Ancestors Game Awards 2018

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Gli sviluppatori di Ancestors: The Humankind Odyssey si dicono infastiditi da alcune recensioni sul loro titolo

Le dichiarazioni di Patrice Désilets, creatore dei primi Assassin’s Creed e attualmente parte integrante di Panache Digital, donano ottimi spunti sui quali tutti dovremmo riflettere

Ancestors The Humankind Odissey

Epic Games Store

Ancestors: The Humankind Odyssey è il gioco di Patrice Désilets, papà della serie Assassin's Creed creato in collaborazione con Panache Digital Games. Ancestors sarà riuscito a esaudire le grandi aspettative? Piccolo spoiler, assolutamente no!

Disponibile su:

Epic Games Store
PlayStation 4
Xbox One

Genere: Gioco di ruolo (RPG)

Ancestors: The Humankind Odyssey è il gioco di Patrice Désilets, papà della serie Assassin's Creed creato in collaborazione con Panache Digital Games. Ancestors sarà riuscito a esaudire le grandi aspettative? Piccolo spoiler, assolutamente no!

In una recente intervista il game designer e fondatore di Panache Studios, Patrice Désilets, ha voluto esprimere tutto il suo dissenso nei confronti di alcuni recensori che hanno criticato l’ultimo progetto a cui egli, insieme al proprio team, si è dedicato. Il gioco in questione è Ancestors: The Humankind Odyssey, un survival in terza persona fortemente esplorativo, che catapulta i giocatori nei panni di un primate a oltre dieci milioni di anni fa, facendoli immergere in un vero e proprio percorso evolutivo volto alla sopravvivenza del proprio clan e, più in generale, della propria specie. Unidea tanto originale quanto di difficile realizzazione specie con budget e personale limitati, due realtà con le quali la maggior parte degli studi indipendenti deve spesso fare i conti.

Non è certo la prima volta che a degli sviluppatori capita di vedere il proprio videogioco, così ricco di buone idee e realizzato con innegabile passione, ricevere unaccoglienza ben al di sotto delle aspettative. A dirla tutta spesso in certe cose entra in gioco anche una forma d’estraniazione dall’oggettivo, derivata dall’altissimo coinvolgimento al quale si è sottoposti mentre si lavora a un proprio progetto per lungo tempo, un fattore che si risolve inevitabilmente nell’incapacità di riuscire a essere obiettivi sulla resa finale del prodotto. Tuttavia, questo non sembra esser stato il caso di Panache Digital e anzi, stando a quanto detto dal suo fondatore, alcuni aspetti delle recensioni sotto accusa (le uniche delle quali Désilets si sia effettivamente lamentato), sembrerebbero addirittura esser stati inventati di sana pianta da chi, evidentemente, non avrebbe nemmeno giocato il titolo in questione.

Patrice, nel corso dell’intervista, chiarisce più volte alcuni punti fondamentali per chiunque volesse farsi una propria opinione a riguardo e sottolinea, dimostrandosi anche comprensivo, di sapere bene come funziona l’industria videoludica e che non può sempre essere facile, da parte dei critici, dover recensire qualcosa come quindici titoli in una settimana. Oltre a questo, il designer ricorda poi anche l’esperienza maturata in Ubisoft a seguito del successo dei primi tre Assassin’s Creed, asserendo però che risultati di quel livello sono semplicemente impensabili per un team di sviluppo composto da una trentina di elementi. Insomma, il designer di origine canadese sembra davvero esser stato il primo ad ammettere i propri attuali limiti e questo, oltre a fargli onore, non può che far venire qualche dubbio sull’effettiva attenzione donata al gioco da parte di quei recensori.

In conclusione…

Ammetto che certe cose fanno sempre riflettere e forse, come personalmente cerco di fare, sarebbe il caso d’iniziare a contestualizzare i titoli presi sotto esame, prima ancora di scrivere pareri su di essi. Probabilmente poi dedicare loro il tempo necessario, almeno al poter comprendere le intenzioni degli sviluppatori e la loro eventuale concretizzazione allinterno del gioco, potrebbe essere un ottimo modus operandi per far sì che le proprie recensioni non risultino quantomeno superficiali. Fortunatamente Ancestors: The Humankind Odyssey non si limiterà alla sua già avvenuta uscita su PC e, tra appena quattro giorni, il gioco vedrà il suo debutto anche su PlayStation 4 e Xbox One. Speriamo dunque che a partire dal 6 dicembre chi avrà modo di poter testare il titolo su console non si lasci prendere e guidare da qualsiasi cosa che non sia la propria passione per i videogiochi che, quando sincera, sa comunque essere giustamente critica senza per questo risultare inadeguata.

Potrebbe interessarti...

Sei d’accordo con quanto scritto nell’articolo? Quale pensi che sia l’approccio che un recensore dovrebbe impiegare di fronte ad ogni nuovo titolo e, soprattutto, cosa ne pensi di Ancestors: The Humankind Odyssey? Faccelo sapere scrivendo un commento qui, sotto all’articolo!

Fonte

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scelto dalla redazione

12 ore fa

Cosa ti aspetti da questo State of Play e, soprattutto, cosa ti piacerebbe venisse annunciato? Faccelo sapere scrivendo come sempre un commento qui sotto! Non mancherò di rispondere.

Notizia

5

Nessun Evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0