Cosa sapere su Outriders prima di comprarlo

Outriders è stato presentato come un RPG d'azione cooperativo dalla trama coinvolgente.

Pubblicità

Outriders è uno sparatutto frenetico, ma mai caotico; la sua natura di sparatutto ibridato a GDR restituisce un gameplay estremamente soddisfacente intaccato da qualche piccola incertezza tecnica e di scrittura.

Outriders

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

È sempre una buona idea provare una demo prima di acquistare un gioco. In questo, People can Fly ed Epic hanno dimostrato una grande trasparenza verso i potenziali acquirenti, dando la possibilità di scaricare la demo di Outriders.  La parte iniziale della versione di prova, infatti, funge da presentazione dell’universo di gioco e da tutorial, al termine della quale sarà possibile iniziare a giocare con una classe a propria scelta tra le quattro disponibili.

Ci sono quattro classi giocabili in Outriders
In Outriders potrete scegliere tra quattro classi di gioco.

La Trama di Outriders

Per quanto ampiamente utilizzata come materiale promozionale da Epic e da People can Fly, la trama di Outriders non brilla per originalità, ed anzi ripropone diversi spunti narrativi già ampiamente visti e presta il fianco a vere e proprie lacune fin dall’inizio dell’avventura: nel futuro la Terra è al collasso; per cercare salvezza, l’umanità invia due navi spaziali a colonizzare un pianeta abitabile, Enoch. Qui, neanche a dirlo, le cose non vanno affatto come programmato: i coloni sono infatti accolti da una fauna ostile e da un ambiente ricco di pericoli, tra cui spiccano delle anomalie ambientali. (già visto in Mass Effect Andromeda).

Saranno proprio queste anomalie (non rilevate, da nessuna sonda, pur essendo stata analizzata l’intera atmosfera di Enoch ben prima della partenza dalla Terra) a dare al nostro protagonista (personalizzabile, ma non molto) i suoi poteri sovrannaturali (riferimento, forse, a I Fantastici 4).

In questo lasso di tempo, il mentore dell’eroe muore (prima ancora di aver avuto modo di approfondire il legame tra lui ed il nostro personaggio), ed il capo della missione di colonizzazione mette a rischio le vite di tutti i coloni, rifiutandosi di ritardare lo sbarco per evitare ritardi sulla tabella di marcia (dopo quasi 90 anni di volo spaziale in stasi criogenica, è evidente che attendere qualche ora costituisca un vero pericolo al successo della missione).

Dal combattimento che ne segue, l’eroe ne esce gravemente ferito, e viene pertanto rimesso in stasi criogenica in attesa di soccorso medico. Di nuovo, le cose non vanno come previsto, e si risveglierà molto tempo dopo, scoprendo che la missione di colonizzazione non solo è fallita, ma che i superstiti si sono organizzati in bande di sadici (Rage vi dice nulla?).

Outirders art design
Lo stile artistico di Outriders ricorda molto quello di Destiny.

Nemmeno l’art design dimostra grande originalità, risultando chiaramente ispirato alle opere di Bungie, in particolare ai due Destiny.

Comparto Tecnico

Dal punto di vista tecnico, almeno per quanto riguarda la versione tradotta in italiano di Outriders, è possibile imbattersi in diverse desincronizzazioni tra l’audio e le scene durante le cutscenes: non è insolito che un filmato si concluda prima che uno dei personaggi abbia finito la propria frase o che il suono di uno sparo arrivi dopo lo sparo stesso e vada a sovrapporsi alle battute successive.

Sempre durante i filmati, si assiste in più di un’occasione a stranissimi cambiamenti dei modelli poligonali, che presentano un numero di triangoli nettamente inferiore e textures peggiori di quelle delle sequenze di gioco. Peccato, perché il comparto grafico, nel complesso, appare datato ma ben strutturato: pur non restituendo grande profondità agli ambienti di Enoch, il pianeta di Outriders appare sempre ricco di dettagli, fluido e con un’ottima illuminazione delle scene di gioco, anche se ci si sarebbe potuto aspettare di più per quanto riguarda la dinamicità delle ombre.

I panorami di Outriders non tolgono il fiato
Molto buono il sistema di illuminazione. Meno gli effetti delle ombre.

Un vero plauso alla telecamera di gioco, sempre fluida, ed ai comandi del personaggio: in ore di gioco non si è mai verificato un caso di input lag. Il sistema di combattimento, invece, è basato su un sistema di coperture (attivabili tramite tasto e non dinamicamente) ma presenta una feature davvero interessante: sarà possibile ricaricare la barra della salute solo uccidendo nemici con l’utilizzo delle abilità tipiche della propria classe.

Per quanto la casa polacca abbia inserito dei dettagli di gameplay interessanti, la sensazione alla fine della demo è di qualcosa di già visto, e colpisce la poca cura riposta nel doppiaggio e nei modelli tridimensionali. Essendo la demo una sezione di gioco finito e non una beta o un’alfa, è improbabile che Outriders giunga sugli scaffali e negli store digitali in una veste migliore di quella in cui lo abbiamo trovato. Se Epic avesse concesse un ciclo di sviluppo più lungo, il prodotto finito sarebbe stato sicuramente migliore.

Qui sotto, il link al trailer di lancio:

Se anche tu vuoi provare la demo, qui trovi i link per la versione PC, PlayStation e Xbox.
Ti ricordiamo che Outriders uscirà il primo Aprile 2021.

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Se non hai ancora scaricato la demo di Outriders dovresti farlo: tutti i progressi saranno trasferibili nel gioco completo.

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro