Hokko Life

Hokko Life: la recensione per PlayStation 4

Hokko Life avrà rispettato le aspettative, in rispetto alla versione provata per PC?

Hokko Life l’abbiamo già visto in passato, ricordi? Ho avuto l’occasione di poter provare il videogioco su Steam un po’ di tempo fa e la valutazione è stata portata per un prodotto che all’epoca risultava essere in anteprima. Ebbene, questa volta Hokko Life è stato provato su PlayStation 4 e nella sua versione definitiva, quindi la valutazione sarà decisamente più completa e approfondita. Il titolo è approdato non solo su console Sony, ma anche su Xbox One e Nintendo Switch al prezzo di €19,90, sempre sviluppato da Wonderscope e pubblicato da Team17.

Per chi non conoscesse il gioco in questione, si tratta di un prodotto videoludico ispirato fortemente ad Animal Crossing ma con una sua personalità, che fin da subito ha raccolto un discreto pubblico. Si tratta sempre di un videogioco il cui tema principale è quello di crearsi un proprio posto paradisiaco per poter vivere in pace e armonia. Ovviamente con le dovute accortezze. Non preoccuparti: ti spiegherò meglio la trama nel prossimo paragrafo. Se desideri saperne di più, ti consiglio di leggere la recensione già effettuata!

Sei pronto a saperne di più su Hokko Life?

Hokko Life

Hokko Life: quanto è simile ad Animal Crossing?

Il protagonista del gioco, cioè l’utente che sta provando il titolo, ha bisogno di allontanarsi da una vita frenetica e piena di stress. Per farlo, decide di prendere il treno e cambiare vita; per una serie di coincidenze, arriva alla cittadina di Hokko in cui la tranquillità regna sovrana. Forse fin troppo, in quanto pare essere una città deserta e desolata.

Vagando di qua e di là, si fa la conoscenza dei primi personaggi all’interno di Hokko Life: Oma e Moss, rispettivamente un’elegante rosa proprietario della locanda e una giraffa proprietaria del negozio in città. Spiegano come Hokko abbia bisogno di qualcuno in grado di tirare su la cittadina e portarla agli antichi splendori, in cui la comunità si dava una mano a vicenda e la campagna regalava gioie e tranquillità.

Ovviamente l’incaricato per questo enorme compito è il protagonista che, armato di pazienza, inizierà a costruire una Hokko completamente diversa; nel corso del tempo si aggiungeranno altri personaggi, nuove strutture e giornalmente le missioni porteranno il protagonista a compiere piccole imprese che faranno diventare grande l’intera città.

Hokko Life

Una personalizzazione non grandissima, ma efficace

La prima cosa che farai in Hokko Life sarà quella di creare un personaggio che soddisferà le tue aspettative. Potrai ricrearti o fare qualcosa di assolutamente innovativo, nonostante le discrete opzioni che il gioco mette a disposizione. In fin dei conti, ciò non è cambiato dall’anteprima vista e sinceramente basta e avanza. Lo scopo primario all’interno di Hokko Life è la cittadina e in rispetto all’anteprima qualcosa è decisamente migliorato.

Sono stati aggiunti, infatti, nuovi personaggi, l’archeologia, 3 nuovi materiali per gli strumenti di progettazione, nuova fauna marina e contenuti extra che rendono il tutto molto più ricco. Inoltre è stato aggiunto un nuovo pg extra creato proprio dalla community! Un grande traguardo che fa sentire gli utenti di Hokko Life decisamente più uniti e all’interno del progetto stesso. Ho apprezzato tutte queste nuove aggiunte, trovando modo di scoprire sempre di più il videogioco.

Una cosa è certa, però: alcune cose non sono state cambiate. Il blur presente durante i vari dialoghi continua a dare quella leggera nota di fastidio che impedisce alla mia vista di mettere a fuoco correttamente i personaggi e la camera, spesso, tende a sfocare anche il nostro interlocutore. E con questo discorso, arriviamo proprio alla questione degli abitanti della cittadina di Hokko che, per inciso, non cambierà mai nome per il resto della tua avventura.

Hokko Life

Hokko viene generata casualmente

La cittadina in Hokko Life viene generata casualmente di volta in volta; andando a ricominciare il gioco, troverai sempre posti diversi o una mappa completamente nuova. Una cosa che ho adorato, personalmente, e che mi ha portato a curiosare nelle case dei vari abitanti per capire se, effettivamente, anche loro ricevevano delle modifiche. Bene o male anche le abitazioni ricevono qualche spostamento vario e potrai modificare l’arredamento come meglio desideri.

Esatto: potrai cambiare tutta la casa di un tuo vicino, per esempio, e questo mi ha sempre fatto storcere un po’ il naso. In questo modo non sono mai riuscita a capire la personalità dei personaggi, rendendoli per lo più delle maschere senza personalità. Al contrario, casa nostra avrà ben poca personalizzazione in confronto e questa situazione stranisce abbastanza. Passerai tantissimi momenti fuori dalla dimora e ti converrà pensare veramente a tutto il mondo fuori.

Per poter avere qualche edificio extra dovrai progredire con le varie missioni giornaliere; in questo modo andrai avanti e potrai accaparrarti posti sempre diversi, specialmente se saranno utili alla comunità. Ricordati che dovrai guadagnarti da vivere, quindi le missioni che vedrai a schermo ti daranno qualche soldo per poter arrivare ai tuoi obiettivi. Per farlo, dovrai semplicemente parlare con gli abitanti della città e sicuramente ti daranno qualcosa da fare.

Hokko Life

Missioni a volte ridondanti, a volte sempre nuove

In rispetto all’anteprima provata, questo Hokko Life tiene sempre in movimento l’utente e questo è un bene; la longevità è così aumentata, tranne per una piccola questione: alcune missioni si ripetono. No, non dico nel corso delle giornate future, ma nella stessa data. Una volta finita una, tempo poco e potresti ritrovarla nuovamente tra le missioni da completare. Questo potrebbe smorzare un po’ l’entusiasmo e abbassare la longevità del titolo.

Però in Hokko Life non dovrai solo completare le missioni; avrai modo di raccogliere ogni genere di materiale e sarai praticamente obbligato a farlo per poter completare non solo delle richieste, ma anche degli accessori in grado di aiutarti nei vari lavori. In poche parole diventerai un accumulatore seriale! Il che è un bene: più materiale possiederai, più ti verrà facile eseguire il tutto. Tutto ciò su PlayStation 4, ma ti ricordo che potrai anche provare Hokko Life direttamente su PC rispettando i seguenti requisiti:

  • Sistema operativo: Windows 10;
  • Processore: Intel Core 2 Duo E8400 o AMD Phenom II X4 955;
  • Memoria: 2 GB di RAM;
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTS 450, 1 GB o AMD Radeon R7 250, 1 GB;
  • Memoria dedicata: 2 GB di spazio disponibile.

Scheda confidenziale su Hokko Life

Sei stanco della vita di tutti i giorni, frenetica e incredibilmente stressante; decidi di cambiare e l’unico modo per svoltare è fermarti a Hokko e provare a dare un aiuto concreto a una community bisognosa. Dai man forte per portare avanti non solo l’economia del posto, ma anche la qualità di vita che girerà tutta senza alcun tipo di stress. Sarai tu l’artefice di tale benessere!

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Ci sono ben 31 achievement presenti nella pagina Steam.

Grafica

70

Impatto

80

Longevità

70

Sonoro

70

Rispetto alla versione provata in precedenza, il titolo si è saputo inventare bene e a prendersi la sua fetta di personalità. Ovviamente alcune cose peccano come i vari bug e il fatto che i personaggi all’interno del videogioco non riescono a spiccare, ma per il resto si tratta comunque di un gioco molto tranquillo e alla portata di tutti. Ottimo il sistema creato per permettere alla community di esprimersi al meglio e di condividere i propri progetti, facendoli sentire parte dell’intero progetto.

Ho adorato il fatto che l’ispirazione avuta da Animal Crossing: New Horizons non abbia influenzato a tal punto da far diventare Hokko Life una copia in tutto e per tutto; non vedo l’ora di scoprire quali altre aggiunte arriveranno.

VOTO COMPLESSIVO

7

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI