Splinter Cell

Splinter Cell sta per tornare

E se lo dice Luca Ward...

Pubblicità

Leggendo questa recensione avrai una panoramica completa di tutto quello che il gioco può offrire, partendo dal gameplay e arrivando al comparto tecnico!

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Se ti parlo di visore notturno con trinocolo verde, tuta mimetica da infiltrazione, armi silenziate, gadget tecnologici e movimenti nell’ombra cosa ti viene in mente? Ma ovviamente Splinter Cell, o meglio Sam Fisher, l’uomo che si cela dietro all’eroe partorito in collaborazione con la penna di Tom Clancy.

La saga di Splinter Cell esordisce nel 2002 su PC, PlayStation 2, Xbox e Nintendo GameCube, ottenendo subito un notevole successo grazie ad una grafica strepitosa, meccaniche di gioco tattiche ed affascinanti ed un protagonista molto carismatico, doppiato da una delle voci più importanti del panorama cinematografico italiano: Luca Ward.

La serie prosegue felicemente negli anni, attraversando le generazioni e arricchendosi di modalità cooperative e online. La figura di Sam Fisher evolve e cambia gradualmente nel corso della serie, arrivando a rivelare anche il lato umano celato dietro al trinocolo. L’ultima iterazione di Splinter Cell risale ormai al lontano 2013, anno in cui uscì per PC, Wii U, PlayStation 3, Xbox 360 e iPhone Splinter Cell: Blacklist.

Da quel momento, è il caso di dirlo, il buio: non si è saputo più nulla relativamente ad un nuovo capitolo della saga tanto amata. Certo, Ubisoft non ha voluto spegnere il ricordo relativo al suo personaggio ed è così che sono stati inseriti cameo ed easter egg in vari giochi tra i quali Ghost Recon, dove è proprio possibile vedere in azione lo stesso Sam Fisher, Far Cry New Dawn, dove c’è un aereo ricco di riferimenti a Splinter Cell, The Division 2, dove un orsetto col trinocolo verde ci spia da un condotto di aerazione o addirittura Assassin’s Creed Odissey dove i riferimenti al visore e a Third Echelon sono più che evidenti.

Nonostante ciò però, il pubblico sembra ormai troppo assetato e bisognoso di un nuovo episodio del brand. Se sei tra coloro che stanno attendendo con ansia il prossimo capitolo di Splinter Cell ho buone notizie. Pare infatti che lo storico doppiatore di Sam Fisher, come ti dicevo prima, Luca Ward, in un’intervista rilasciata durante l’evento UltraPop Festival, avrebbe ribadito, perchè già nel 2019 aveva rilasciato una mezza dichiarazione sull’argomento, come il prossimo videogame dedicato all’agente speciale Ubisoft probabilmente sia già in lavorazione.

A detta sua il problema risiederebbe nella pandemia di Covid-19: mentre alcuni progetti, come Cyberpunk 2077, in cui Luca Ward doppia Keanu Reeves, sono andati avanti, altri, come questo presunto nuovo Splinter Cell, si sarebbero bloccati, slittando direttamente al 2021. Possiamo certamente considerare Luca Ward come una fonte di tutto rispetto, ma per il momento dobbiamo etichettare le sue affermazioni come voci di corridoio, dovendo per forza di cose attendere le conferme ufficiali da parte di Ubisoft. Per sicurezza intanto vado a recuperare l’attrezzatura stealth in lavanderia, torno subito!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Credi nel ritorno di Splinter Cell? Cosa ti aspetteresti da un nuovo capitolo della saga?

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
2
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro