Death Stranding

AMA di Reddit con Yoji Shinkawa, l’art director di Death Stranding

Una chiacchierata tra il rinomato artista giapponese ed i suoi fan

Pubblicità

Death Stranding, l’ultimo sogno di Kojima, arriva ufficialmente su PC dopo gli ottimi risultati ottenuti su PlayStation 4. Si presenta al proprio pubblico con un ottimo comparto tecnico e un design degno di nota.

Death Stranding

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Internet è una rete, uno strumento utile a creare collegamenti tra le persone. Lo abbiamo potuto capire specialmente nei mesi di isolamento forzato dovuti al Covid-19. Telefonate, chat, email, streaming, tv on demand, gaming online e quant’altro ci hanno accompagnato in un periodo in cui le quattro mura della nostra abitazione diventavano un confine reale tra noi e la minaccia nascosta là fuori.

Anche Death Stranding, da molti definito profetico relativamente alla pandemia di Coronavirus, è un’opera che parla di reti e connessioni, quindi quale strumento poteva essere migliore di internet per mettere in contatto il pubblico con gli autori di questo gran pezzo di cinema digitale interattivo?

La piattaforma ospitante è stata Reddit che ha organizzato un AMA, ovvero un “ask me anything” con Yoji Shinkawa, l’art director di Death Stranding, creatore di incredibili concept art relative sia all’universo stravolto di Sam Bridges che a quello più stealth di Solid Snake.

Death Stranding

A natale del 1971 Hiroshima, perdona il gioco di parole, ha dato i natali a questo bravissimo illustratore. Dopo essersi laureato a Kyoto nell’università Seika, Yoji Shinkawa nel 1994 divenne sviluppatore di videogame per Konami.

Aveva già iniziato a distinguersi positivamente lavorando su Policenauts. E’ diventato poi art director per la serie di Metal Gear Solid, emergendo come punto di riferimento cardine per il Mecha design e per la caratterizzazione di numerosi personaggi della saga. Ovviamente la sua direzione artistica e i suoi lavori sono stati fondamentali anche nella creazione di Death Stranding.

Gli utenti sono rimasti profondamente e positivamente colpiti da questa iniziativa di Reddit e non hanno esitato ad interfacciarsi col maestro giapponese facendo le domande più disparate, alcune ispirate dallo stesso Death Stranding, altre più personali e volte a scavare più a fondo nei processi artistici dell’autore.

L’artista ha cominciato a rispondere alle 7.00 del mattino. Ora che il carosello di domande e risposte si è chiuso noi di iCrewPlay veniamo in aiuto per guidarti in maniera riassuntiva tra le questioni e gli argomenti più significativi di questo AMA. Comunque puoi stare tranquillo anche se non sei un anglofono: infatti tutto il materiale che ti proporrò sarà tradotto nella nostra lingua. Adesso mettiti comodo e scopri insieme a noi l’universo di Yoji Shinkawa.

Parlando di Yoji Shinkawa

Death Stranding

R: Disegni anche nel tuo tempo libero o solo per lavoro? Se disegni anche al di fuori dell’ambito professionale, mantieni lo stesso stile o disegni in maniera differente? Al di là dei videogame di cosa ti piace occuparti a livello di design?

Y: Nel tempo libero faccio parecchi scarabocchi e spesso da questi nascono nuove idee per il lavoro. Quando non mi occupo di videogame mi piace dedicarmi al design di automobili.

 

R: Quando crei il design di qualcosa su cosa ti basi? Che passaggi segui?

Y: Mi faccio diverse domande. Mi chiedo chi lo userà? Dove sarà usato? Per quale scopo verrà usato? Se esistesse davvero che aspetto avrebbe?

 

R: Quale artista ti ispira maggiormente?

Y: Principalmente vengo influenzato da Yoshitaka Amano

 

R: Quante ore al giorno ti eserciti nel disegno?

Y: Più che esercitarmi diciamo che cerco sempre di tirare fuori nuove idee per i giochi o per i design.

 

R: Cosa fai nel tempo libero?

Y: Mi piace dedicarmi al modellismo. Quest’anno ho realizzato 20 modelli, in parte perchè sono stato a casa tutto l’anno.

 

R: Secondo te qual’è il materiale più difficile da rendere efficacemente nei rendering o nel disegno?

Y: Una delle cose più difficoltose da rappresentare in termini di videogiochi è senza dubbio la stoffa. E’ davvero difficile farla sembrare realistica.

 

R: Manga preferiti?

Y: Ho letto a fondo Akira e Nausicaa della Valle del Vento. Tra le opere che mi piacciono mi vengono in mente anche Azumi e Ichigeki.

 

R: Qual’è la tua prospettiva nei confronti dell’arte? Qual’è il suo scopo?

Y: Penso che per le persone l’arte sia importante come mangiare o dormire.

 

R: Adoro i tuoi progetti artistici, sono incredibili e unici. Qual è il tuo personaggio preferito tra quelli che hai disegnato per i giochi?

Y: Solid Snaaaaaaake!

Parlando di Death Stranding e Hideo Kojima

Death Stranding

R: Come hai vissuto la transizione da Metal Gear Solid a Death Stranding?

Y: E’ stata più di una transizione: abbiamo proprio dovuto creare una prospettiva completamente diversa, quindi è stato ancora più difficile di lavorare su Metal Gear Solid.

 

R: Cosa ti è stato di ispirazione per creare il design di personaggi come Higgs o Amelie di Death Stranding?

Y: Quando cerco di creare un nuovo personaggio, mi preoccupo di molte cose. Per Amelie, ad esempio, sono partito dall’immagine di  Lindsay Wagner, che tra l’altro mi piace molto, ed ho pensato a che stile o acconciatura le si addicesse.

 

R: Quanta libertà creativa ti viene lasciata nel design e quanto la figura di Hideo Kojima ha influenzato certe scelte stilistiche? Ad esempio da dove sono uscite l’ispirazione ai faraoni per Higgs e la cicatrice sulla fronte per Deadman?

Y: Baso il mio design sulla sceneggiatura e sull’ambientazione di Hideo Kojima. In certe occasioni ci si basa sul feedback derivante da certi lavori di concept art, ma nel caso specifico da te menzionato si è lavorato partendo da precise direttive di Hideo-san.

 

R: Qual’è la tua parte preferita nel mondo di Death Stranding?

Y: Penso che le montagne innevate non siano niente male!

 

R: A cosa vi siete ispirati per realizzare il vestiario di Sam Bridges?

Y: Sono partito da un concept originale nel quale immaginavo la figura di un fattorino americano.

 

R: Kojima un po’ di tempo fa ha postato alcuni tuoi design di astronavi su Twitter. Per cosa si intende usare quei concept? Ci sono molte altre astronavi?

Y: E’…Un…Segreto!

 

R: Ritieni che il tuo percorso professionale e quello di Hideo Kojima siano legati per il resto delle vostre carriere?

Y: Sì, penso sia così!

Arrivederci Yoji

Queste erano alcune delle domande più significative rivolte al Maestro Yoji Shinkawa. Purtroppo l’artista non è riuscito a rispondere a tutti i quesiti che gli sono stati posti. Sono stati in centinaia a volerlo contattare.

Con questo articolo spero di aver soddisfatto la tua curiosità, avvicinandoti un po’ di più al mondo di Death Stranding e alle figure di Hideo Kojima e Yoji Shinkawa. Se mastichi un po’ di inglese e vuoi recuperare tutte le altre discussioni ti ricordo che la pagina dell’AMA è ancora disponibile su Reddit. Mi raccomando: resta collegato su iCrewPlay per scoprire tutte le novità relative ai videogame e ai personaggi più influenti del settore!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Sei anche tu un fan di Yoji Shinkawa? Se non hai potuto partecipare a questo AMA, cosa gli avresti chiesto?

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro