NVIDIA GeForce Now

NVIDIA GeForce Now presto arriverà su Xbox Series X/S?

Il cloud gaming si appresta a cambiare le carte in tavole del mercato sfruttando il supporto console? Nuovi dettagli aprono a scenari interessanti

Pubblicità

Uno shoot ‘em up colorato e vivace, sviluppato su base tecnica e con grandi potenzialità: Panorama Cotton è uno di quei titoli che ti fa divertire, seppur con qualche difetto

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Il Cloud Gaming, in cui rientra pienamente NVIDIA GeForce Now, è un argomento spinoso e complesso che spesso e volentieri impegna addetti ai lavori e utenti e che risulta essere piuttosto divisivo. Da un lato moltissime figure sostengono che esso sia il futuro del videogame, arrivando ad affermare come i tempi siano già maturi per un vicino “switch” totale, preventivando la scomparsa dell’hardware casalingo, dall’altro molti altri osservano con occhio critico questa tecnologia, mantenendo dubbi sulla sua effettiva qualità e stabilità.

Tra la miriade di servizi dedicati al Cloud Gaming, tra cui Google Stadia, Amazon Luna ed xCloud, quello messo in piedi da NVIDIA risulta essere uno dei più stabili ed apprezzati, sopratutto considerando le sue performance ed il catalogo che offre, anche con il supporto di molti titoli Steam, Epic ecc.

nvidia

NVIDIA GeForce Now, ecco le novità del nuovo aggiornamento

Il nuovo abbonamento costerà 99,99 euro per 6 mesi e promette prestazioni direttamente erogate da una potente RTX 3080, riuscendo a permettere di giocare alla risoluzione di 1440p e 120 fps su Mac e PC e addirittura in 4k su NVIDIA Shield.

La questione particolarmente interessante è che NVIDIA GeForce Now si appresta ad essere pienamente supportato da Microsoft Edge, pertanto questo avveniristico servizio sarà a tutti gli effetti riproducibile anche sulle macchine next-gen della casa di Redmond, ovvero Xbox Series X/S, come già avviene per l’analogo servizio di Google, cioè Stadia.

Ovviamente resta ancora da testare tale l’eventualità, dato che questa feature non è stata ancora sbloccata ed abilitata sulle console citate, tuttavia la prospettiva che si delinea è più che piacevole per gli utenti next-gen di Microsoft dato che essi potrebbero accedere a prestazioni addirittura superiori alla loro macchina top di gamma.

xbox series x/s

Insomma, sembra che la totale apertura della multinazionale fondata da Bill Gates in ambito gaming stia dando i suoi frutti, riuscendo ad offrire ai fan una delle esperienze console più aperte e complete mai proposte, anche in considerazione del pieno supporto al mouse ed alla tastiera e ad innovativi servizi come Xbox Game Pass e xCloud.

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

E tu sei incuriosito da questa possibilità? Diccelo con un commento!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro