xbox series S

Xbox Series S, secondo gli sviluppatori è difficile ottimizzarne i giochi

Ottimizzare un gioco per la console piccola di Microsoft non consiste semplicemente nell'abbassarne le impostazioni grafiche

Pubblicità

Breakneck City è un picchiaduro old school, in grafica low pixel, che non ha troppe pretese, ma neanche troppa convinzione d’emergere: il risultato è un titolo grezzo, embrionale, che seppur divertente mantiene delle imperfezioni troppo evidenti

Speciale

Finalmente, la next gen è qui: Xbox Series S e X sono state rilasciate sugli scaffali di tutto il mondo, e la recezione di pubblico e critica è ottima.
Anche dal punto di vista commerciale, la nuova console di casa Microsoft è un successo: di recente, Phil Spencer ha dichiarato che si tratta del miglior lancio di una console della storia di Xbox, nonostante questo non abbia voluto rilasciare i dati di vendita.

Xbox Series S, l’ottimizzazione non è semplicemente abbassare i settaggi grafici

Le nuove console di Microsoft sono disponibili all’acquisto da oltre tre mesi, e i giocatori di tutto il mondo hanno avuto modo di apprezzare i pregi migliori di questi hardware di nuova generazioni: le differenze con la concorrenza di Sony sono abbastanza marcate, e la cosa lascia trasparire due modi differenti d’intendere la next-gen.

Il carattere distintivo principale della nona generazione di Microsoft è sicuramente il rilascio di due console: Xbox Series S presenta delle caratteristiche tecniche meno performanti di Series X, ma propone un prezzo adatto a tutte le tasche, permettendo a chiunque di poter vivere la next-gen a un costo decisamente contenuto.

Ciononostante, ottimizzare giochi per questa console non è sempre un lavoro semplice: ad affermarlo è Thomas Puha, direttore comunicativo di Remedy Entertainment, il quale sostiene che l’ottimizzazione di un titolo per Xbox Series S comporta una mole di lavoro più complessa di abbassare la risoluzione grafica e la qualità delle texture.

“Xbox Series S non è diversa dalle console delle generazioni precedenti in cui il sistema con le specifiche più basse finisce per dettare alcune delle cose che farai, perché dovrà funzionare su quel sistema, giusto? È molto facile dire che abbassi la risoluzione e la qualità della trama e il gioco è fatto, non è neanche lontanamente così semplice.

La domanda da porsi mentre realizziamo il motore di gioco è “Stai realizzando un motore che è molto più legato alla GPU o alla CPU? Cosa stai tassando molto di più?” Bene, in qualche modo impieghiamo entrambi i componenti in Control perché abbiamo molta fisica, ma anche ffetti di ray tracing. Ciò fa un’enorme, enorme differenza, specialmente su Xbox Series S.”

Non ci resta che attendere per scoprire come si comporterà Series S in futuro con i videogiochi di nuova generazione.
Xbox Series X e S sono disponibili dal 10 novembre, rispettivamente al costo di €499 e €299.

Pubblicità
Pubblicità

Cosa ne pensi di Xbox Series S? Hai provato la nuova console next-gen di casa Microsoft?

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro