Nintendo Mario Golf Super Rush

Mario Golf Super Rush: staff di Zelda ha aiutato col gioco

I programmatori dietro il titolo golfistico volevano raggiungere le dimensioni dei campi come le valli in Hyrule

I produttori dietro Mario Golf Super Rush hanno rivelato un interessante dettaglio riguardo il titolo golfistico. Di recente abbiamo ricevuto l’uscita di un corposo aggiornamento proprio sull’ultimo gioco sportivo del noto idraulico rosso, grazie al quale sono arrivati la splendida New Donk City ed il personaggio giocabile Toadette.

Mario Golf Super Rush

Un assist da Zelda per Mario Golf Super Rush

Fra le altre novità abbiamo avuto alcune informazioni interessanti da parte del produttore Hiroyuki Takahashi e da parte del direttore Shugo Takahashi. I due programmatori hanno rivelato come il team dietro The Legend of Zelda: Breath of the Wild abbia aiutato enormemente alla creazione dei campi di Mario Golf Super Rush. Di seguito ti riportiamo l’intervista tradotta.

The Legend of Zelda: Breath of the Wild sequel aonuma

S. Takahashi: “Anche i percorsi sono enormi e fortunatamente abbiamo ricevuto supporto tecnico da Nintendo per questo gioco.”

H. Takahashi: “I campi di The Legend of Zelda: Breath of the Wild erano incredibili, vero? Dato che il concetto di Speed​​Golf è al centro di questo gioco, abbiamo pensato a lungo di mettere tutte le 18 buche su di un solo campo (in senso ironico).”

Intervistatore: “Nei giochi precedenti lo schermo doveva essere cambiato ad ogni buca, ma le transizioni tra i buchi in questo gioco sono molto più fluide.”

Mario Golf Super Rush

S. Takahashi: “Devo ammettere che ho sempre voluto farlo, ma la tecnologia al momento di ogni piattaforma precedente non lo ha mai permesso, soprattutto nell’era di Mario Golf 64 (ride). Lo mostriamo solo in una piccola parte del gioco, ma volevamo davvero creare un gioco in cui colpisci la palla ovunque sui vasti campi. Un gioco in cui, se colpisci la palla fino alla buca successiva, dovrai andare a colpirla fino in fondo. Il nostro obiettivo era una mappa delle dimensioni della Piana di Hyrule ed il team di Zelda di Nintendo ha condiviso varie idee con noi su come arrivarci.”

H. Takahashi: “Grazie al loro aiuto, Mario Golf è stato in grado di evolversi, infatti penso che sia proprio grazie alle mappe che siamo stati in grado di rielaborare il sistema di ripresa.”

Pensi che il team dietro Zelda abbia fatto un ottimo lavoro nell'aiutare i programmatori di Mario Golf Super Rush? Lascia una tua impressione a riguardo con un commento qua sotto.

Alessandro Riina
5 1 vota
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Commento
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI