla da segnalare, il gioco è decisamente leggero e qualsiasi computer è in grado di muoverlo, anche e sopratutto grazie alla realizzazione bidimensionale dell’avventura. L’unico momento 3D è legato all’intro iniziale. Il menu di selezione delle opzioni grafiche non è previsto e nemmeno serve: To Leave si occuperà semplicemente di adattare la risoluzione a quella del vostro monitor e sarete pronti a lanciarvi nel mondo onirico di Harm. Ricordiamo inoltre che il titolo è a tutti gli effetti un porting da PlayStation 4.

Dal punto di vista sonoro To Leave è davvero una piccola perla: le musiche di accompagnamento avranno il fondamentale ruolo di creare il climax adatto e non mancheranno mai l’obiettivo. Allo stesso modo, gli effetti sonori sono sempre sul pezzo, sempre di qualità e adatti al contesto. Una menzione speciale all’effetto audio degli spiriti più grandi, che ci faranno sentire quasi in colpa quando li recupereremo per rimpolpare la vibrance e assicurarci la progressione dell’avventura. Segnalo, infine, una manciata di mancati caricamenti che mi hanno costretto a riavviare il titolo.

To Leave è sicuramente un’esperienza da consigliare, matura e con un impianto artistico evocativo e curato. Un comparto audio curatissimo completa un impegno tangibile da parte di Freaky Creations. Badate bene però, il gameplay è decisamente hardcore e a tratti frustrante: non per tutti. Vivete a pane e platform vecchio stampo? Se la risposta è si allora forse vi troverete a vostro agio, altrimenti preparatevi a passare del tempo in compagnia di un gioco impegnativo!

Artisticamente ispirato
Comparto audio eccellente
Gameplay impegnativo

8 ottobre 2018
Analisi di
Testato su: PC fascia Alta

Condividi la recensione!

A tratti decisamente frustrante
qualche bug

To Leave: recensione della versione PC

Altro su

Altre recensioni

1
Commenta!

avatar
1 Comment threads
0 Risposte alla discussione
0 Followers
 
Commenti con più reazioni
Hottest comment thread
più nuovi più vecchi più votati
Massimo Segante
Admin
Massimo Segante

Lo proverò, grazie per questa recensione! :D