Metroid Prime Trilogy

Metroid Prime Trilogy: arriverà mai su Nintendo Switch?

Metroid Prime 4 si sta facendo attendere. Metroid Prime Trilogy sembra il modo migliore per ingannare l'attesa, lo vedremo mai su Nintendo Switch?

Pubblicità

Un DLC di Minecraft? Assolutamente no! Bonfire Peaks ti metterà alla prova per fare una cosa sola: bruciare il tuo passato e andare avanti nella tua vita. Magari scalando una montagna.

Speciale

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Metroid Prime 4 si sta facendo attendere. Sono passati ormai 4 anni dall’annuncio originale durante l’E3 2017, e 2 anni da quando il progetto è stato completamente resettato.

È chiaro che ci vorrà ancora del tempo prima che il gioco veda la luce, e così i fan, ricalibrando le loro aspettative, hanno riposto le loro speranze in un annuncio apparentemente più modesto: un port per Nintendo Switch di Metroid Prime Trilogy. Sebbene costituirebbe il miglior modo per far conoscere la serie ai neofiti, la realizzazione del port del gioco originariamente uscito per Wii nel 2009 sarebbe piuttosto complessa.

Metroid Prime Trilogy su Switch non s’ha da fare?

 

Stando a quanto comunicato su Facebook da Michael Wikan, per anni Senior Designer presso Retro Studios, un port di Metroid Prime Trilogy sarebbe molto problematico:

“Sono piuttosto scettico, non credo che accadrà mai. Adattare i primi due Metroid Prime ai controlli di movimento fu piuttosto semplice e immediato, ma convertire Metroid Prime 3 a un sistema di controlli analogico costituirebbe uno sforzo erculeo, dato che il suo codice è scritto in modo estremamente specifico usufruendo di trigger volumetrici per rilevare con precisione i movimenti necessari per attivare gli interruttori, e i boss sono pensati per sfruttare la facilità di puntamento tipica del cursore.”

Wikan aggiunge inoltre che Retro Studios non dispone più dei tool necessari per lavorare sul codice base dei giochi Metroid Prime. Un eventuale port richiederebbe un tedioso lavoro di codificazione che impegnerebbe 4-5 persone per circa un anno, rendendo la re-release un’operazione ben più complessa di quanto sarebbe potuto sembrare inizialmente.

Va ricordato, comunque, che questa è l’opinione personale di Wikan, ormai ex dipendente di Retro Studios, e non sappiamo quali siano i piani effettivi di Nintendo in merito. Chissà che il futuro non ci riservi qualche sorpresa.

Pubblicità
Pubblicità

Hai giocato i titoli della Metroid Prime Trilogy? Li rigiocheresti volentieri su Nintendo Switch? Faccelo sapere nei commenti!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro