Uscito originariamente nel 2013, il giallo ispirato alle opere di Agatha Christie torna su Switch

The

Una classica avventura punta-e-clicca immersa nel delitto e nel mistero, chiaramente ispirata alle opere di Agatha Christie, fa il suo ritorno su Nintendo Switch in una versione rimasterizzata dell’originale gioco ad episodi che permette a nuovi giocatori di cimentarsi con questo interessante giallo.
Scopriamolo insieme

Una classica avventura punta-e-clicca immersa nel delitto e nel mistero, chiaramente ispirata alle opere di Agatha Christie, fa il suo ritorno su Nintendo Switch in una versione rimasterizzata dell’originale gioco ad episodi che permette a nuovi giocatori di cimentarsi con questo interessante giallo.
Scopriamolo insieme

Uscito originariamente nel 2013 su PC e nel 2014 per PlayStation 3, The Raven torna grazie al lavoro di THQ Nordic che porta questo giallo di stampo classico sulle console di nuova generazione. La versione provata oggi è quella per Nintendo Switch.

Il gioco, originariamente diviso in 3 capitoli, è ambientato nel 1964. Ci troviamo a bordo dell’Orient Express, diretto in Turchiache custodisce a bordo un carico importantissimo: uno dei due Occhi della Sfinge, gemello della gemma rubata qualche giorno prima dal British Musem di Londra da un abile ladro, finora sempre sfuggito alla cattura e pluriricercato noto come il Corvo. 

Come scopriamo all’inizio del gioco in realtà si tratta di un emulatore del Corvo originale, ucciso qualche anno prima dalla sua nemesi col distintivo, l’ispettore Legrand.

Il protagonista di The Raven Remastered tuttavia non è né il celebre ladro né l’ispettore Legrand; per tutta l’avventura vestiremo i (larghi) panni dell’agente semplice della polizia svizzera Anton Jakob Zellner, che col suo aspetto dimesso da simpatico uomo di mezza età, per quanto a prima vista ispirato al celebre Hercule Poirot, tutto sembra meno che un eroe. Motivo questo che ce lo rende subito simpatico.

Zellner  si trova a bordo dell’ Orient Express in rappresentanza della polizia svizzera, territorio attraversato nelle fasi iniziali dal treno su cui viaggia  anche l’ispettore Legrand che sta scortando il prezioso rubino al Cairo dove, insieme alla pietra rubata, dovrebbe partecipare ad una importante esposizione

The Raven Remastered
L’agente Zellner non sembra un asso dell’investigazione, motivo per cui risulta immediatamente simpatico

Il gioco inizia proprio con l’incontro tra lo scorbutico ispettore e l’agente Zellner che, fiutato il mistero nell’aria, cerca di proporsi come ufficiale di collegamento con la polizia britannica e di dare prova al diffidente Legrand  di buone doti investigative.

Baffi a manubrio e libri gialli

Già a prima vista è intuibile come Zellner sia un personaggio ispirato al famoso detective ideato da Agatha Christie, come lui emana una innata simpatia e risulta veritiero nelle sue azioni: non ha grandi esperienze investigative alle spalle ma possiede un buono spirito d’osservazione e capacità deduttive allenate dalla lettura di innumerevoli romanzi gialli, elemento ricorrente all’interno del gioco.

Scopo di The Raven  è infatti quello di omaggiare e ricreare su console le detective story più classiche che dopo un inizio in sordina, avanzano tra un colpo di scena e l’altro, con un ritmo via via sempre più incalzante in cui il protagonista si districa tra numerosi indizi e personaggi per giungere alla soluzione finale del caso.

Nello specifico i 3 episodi di cui si compone The Raven porteranno Zellner dalle Alpi svizzere, a bordo del già citato Orient Express, all’ Egitto passando per una immensa nave da crociera.

I 3 capitoli hanno una durata complessiva di circa 10 ore, a meno di non impantanarsi con le indagini, risultando sufficienti per quanto giunti alla fine del gioco rimane la voglia di continuare a seguire le peripezie dell’agente svizzero.

Orient Express
Non saranno più gli anni ’30 dell’assassinio ma l’Orient Express mantiene tutto il proprio fascino

Gameplay

Dopo avere parlato in generale di The Raven  e della sua storia, passiamo al gameplay che in un gioco di questo tipo riveste una cera importanza.

Come da tradizione nelle avventure grafiche, genere nobile ultimamente un po’ in crisi, potremo controllare Zellner all’interno delle stanze di gioco facendogli osservare l’ambiente intorno ed interagire laddove possibile con oggetti o personaggi.

Ad esempio nei primi minuti di gioco potremo esplorare i vagoni dell’Orient Express e fare la conoscenza dei personaggi presenti a bordo, interrogandoli e sostenendo con loro dei dialoghi abbastanza lunghi che pur risultando talvolta troppo verbosi, sono  indispensabili per procedere nel gioco, dato che spesso dovremo risolvere alcuni piccoli problemi per conto dei passeggeri.

Tutti i personaggi che incontreremo nel gioco sono ben tratteggiati, risultando realistici, grazie anche ad un doppiaggio di buon livello; il parlato è interamente in lingua inglese ma è presente un’ottima localizzazione in italiano grazie ai sottotitoli attivabili durante la partita.

Le conversazioni che intratterremo con gli altri protagonisti della vicenda sono altresì interessanti e mai ripetitive, da seguire con la giusta attenzione per coglierne eventuali sfumature utili per le indagini.

Zellner potrà anche combinare gli oggetti rinvenuti e inseriti nell’inventario per utilizzarli alla bisogna, anche sfruttando un pizzico d’ingegno: per esempio si può utilizzare una matita per estrarne la grafite utile a rilevare le impronte digitali.

In linea di massima, in coerenza con il genere, quello che dovremo fare per tutta la durata del gioco sarà interrogare tutti quelli che incontriamo ed esaminare l’ambiente. Un gameplay classico e molto semplice, ma non per questo poco divertente.

The Raven
Ed infine la caccia al Corvo ci porta in Egitto, riuscirà Zellner a catturare il famigerato ladro?

Segnali di Stile

Detto in breve del doppiaggio possiamo spendere due parole sul comparto visivo: la remastered ha apportato alcune migliorie alla veste grafica originale, dando però una sensazione di incompiuto.

Le animazioni, specie quelle facciali, dei personaggi a tratti risultano poco credibili e dimostrano una certa imperizia: ad esempio nei primissimi minuti di gioco il nostro Zellner fa la linguaccia ad un monello che lo importuna, in questa azione tanto lo strotolare la lingua quanto l’espressione stessa dell’agente è poco realistica e nel complesso poco piacevole a vedersi.

Di tanto in tanto si manifesta qualche bug anche durante l’esplorazione dell’ambiente, ma nulla di fastidioso.

Sembrano interamente rimasti nel 2013 i filmati relativi alle cutscene; se giocando con la console in configurazione mobile non si riscontrano particolari anomalie, una volta collegata alla tv i filmati, comunque ben realizzati all’epoca, mostrano una spiacevole sgranatura.

Quanto detto sopra non inficia comunque il livello generale della remastered, che risulta comunque frutto di un buon lavoro da parte King Art Games.

Sono presenti alcuni extra relativi a concept e artwork vari, uno dei quali consente di visionare gli spartiti della colonna sonora che è veramente piacevole da ascoltare, specie nelle sue parti sinfoniche.

Ottimo comparto narrativo, coinvolgente

Gameplay da classico del genere

Personaggi realistici

Graficamente non al meglio

Dialoghi a volte troppo lunghi

La versione Switch non comprende trofei

Grafica
Sonoro
Longevità
Impatto

Voto

The Raven Remastered riesce a riportare su console un genere recentemente un po’ trascurato; con personaggi ben studiati e convincenti riesce a ricreare un giallo vecchio stile che potrebbe benissimo essere uscito dalla penna di Agatha Christie.
Con una trama coinvolgente, pur se lineare, e la soddisfazione data dal risolvere gli enigmi senza siti esterni può stuzzicare il palato degli appassionati.
Per tutti gli altri il prezzo di 29,90€ potrebbe essere troppo eccessivo per un gioco che comunque non è esattamente “moderno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>

The Raven Remastered riesce a riportare su console un genere recentemente un po’ trascurato; con personaggi ben studiati e convincenti riesce a ricreare un giallo vecchio stile che potrebbe benissimo essere uscito dalla penna di Agatha Christie.
Con una trama coinvolgente, pur se lineare, e la soddisfazione data dal risolvere gli enigmi senza siti esterni può stuzzicare il palato degli appassionati.
Per tutti gli altri il prezzo di 29,90€ potrebbe essere troppo eccessivo per un gioco che comunque non è esattamente “moderno”.

Voto

2+