Quantic Dream di nuovo nei guai a causa degli obblighi di sicurezza non rispettati

Dopo i guai del 2018, nuove leggi francesi riportano in burrasca la compagnia di Parigi

Quantic Dream: nuove accuse
6+

Quantic Dream è ritornata nell’occhio del ciclone dopo il clamoroso caso aperto durante il 2018 in cui la vedeva protagonista di essere colpevole di tenere i suoi impiegati dentro gli uffici per più ore al giorno, richiedendo uno sforzo lavorativo al di là del massimo garantito e minacciandoli con offese razziste e a sfondo sessuale . La compagnia, comunque, ha negato ogni tipo di accusa partita da alcune foto scattate in studio e pubblicate da NSFW, giurando di far causa all’editoriale francese responsabile della diffamazione.

Da allora la compagnia ha perso una causa legata a queste accuse, insieme a un numero di dipendenti che si sono schierati contro la software house, dichiarando pubblicamente le incriminanti richieste fatte contro lo studio, compresi questi atti di omofobia, sessisti e discriminatori per richiedere prepotentemente – appunto – lunghe ore di lavoro.

Alla luce di ciò, Quantic Dream (Heavy Rain, Detroit: Become Human) si è trovata ancora una volta colpevole per gli obblighi di sicurezza non rispettati, laddove in Francia vigono leggi e seri provvedimenti contro lo sfruttamento lavorativo. E proprio con le nuove leggi in vigore da quest’anno, la compagnia francese si ritrova con l’accusa di dover pagare uno dei suoi ex-membri con un ammontare di € 5.000 per indennità e € 2.000 per i costi legali.

Il 21 novembre scorso, infatti, uno dei media francesi ha scritto una notizia riguardo questo caso:

I casi non sono ancora stati risolti, sebbene proprio in queste ore l’ex manager di Quantic Dream ha ricorso ad un altro umiliante fotomontaggio, il quale non è stato considerato durante la prima condanna. Dall’altro lato, Quantic Dream ha respinto le accuse contro il suo ex-dipendente, dichiarando che quest’ultimo abbia rubato dei dati all’interno dell’azienda ancor prima di rinnovare il contratto. Da notare anche che la software house ha inviato alcune accuse contro i due principali media francesi – LeMonde e Mediapart – essendo stati tra i primi a diffamare quest’accusa.

A fronte di questo nuovo sviluppo nella legge francese, Quantic Dream non ha ancora fornito una risposta in merito, perciò seguiremo da più vicino questo caso nel momento in cui si avranno maggiori dettagli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>

Accuse che svolgono un importante ruolo nel mondo dei media al giorno d’oggi. Un comportamento che non dovrebbe conoscere confini e orizzonti, ma solo giustizia e lealtà verso ogni tipo di lavoratore. Che cosa ne pensi a riguardo?

6+
small_c_popup.png

Seguici sulla nostra pagina INSTAGRAM

Ogni giorno MEME, sondaggi, news e stories sul mondo videoludico!