fbpx

Raging Loop: un Horror psicologico da morire sul colpo

Se vuoi scoprire cosa si nasconde nei meandri oscuri di ''Raging Loop'', non aver timore e prosegui nella lettura

3 Articoli più letti

E3 2020, tutto ciò che sappiamo finora… a febbraio
San Valentino: l’amore al tempo dei videogiochi
Wii: la storia di come Nintendo rinacque dalle proprie ceneri
Naviga tra i contenuti

Se sei pronto ad addentrarti in questo mondo spaventoso e pieno di misteri, non ne sarai affatto deluso, anzi ti sentirai avvolto da un vortice di angoscia senza fine.

A parte il tentativo mancato di farti immedesimare nell’opera (visto che il periodo più ”Spooky” dell’anno è già alle porte), parliamo di Raging Loop: un’immersiva visual horror novel a stampo nipponica, pubblicata da PQube (noto publisher britannico proprio per le visual novel) e prodotta dallo sviluppatore Kemco, già noto per aver sfornato molti titoli RPG validi, che ci permette di entrare nell’ottica di un piccolo insediamento giapponese con una macabra trama omicida alle spalle, storia che farebbe rabbrividre pure Hannibal Lecter, o quasi.

L’uscita è fissata il 18 Ottobre, per quanto riguarda l’Europa, su Switch e PlayStation 4; il 22 Ottobre in Nord America per le medesime console, però in digitale (in fisico, invece, l’uscita è posticipata per il 19 Novembre); e il 5 Dicembre su Steam.

Breve prologo ma nulla in grado di farvi cadere dalla sedia

Molto tempo fa, in una lontana terra che ora viene denominata ”Fujiyoshi Village” sulla mappa, cinque creature mistiche e divine conosciute come ”guardiani” proteggevano i popolani, da pericoli imminenti, che vivevano su un alto monte abitato da creature infernali dello Yomi (inferno in giapponese). I cinque guardiani furono: i lupi assetati di sangue, che essenzialmente si distinguevano per essere i più ”subdoli”, le scimmie che sapevano tutto, il serpente che vedeva tutto, il corvo percettivo e il ragno protettivo. Proprio i primi citati, per la loro natura ”malvagia”, vennero presi di mira dai popolani che, insieme alla forza combinata degli altri guardiani, riuscirono a ucciderli.

Ma la povera gente non era consapevole della catastrofe che sarebbe arrivata: una maledizione colpì il villaggio a causa della morte degli animaletti guardiani, destinata a perdurare per tutta l’eternità. Questo infinito sortilegio, porterà la cosiddetta ”cerimonia dello Yomi-Purge”, che costringerà le persone a trovare i lupi risorti e a riportarli negli inferi, tramite il potere conferito dalle creature divine. Se ciò non venisse rispettato, gli stessi animali avrebbero mangiato una persona ogni notte, stabilendo una sorta di regolamento ”mortale”.

Se tutto ciò non ti ha ancora convinto, ti lasciamo un breve trailer in calce alla notizia, che rende questo Raging Loop ancor più macabro!

ghost dj
Ghosts’n DJs: la nostra recensione
L’era videoludica degli anni 80 si è distinta non solo per aver portato sulla piazza dei generi completamente nuovi ma soprattutto per l’elevata difficoltà che molti…
Throw Anything: recensione
Oggi parleremo di un ottimo titolo per realtà virtuale uscito proprio in queste ore su PlayStation 4 per PlayStation VR e sul mercato PC tramite…
Not For Broadcast
Not For Broadcast – la recensione
Oggi andremo ad analizzare Not For Broadcast, un gioco che teoricamente è ancora in sviluppo, infatti si tratta di un accesso anticipato su Steam. Questa…
The Blind Prophet la recensione
The Blind Prophet è un gioco punta e clicca alla vecchia maniera, tipo Broken Sword o Monkey Island per capirci, il quale prende grandissimo spunto…

1

Commenti

980

Miei

3
0
3
0

La tua opinione conta!




  1. 1
    ilham.lnq
    · cazzarino lvl 1
    10 Ottobre 2019 alle 21:48

    Sono caduta dalla sedia

    0