Guilty Gear copertina

The Fighters Legacy #6 – Guida e Curiosità su Sol e Ky in Guilty Gear

Storia, mosse, tattiche e curiosità di Sol Badguy e Ky Kiske nel primo gioco della saga

Bentornato su The Fighters Legacy! Abbiamo quasi concluso il nostro viaggio attraverso Guilty Gear (The Missing Link), ma restano ancora cinque personaggi: i due protagonisti ed i tre boss. Partiamo quindi dai primi perché è finalmente tempo di parlare di Sol Badguy e Ky Kiske!

Prima di iniziare, però, ricordo la nostra piccola leggenda per quanto riguarda i simboli che saranno usati nelle movelist. I comandi direzionali saranno trascritti, come da tradizione, usando i numeri del tastierino numerico del pc. Se trovi quindi scritto 236, si intende che devi premere il tuo joystick verso il basso, poi in diagonale tra basso e avanti e infine avanti. Un altro esempio, 462 indica che devi premere indietro, avanti e infine giù. I comandi direzionali sono sempre intesi con il proprio personaggio a sinistra e vanno quindi inseriti all’opposto se giochiamo a destra.

Per quanto riguarda gli altri tasti e comandi speciali:
P -> Pugno, il tasto quadrato di default
K -> Calcio, il tasto x di default
S -> Slash, il tasto triangolo di default
HS -> Heavy Slash, il tasto tondo di default
Taunt -> il tasto R1 di default
QCF -> Quarter Circle Forward, ovvero 236
HCF -> Half-Circle Forward, ovvero 41236
DP -> Dragon Punch, ovvero 623
QCB -> Quarter Circle Back, ovvero 214
HCB -> Half-Circle Back, ovvero 63214
RDP -> Reverse Dragon Punch, ovvero 421
+ -> i tasti vanno premuti insieme
() -> un comando tra parentesi va tenuto premuto per una frazione di secondo perché funzioni
r -> una piccola r dopo il tasto indica che questo può essere premuto più volte per aumentare i colpi
any -> indica un qualsiasi input direzionale
/ -> questo simbolo indica che il comando può essere eseguito sia con un tasto che con l’altro

Ricordo infine che i Destroy Attack corrispondono tutti allo stesso comando: P+K per impostare lo schermo rosso e poi QCF e qualsiasi tasto per chiudere immediatamente lo scontro.

 

Sol Badguy

Nome: Sol Badguy
Età: sconosciuta
Razza e genere: Maschio Gear (convertito)
Altezza: 184 cm Peso: 74 kg
Gruppo Sanguigno: AB Occhi: Nocciola
Nazionalità: America / USA
Compleanno: sconosciuto
Hobby: ascoltare i Queen
Apprezza: l’album Sheer Heart Attack
Disprezza: i grossi sforzi, “cerca di dare il massimo”
Occupazione: cacciatore di taglie specializzato in Gear
Arma: una rozza spada lunga che emana fiamme
Musica: Keep Yourself Alive / Conclusion (vs Ky)

Partiamo subito dal protagonista principale della saga. In controtendenza rispetto ai tipici personaggi al centro dei picchiaduro (Ryu, Kyo Kusanagi), Sol Badguy è un anti-eroe con un atteggiamento spaccone e arrogante che si pone sempre al di sopra di coloro con cui parla. Non manca di avere un conflitto interiore dovuto alla sua natura, ma lo affronta decisamente meglio dei suoi colleghi. Il creatore di Guilty Gear, Daisuke Ishiwatari, ha ideato Sol come una personificazione del suo alter-ego ideale. Sol ha lunghi capelli castani che si estendono in una lunga coda, il suo colore simbolo è il rosso, indossa una bandana di quel colore con su scritto “Rock You” e la piastrina sulla cintura recita “FREE”.

La storia di Sol è, ovviamente, una delle più importanti del gioco, ma non è mai stata chiarita del tutto. Si sa che il suo vero nome è Frederick Bulsara e che in origine era uno degli scienziati che lavorava al Progetto Gear, ma venne tradito dal suo caro amico, “Quell’Uomo”, e finì per diventare il primo Prototipo di Gear umano. Fuggito quindi dal laboratorio, creò la sua bandana per nascondere il simbolo rosso sulla fronte (che identifica la sua origine) e sopprimere la sua natura che lo avrebbe portato a perdere la razionalità tipica di un umano.

Una volta risolto questo problema, Sol si impegnò a dare la caccia ai Gear per distruggerli ed impedire un loro utilizzo in guerra. E’ in questo periodo che viene a sapere dell’avvento di Justice. Per rispondere all’imminente crisi, crea l’OutRage, una colossale arma anti-Gear composta da otto componenti, le Jinki (tesori sacri), che amplificano le abilità magiche di chi le impugna. Sempre in questo periodo viene reclutato da Kliff nel Sacro Ordine dei Cavalieri Sacri dove si fa una certa fama. Stanco tuttavia dei metodi dell’Ordine, ad un certo punto decide di abbandonarlo portandosi con sé Fuuenken (Sigillo di Fuoco), una delle Jinki.

Nonostante l’abbandono, Sol risulta decisivo nello scontro finale dell’Ordine contro Justice. Pur se sconfitto, infatti, riuscirà a indebolire l’avversario e a confonderlo quanto basta per permettere a Ky di dargli il colpo di grazia e sigillarlo. Saputo del torneo per il secondo Ordine e del possibile ritorno di Justice, Sol partecipa alla competizione ed è proprio lui alla fine a sconfiggere il Gear Comandante che lo riconoscerà come Frederick, il suo predecessore, in punto di morte. E’ in questo momento che Sol giura che ucciderà “Quell’Uomo”, la mente dietro a tutto quanto è successo.

Guilty Gear 1998 Sol
L’aspetto di Sol Badguy nel primo gioco della saga

-Movelist-

QCFS/HS -> Gun Flame: Sol pianta la spada per terra emettendo un’ondata di fuoco. La versione con S è lenta mentre quella con HS è veloce.
DPS/HS -> Volcanic Viper: Sol esegue un uppercut fiammeggiante con la sua spada. Questa mossa può essere caricata. Al livello 2 è più grande e si muove più in alto mentre a livello 3 genera un muro di fuoco sulla scia percorsa dal personaggio.
QCBK -> Riot Stamp: Sol salta contro la parete alle sue spalle per poi scagliarsi contro l’avversario con una pedata a stampo.
QCFK -> Bandit Revolver: Sol esegue un doppio calcio in rotazione mentre piroetta in avanti.
Chaos Move: QCBQCBS -> Dragon Install: Sol rilascia parte del suo potere da Gear diventando più veloce e forte. Tutti i Volcanic Vipers contano come se già caricati al massimo. Al termine del power-up, Sol resta stordito temporaneamente.
Chaos Move: HCB6HS -> Tyrant Wave: Sol rilascia davanti a sé un gigantesco vortice roteante di fiamme che sembra un grosso ingranaggio.

-Tattiche-

Essendo il protagonista del gioco, Sol è decisamente sbilanciato e non avrai alcuna difficoltà a sconfiggere la CPU con lui (ricordo che fu il primo personaggio con cui terminai il gioco). La maggior parte dei suoi attacchi con S e HS hanno una priorità elevatissima e ti basterà effettuarli al momento giusto per anticipare l’attacco dell’avversario e infliggere danni massicci. La sua mossa più utile è Riot Stamp. Questa infligge buoni danni, non ha grossi tempi di recupero se parata e permette a Sol di avvicinarsi velocemente, cosa molto utile contro, per esempio, Justice. Ha persino una combo infinita, ti basterà ripetere il suo calcio in corsa seguito da un Volcanic Viper eseguito premendo S. Questo deve colpire due volte perché il ciclo infinito vada avanti, un solo colpo permetterà all’avversario di fuggire via.

Quanto scritto sopra funziona anche contro un avversario umano, ma, magari, ti potrebbe piacere una vittoria ottenuta con maggiore stile. Ecco quindi qualche consiglio aggiuntivo. Prima di tutto, tutti i suoi attacchi normali tranne HS possono essere cancellati in un Launcher e potete chiudere facilmente le combo aeree con un Volcanic Viper. Il suo calcio in corsa, a prescindere, infligge buoni danni e vi può permettere di concatenare delle buone combinazioni senza per forza ridursi a quella infinita. Infine, Sol ha due Chaos Move, ma l’unica davvero utile è la Tyrant Wave che può essere usata come OTG (ovvero un attacco che colpisce un avversario a terra). La Dragon Install invece non è molto efficace in questo primo gioco.

-Curiosità-

Come scritto in precedenza, Sol Badguy non è il suo vero nome. L’appellativo Badguy, Frederick lo ha ottenuto dalle autorità durante la sua carriera come cacciatore di taglie mentre in questo primo gioco non è chiaro da dove provenga il nome Sol.

Sol è l’alter-ego di Ishiwatari ed i due condividono la stessa band preferita: i Queen. Il personaggio è permeato di riferimenti al noto gruppo. Il suo stesso nome proviene da loro. Frederick è la versione estesa di Freddie e Bulsara era il cognome sotto cui era nato Freddie Mercury (Farrokh Bulsara). Inoltre il cantante veniva chiamato “Mr. Bad Guy”.

Per quanto riguarda l’origine del nome Sol, questo insieme alle sue capacità legate al fuoco sono una diretta citazione dell’omonima Dea del Sole nordica.

Keep Yourself Alive è il nome della prima traccia dell’album di debutto dei Queen e ricorda molto Stone Cold Crazy nel suo ritmo.

La scritta Rock You sulla bandana si riferisce ovviamente a We Will Rock You mentre quella FREE cita la canzone I Want To Break Free. Ma le citazioni non finiscono qua visto che la canzone Revelations degli Iron Maiden ha una strofa che fa: Bind all of us together/ Ablaze with hope and free/ No storm or heavy weather/ Will rock the boat you’ll see.

Essendo egli stesso un inventore, Sol ha creato molte armi differenti oltre alle OutRage, alcune delle quali ha usato egli stesso. Ha persino creato un fonografo portatile per ascoltare gli album dei Queen.

Sol è mancino, ma è stato mostrato più volte come possa usare abilmente due armi in entrambe le mani, pur preferendo ed essendo più efficace con la sinistra.

Sol ha il più elevato numero di cammeo esterni alla serie di Guilty Gear e ai lavori di Arc System Works, ovvero 6.

Ky Kiske

Nome Intero: Ky Kiske
Età: circa 21
Razza e genere: Maschio umano
Altezza: 178 cm Peso: 58 kg
Gruppo Sanguigno: AB Occhi: Cangianti (azzurri/verdi)
Nazionalità: Francia
Compleanno: 20 Novembre
Hobby: collezionare tazze da té
Apprezza: la pace, le persone che sorridono
Disprezza: Sol, la sua debolezza interiore
Occupazione: Capitano dell’International Police Force (IPF)
Arma: una sottile spada bastarda
Musica: Holy Orders (Be Just or Be Dead) / Conclusion (vs Sol)

Ky Kiske è considerato l’altro protagonista della serie di Guilty Gear e, al contrario di Sol, ha tutte le caratteristiche tipiche di questa categoria di personaggi. Un cuore puro e determinato a portare la giustizia nel mondo, una notevole abilità fisica ed un’apparente debolezza emotiva che si trasforma in determinazione nelle situazioni di difficoltà o quando i suoi amici/alleati sono in pericolo di vita. Ky è anche il mio personaggio preferito della serie, adorando il fatto che usi l’elettricità e che indossi un abito a dir poco spettacolare. Il suo colore principale è l’azzurro e la piastrina sulla cintura recita la parola “HOPE”.

Ky si ritrova orfano a causa delle guerre dei Gear e viene salvato ed adottato da Kliff Undersn. Questi lo invita ad allenarsi per cinque anni per mettere alla prova la sua determinazione per poi tornare da lui e, eventualmente, unirsi alla sua guerra, cosa che effettivamente succede. Ky diventa il secondo in comando di Kliff e, quando questi si ritira, ne prende il posto come Comandante del Sacro Ordine a soli 16 anni d’età! Insieme alla carica, ottiene anche una delle Jinki, Fuuraiken (Sigillo del Tuono). Poco dopo aver ottenuto la guida dell’Ordine, lo porterà infine alla vittoria concludendo la lunga guerra centenaria contro Justice. A questo punto l’Ordine stesso viene sciolto mentre Ky entra a far parte dell’IPF, l’organo di controllo al servizio delle Nazioni Unite. Nel giro di 5 anni diventa Capitano, ma questo non tanto grazie alla sua abilità, quanto al fatto che il suo buon cuore lo rende facilmente manipolabile. Scoprendo del possibile ritorno di Justice, partecipa al torneo per formare il Secondo Ordine. Alla fine, assiste alla morte di Kliff e pieno di rabbia si scontra con Justice solo per venire sconfitto e salvato all’ultimo secondo dal suo rivale Sol.

Guilty Gear 1998 Ky
L’aspetto di Ky Kiske nel primo gioco della saga

-Movelist-

QCFS/HS -> Stun Edge: Ky lancia un proiettile elettrico che ha la forma di una piccola mezzaluna. Se si usa la S il proiettile è lento mentre se si usa la HS questo parte lentamente, ma accellera via via che si muove. Questa mossa può essere caricata. A livello 2 la mezzaluna è leggermente più grande mentre a livello 3 Ky rilascia un’enorme freccia elettrica che colpisce fino a 5 volte.
(salto) QCFS -> Air Stun Edge: Ky rilascia un proiettile elettrico mentre è a mezz’aria. Il proiettile si muove in diagonale verso il basso.
DPS/HS -> Vapor Thrust: Ky salta in alto colpendo con un rapido fendente che rilascia una scia elettrica. Funziona da attacco anti-aereo. Il pulsante scelto determinano altezza e forza del colpo.
QCFK -> Stun Dipper: Ky scivola in avanti sul terreno verso l’avversario per poi eseguire una spazzata orizzontale con la spada.
HCBK -> Needle Spike: Ky salta in avanti e rotea a mezz’aria per colpire l’avversario con le palme dei piedi.
Chaos Move: HCF4HS -> Ride The Lightning: Ky si circonda con una grossa bolla di energia elettrica e si scaglia in avanti verso l’avversario.

-Tattiche-

Anche Ky come Sol ha vita facile contro la CPU. Al contrario di quest’ultimo i suoi attacchi non hanno una grande priorità, ma hanno un’ampia portata che permette loro di anticipare molte mosse degli avversari. La HS è potente, ma un po’ lenta mentre è la S l’attacco migliore. Di base puoi sconfiggere praticamente qualsiasi avversario premendo S seguito immediatamente da uno Stun Dipper. Quest’ultima è una mossa speciale davvero forte contro la CPU visto che questa si dimenticherà il 90% delle volte di parare il secondo attacco! Se dopo averla messa a segno, ti posti vicino all’avversario, puoi premere due volte S e poi eseguire di nuovo uno Stun Dipper per infliggere danni ancora più massicci. L’unico serio problema per Ky è… Sol. I suoi attacchi hanno maggiore priorità dei tuoi e il Riot Stamp contrattacca alla perfezione lo Stun Dipper. Non aiuta che lo affronterai come nono avversario rendendo lo scontro molto, molto ostico. Cerca di lavorare d’astuzia, sfruttando l’ampia portata di Ky per bloccarlo e mettere a segno una buona serie di colpi. Anche la Ride The Lightning è una buona mossa, ma ha un input di comando un po’ ostico e se non siete capaci di farla partire in una frazione di secondo, non ci provate neanche.

Quanto detto sopra vale, ovviamente, solo fino ad un certo punto contro un avversario umano. La Stun Dipper resta una buona mossa, ma non te la caverai usando solo quella. Con Ky la strategia è sempre quella di cercare di anticipare i movimenti avversari sfruttando la sua velocità e la maggiore portata. Questo si concretizza soprattutto nel launcher, uno dei più rapidi del gioco. Se lo metti a segno, però, non seguire in aria l’avversario, ma approfittane per caricare al terzo livello la Stun Edge. Il proiettile caricato al massimo è infatti difficile da evitare del tutto e infligge ottimi danni sia che sia parato che no. Inoltre, puoi scattare immediatamente dopo averlo lanciato per cercare di mettere a segno un paio di colpi e/o un nuovo launcher. La Ride The Lightning funziona inoltre molto meglio contro gli avversari umani perché è difficile da prevedere ed infligge buoni danni, lasciando ben poche apertura per un contrattacco. L’ultimo colpo, infatti, viene inflitto quando sembra che la bolla si sia già spenta, portando molti avversari a contrattaccare nel momento sbagliato. Cerca di usarla subito dopo aver connesso una S o una HS per essere sicuro di colpire. Può seguire anche la Stun Dipper con il giusto tempismo visto che conta come attacco OTG.

-Curiosità-

Ky Kiske e Sol Badguy erano uniti da una forte amicizia ai tempi delle Crociate, ma il fatto che il secondo abbia lasciato l’Ordine (rubando uno dei Tesori Sacri oltretutto) ha completamente distrutto il loro rapporto. Ky adesso odia a morte Sol e lo vede come uno schifoso traditore.

Il nome di Ky Kiske proviene da due ex-componenti degli Helloween, ovvero Kai Hansen e Michael Kiske.

La sua canzone, Holy Orders (Be Just or Be Dead), cita in modo diretto la canzone degli Iron Maiden Be Quick or Be Dead.

La Chaos Move di Ky si chiama Ride the Lightning come il secondo album dei Metallica.

L’intero leit motif dietro a questo personaggio sembra essere ispirato dalla canzone Holy Thunderforce dei Rhapsody (il gruppo è particolarmente famoso in Giappone).

Ovviamente, la scritta HOPE sulla cintura è un’allusione a Revelations degli Iron Maiden, ne abbiamo già parlato più sopra per Sol, no? Da notare che Ky ha lo stesso doppiatore giapponese di Trunks di Dragon Ball, un altro personaggio molto legato alla parola HOPE.

Una delle sue frasi più rinomate è “koko da” che significa “proprio qui”. Il punto è che in inglese, tale frase, assomiglia davvero troppo a “coconuts” (noci di cocco) e così i fan hanno preso a scherzarci su. A volte persino la sua Stun Edge viene chiamata “Coconuts”.

Il doppiatore nipponico di Ky è noto per doppiare spesso giovani uomini eroici che usano delle spade come armi. Come se non bastasse, i suoi doppiatori inglesi sono famosi per aver doppiato anche Shiro Emiya e Archer di Fate/Stay Night, un altro personaggio ossessionato dal diventare un eroe della giustizia.

Fonte

Hai cercato di finire il gioco con Sol e Ky? Ritieni che questi consigli siano utili? Conoscevi la loro storia e le loro curiosità? Faccelo sapere con un commento qua sotto. Tra una settimana concluderemo questa guida/esplorazione del primo Guilty Gear andando a parlare dei tre boss presenti nel gioco!

Giulio Tenti
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI