Nintendo

Nintendo vs Winmart: l’azienda agisce per vie legali contro la pirateria

Il commerciante è stato citato in causa da Nintendo, che è impegnata attivamente nel contrasto alla pirateria

Pubblicità

Leggendo questa recensione avrai una panoramica completa di tutto quello che il gioco può offrire, partendo dal gameplay e arrivando al comparto tecnico!

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

In questi ultimi tempi, l’impegno di Nintendo contro la pirateria è più intenso che mai. Durante il 2020, La grande N aveva intentato una causa contro Le Hogan Minh, cittadino vietnamita che, con il nome di Winmart, vendeva su Amazon gli RCM Loaders. Essi sono hardware speciali che permettono di eseguire codici senza licenza e giocare quindi in modo illegale ai videogiochi sulla Nintendo Switch.

L’accusa di Nintendo

Nintendo Logo

È stato da poco confermato che Nintendo è riuscita a ottenere un ordine del tribunale contro di lui. La sentenza è stata emanata dal tribunale del distretto ovest di Washington (tribunale degli Stati Uniti) il 15 aprile: in essa viene specificato che Winmart non può più vendere negli Stati Uniti i dispositivi in questione o prodotti simili che hanno l’obiettivo di “eludere le misure di sicurezza tecnologica delle console Nintendo”. L’azienda afferma inoltre che Winmartha abusato” della legge dei diritti di autore in ambito digitale, per vendere i dispositivi in questione su Amazon.

L’azione legale contro Winmart

Nintendo vs Winmart: l'azienda agisce per vie legali contro la pirateria 1
Winmart su Amazon

In passato, Nintendo segnalò al sito e-commerce la violazione dei diritti d’autore da parte di Winmart e furono presi provvedimenti temporanei: Amazon eliminò i dispositivi. A quel punto, Winmart rispose inviando una notifica della DMCA (Digital Millenium Copyright Act) in cui affermava che l’eliminazione era un errore. L’azienda nipponica non poteva far altro che intraprendere un’azione legale contro il commerciante, per evitare che i prodotti in questione tornassero in vendita su Amazon.

Nintendo contro tutti

In questi ultimi tempi la grande N sta prendendo provvedimenti anche contro Gary Bowser, presunto leader del gruppo di pirati Team Xecuter. L’anno scorso l’azienda vinse una causa da 2 milioni di dollari contro Uberchips.com, accusata sempre di vendere dispositivi che permettono di giocare in modo illegale su Nintendo Switch.

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

L'impegno contro la pirateria è fondamentale per le aziende videoludiche: la violazione del diritto d'autore è la causa di ingenti perdite finanziarie, e le azioni legali sono il miglior modo per contrastarla. Pensi che la legge sul diritto d'autore subirà cambiamenti nel corso del tempo? Scrivi la tua nei commenti e seguici per conoscere le ultime novità in arrivo!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro