Voto

Clinically Dead intro

- La recensione

Un'avventura tra colori e viaggi spazio-temporali

Clinically Dead ci porta nella testa del nostro personaggio, in un mondo pieno di colori, forse un po' allucinato, che ci porta a viaggiare nello spazio e nel tempo all'interno del subconscio.

Live Twitch

marzo, 2019

lun25mar18:00Serious Sam con Gabriele BielliInizio ore 18:00

lun25mar21:15Talk show e conferenza SonyInizio ore 21.15

Mostra altro

Se vuoi maggiori informazioni su inserisci la tua email qui sotto:

Bentornati su iCrewPlay per una nuova recensione, oggi siamo qui per parlare di un gioco recentemente uscito, disponibile su Steam, di nome Clinically Dead. Il gioco è sviluppato da Paweł Mogiła, creatore di Mogila Games, un ragazzo polacco sviluppatore di giochi indie.

“In uno stato di sospensione spazio-temporale”

Clinically Dead al primo avvio non ci mostra un menu principale, ma ci catapulta direttamente all’interno del gioco con la semplice pressione di un tasto qualsiasi; una volta dentro la prima visione che abbiamo del personaggio, Mr.Samson, è quella di un uomo che dopo un incidente si trova bloccato in un letto d’ospedale con un tubo in gola.
Clinically Dead 1
Cominciamo prendendo il controllo del personaggio  e guardandoci semplicemente attorno, il gioco è controllabile sia tramite tastiera e mouse, sfruttando la classica combinazione di tasti w-a-s-d, che tramite controller. Subito alla nostra destra vediamo l’interfono, l’unico mezzo di comunicazione che ci permette di parlare con il medico per scoprire qualcosa di più riguardo al motivo per cui ci troviamo in questo luogo, mentre alla nostra sinistra abbiamo un bicchiere d’acqua contenente un medicinale non ben definito che ci aiuterà a conciliare il sonno. Questa fase non è molto lunga, durerà pochi minuti, e dopo e una breve introduzione incomincia il nostro rapido declino verso la morte, o meglio verso uno stato di “sospensione spazio-temporale”. Un limbo tra la vita e la morte, e questo lo scopriamo grazie al nostro subconscio rappresentato da una grossa faccia che è la nostra immagine riflessa.
Clinically Dead 2

La vera avventura

Il gioco vero e proprio incomincia ora, dopo questa breve introduzione siamo finalmente all’interno di questo viaggio nella nostra testa, un’avventura piena di colori, spostamenti temporali e di tanta confusione iniziale. Il gioco è un puzzle-game a tutti gli effetti, difatti il gameplay è pieno di piccoli e grandi enigmi che per proseguire dobbiamo risolvere spostando il tempo. Sì, perché Clinically Dead ci permette di modificare il tempo quasi a nostro piacimento, tramite i tasti Q ed E (o qualsiasi altro tasto a scelta configurabile tramite le opzioni). Abbiamo la possibilità di mandare avanti e indietro il tempo nella stanza e questo ci permette di far muovere gli oggetti e quindi sfruttarli per risolvere la maggior parte degli enigmi che ci si presentano davanti. Altra modalità di movimento temporale che possiamo sfruttare in alcune stanze specifiche è il semplice movimento di noi stessi, muovendoci noi il tempo e gli oggetti si muovono attorno a noi, per sfruttare al meglio questa possibilità possiamo abilitare la modalità di visualizzazione dei “campi temporali”. In linea di massima tutti gli enigmi sono piuttosto semplici e abbastanza variegati, anche se confusionari alcune volte, possiamo trovare enigmi con fasi più rapide dove ci troviamo a correre in una posizione prefissata senza farci raggiungere dal tempo nero, ossia l’oblio, o enigmi dove ci possiamo trovarci a muoverci sopra una piattaforma per raccogliere cristalli o oggetti che ci possono servire a superare quella determinata stanza. Ci possono essere anche momenti in cui potrebbe succedere di rimanere bloccati perché magari non troviamo l’oggetto finale che ci serve, questo è dato dalla leggera confusione a cui può portare il gioco visto la sua struttura complessa.Clinically Deat 3Una cosa importante da ricordare durante il gioco è che non è possibile spostare il tempo se non si ottengono i cristalli temporali. Ogni cristallo preso ci dà la possibilità di spostare il tempo leggermente in avanti o leggermente indietro, in linea generale una volta presi tutti i cristalli di una stanza l’area viene completata e noi veniamo riportati alla sala di scelta delle stanze. Questo perché Clinically Dead non sfrutta un percorso lineare, ma un sistema di stanze con un accesso unico tramite delle porte. Un’ultima cosa di cui vorrei parlare è la trama, personalmente ho fatto fatica a capire questo viaggio nel nostro subconscio, ci sono veramente pochi momenti in cui la nostra immagine dirà qualcosa di più oltre le informazioni che ci servono per andare avanti nel gioco.

Colori e una grafica quasi allucinante

La grafica di questo gioco è un qualcosa di particolare. Molto semplice dal punto di vista tecnico, forse anche troppo semplice, si nota una cura dei dettagli non maniacale ma comunque apprezzabile. Il mondo di gioco è ben caratterizzato e sopratutto molto colorato. Lo sfruttamento dei colori permette alla grafica di collimare perfettamente con il gameplay. All’interno del gioco abbiamo la possibilità di visualizzare le stanze in due modi diversi, con la prima modalità possiamo vedere il mondo con colori realistici in base al materiale di cui son composte le stanze, invece nella seconda modalità, attivabile con la pressione del tasto Tab, abbiamo una visione diversa del gioco, una visione colorata in base, come ci viene detto all’inizio dal nostro subconscio, basata sul tempo, questa visione ci permette di superare alcune stanze altrimenti non superabili senza avere la visione del tempo e di come la stanza si muove in base al tempo.Clinically Dead 4Dando un’occhiata più approfondita alla grafica si nota molto l’essere un prodotto creato da uno sviluppatore indipendente, è una bella grafica, piacevole e che si abbina alla perfezione con il gameplay ma la mancanza di impostazioni grafiche di alto livello potrebbe far storcere il naso agli amanti di una resa grafica di livello superiore. Una pecca a mio parere è il menu, scarno, nero con poche opzioni quanto bastano, talmente semplice che a prima vista può far pensare ad un prodotto di infima qualità, cosa che poi non si rivela vera. Nel complesso la grafica è interessante, molto belli gli effetti di luci e lo sfruttamento dei colori.

Un sonoro piuttosto immersivo

Un altro punto a favore di Clinically Dead è proprio il sonoro, le musiche utilizzate all’interno del gioco sono capaci di farci immergere quasi completamente nel nostro viaggio, un doppiaggio del personaggio molto piacevole e con una voce che ho trovato perfetta allo scopo di farci parlare con il subconscio del nostro personaggio, non si può dire male neanche per gli effetti sonori, probabilmente presi da altre persone e non registrati a mano ma comunque non fastidiosi e funzionali per il gioco.

 

  • Simone Lambiase

Un gameplay che è capace di mettere alla prova il pensiero

Una colonna sonora immersiva ed un doppiaggio piacevole

Una grafica colorata e molto particolare

Testato con PC fascia Media

7

Una curva di apprendimento iniziale piuttosto alta

Una grafica non sfruttabile al massimo

Un menu troppo scarno

Longevità 7

Grafica 7

Impatto 8

Sonoro 8

Clinically Deat nel complesso è un gioco molto interessante, sviluppato da un ragazzo da solo è capace di farti immergere in un viaggio particolare all’interno del subconscio del nostro personaggio, si vede che è un lavoro indipendente ma non per questo è da denigrare anzi è da premiare un impegno assurdo e un lavoro nel complesso ben fatto.

Clinically Deat non brilla dal punto di vista dei trofei, ci sono solamente sei trofei, tre dei cui più nascosti e tre più semplici dove basterà aprire le opzioni almeno una volta, salvare tante volte il gioco e finire il gioco.

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
X