Pocky & Rocky Reshrined

Pocky & Rocky Reshrined, recensione (PlayStation 4)

Un'avventura tra demoni, Yokai e folklore giapponese

A volte ritornano, e se lo fanno in questo modo bene venga. Oggi tocca a Pocky & Rocky Reshrined ripresentarsi sulle console moderne dopo ventuno anni dalla sua ultima apparizione. Il gioco infatti uscì originariamente per arcade nel lontano 1986 con il nome di Kiki Kaikai, seguito nel 1992 da Pocky & Rocky e nel 1994 da Pocky & Rocky 2, entrambi disponibili su Super Nintendo, fino ad arrivare all’ultima installazione del 2001 su Game Boy Advance, Pocky & Rocky with Becky.

Pocky & Rocky Reshrined

Tutti questi capitoli appartengono allo stesso genere videoludico, ovvero uno sparatutto a scorrimento, meglio noti anche con il nome di Bullet Hell, nel quale controlleremo Pocky e il suo amico Rocky e li aiuteremo a combattere orde di demoni, yokai e tantissime creature provenienti dal folklore e dalla mitologia giapponese.

Pocky & Rocky Reshrined, anche arrivando nel mercato videoludico in questi giorni, ha optato per il modernizzarsi ma mantenendo gran parte della sua spina dorsale, una scelta che secondo lo scrivente ha avuto successo.

L’incipit della storia è semplice e serve solo da pretesto per gettarci nella mischia; Rocky ci metterà al corrente che i mostri, una volta pacifici e sotto controllo, sono impazziti e diventati aggressivi senza un apparente motivo, dopodiché il gioco ci catapulterà immediatamente nel centro dell’azione. Occhio però, perché non ci saranno tutorial o altro, ma in pieno stile dei giochi del passato, saremo lasciati a noi stessi, e non è improbabile che i meno avvezzi si ritrovino con un game over dopo solo pochi minuti.

Pocky & Rocky Reshrined

Pocky & Rocky Reshrined: gameplay

Pocky & Rocky Reshrined si presenta come uno shooter a scorrimento con visuale dall’alto, dove controllando uno dei due personaggi, dovremo sconfiggere orde di nemici evitando i loro colpi. Semplice? Per niente. Al contrario di molti titoli similari, dove basta poco per avere la meglio sul nemico, qui bisognerà utilizzare al meglio le azioni disponibili oltre che imparare i movimenti e attacchi degli avversari.

Le azioni che i due protagonisti potranno compiere durante la loro avventura saranno quattro:

  • attacco normale: consiste in diversi colpi a media/lunga gittata che gode di molteplici potenziamenti sparsi nei livelli, i quali non solo ne aumenteranno la potenza, ma anche il raggio d’azione;
  • deviazione: può essere anche usata come attacco corpo a corpo, ma di scarsa potenza. Servirà più che altro per respingere al mittente i diversi proiettili che ci spareranno contro. Fondamentale per sopravvivere in Pocky & Rocky Reshrined ma purtroppo non gode di potenziamenti;
  • schivata: la mossa evasiva per eccellenza. Occhio ad abusarne però, perché ci lascerà per un breve lasso di tempo scoperti dopo il suo utilizzo;
  • attacco speciale: un attacco di potenza immane che spesso riuscirà a pulire lo schermo da tutti i nemici presenti, ma con usi limitati.

Oltre questo, come dicevo prima sarà importante conoscere il nostro nemico e i suoi attacchi, come i subdoli scheletri i quali, una volta sconfitti, esploderanno lanciando ossa in ogni direzione e servirà assolutamente la deviazione per non essere colpiti. La caratterizzazione dei nemici e dei loro attacchi è uno degli elementi vincenti di Pocky & Rocky Reshrined e servirà a non far mai calare l’attenzione al giocatore, anche perché il titolo riesce anche a essere punitivo.

Pocky & Rocky Reshrined

Ritorno tecnico

Pocky & Rocky Reshrined si presenta come una gioia per gli occhi (a meno che tu non odi la pixel art), con ambienti sempre vari, ben caratterizzati e ottimi effetti ambientali. Godono di una grande caratterizzazione e rappresentazione grafica, anche i diversi nemici che incontreremo sul nostro cammino, quasi tutti appartenenti alla mitologia e al folklore giapponese. Particolare riguardo è stato messo ai diversi boss di fine livello, i quali oltre a essere ben caratterizzati, offriranno una sfida notevole fino a quando non avremo imparato i loro pattern d’attacco.

Il sonoro è riuscitissimo e i vari motivetti dotati di diversi arrangiamenti, riusciranno a far fiorire tantissimi ricordi ai giocatori di vecchia data, ma anche a risultare accattivante ai più giovani.

Pocky & Rocky Reshrined

Il gameplay risulta molto semplice, ma tutt’altro che facile da padroneggiare. Servirà diversa pratica e un buon numero di tentativi per riuscire a padroneggiare al meglio le azioni disponibili che Pocky & Rocky Reshrined offre al giocatore. Se giocato in cooperativa poi, il titolo riesce a risultare ancora più divertente e un pelo più facile, ma anche giocato in solitaria si fa apprezzare tantissimo.

Forse una pecca può essere riscontrata nella mancanza di checkpoint nei vari livelli; una volta finiti tutti i tentativi, ci imbatteremo nel game over e dovremo ricominciare il livello dal principio. Punitivo? No, vecchio stile, ma questo potrebbe risultare frustrante per i meno pratici, soprattutto per il fatto che la modalità facile esiste, ma dovrà essere sbloccata raccogliendo diverse monete in game. Insomma Pocky & Rocky Reshrined vuole proprio mostrarsi per quello che è senza fronzoli, prima di dare l’opportunità di giocare più tranquilli con la modalità facile, anche se secondo me, i livelli di difficoltà non dovrebbero chiamarsi facile, normale e difficile, bensì normale, difficile e hardcore.

Inoltre per tutti gli amanti delle versioni fisiche, ININ Games rilascerà delle spettacolari versioni del titolo che puoi vedere qui.

Scheda confidenziale su Pocky & Rocky Reshrined

I mostri sono improvvisamente impazziti senza un motivo apparente, e adesso stanno minacciando il villaggio. Tocca di nuovo a Pocky e Rocky risolvere questa pericolosa situazione.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

La versione PlayStation 4 di Pocky & Rocky Reshrined, contiene 18 trofei sbloccabili, dei quali alcuni rappresenteranno davvero una notevole sfida, vista la natura del titolo.

Grafica

90

Impatto

80

Longevità

75

Sonoro

80

Pocky & Rocky Reshrined si conferma il grande ritorno di un titolo del passato molto apprezzato. Con uno stile grafico realizzato in una stupenda pixel art, un gameplay semplice ma difficile da padroneggiare e un ottimo (anche se a volte alto) livello di sfida, riuscirà a intrattenere per diverso tempo, soprattutto se giocato in modalità cooperativa.

I meno avvezzi al genere rischieranno di imbattersi in continui game over e questo potrebbe frustrarli, ma se armati di pazienza, una volta padroneggiato il gameplay, questo titolo riuscirà ad appagarli.

VOTO COMPLESSIVO

8

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
3
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI