Xbox phil spencer ip activision

Xbox: Phil Spencer vuole via tutti i giocatori tossici dalla community

Phil Spencer, capo di Xbox, ha in mente un'idea per fermare una volta e per tutte i cheater e i giocatori molesti: di cosa si tratta?

Non c’è niente di meglio a volte che mettersi comodi e giocare online con i propri amici per una sfida veloce, o per un po’ di sana competizione. Il gioco multiplayer ha portato tanta innovazione sfruttandone tutti i suoi lati positivi, portando la community a riunirsi e a compattarsi sempre più, facendo nuove conoscenze, organizzando veri e propri team e allestendo raduni ad-hoc per tutti i giocatori che vogliono riunirsi per qualche oretta con i propri compagni di gioco.

Il multiplayer, purtroppo, non è proprio tutto rosa e fiori: se da un lato si può trovare un’esperienza appagante, sia dal punto di vista sociale che videoludico, dall’altra può essere un’esperienza a dir poco frustrante per via di certi giocatori che decidono di rovinare la magnifica esperienza dell’online.

Videogiochi
Hai mai organizzato serate in multiplayer con i tuoi amici direttamente da casa?

Dai cheater che letteralmente trasformano il gioco in una vera e propria distruzione visiva e uditiva, come accadde ai tempi con Call of Duty 4: Modern Warfare, ai giocatori molesti, che lanciano continui insulti gratuiti, sia in pubblico che privato, a giocatori di ogni tipo, in particolar modo al genere femminile.

A tutte queste brutte problematiche che pregiudicano l’esperienza online, Phil Spencer, capo di Xbox, ha in mente una manovra da attuare che pare tanto semplice… quanto fantasiosa.

Xbox
Phil Spencer, capo di Xbox

Cheater e giocatori molesti? Phil Spencer sembrerebbe avere una soluzione al problema

In un’intervista rilasciata al New York Times, Phil Spencer rilascia dichiarazioni che lascerebbero aprire ad una prospettiva interessante in ambito di anti-cheating e sicurezza, anche se il tutto pare essere abbastanza fantasioso.

Secondo il capo di Xbox, basterebbe includere un ban crossplay, in modo che il giocatore richiamato possa scontare la sua punizione non solo in locale, ma a livello globale. L’iniziativa risulterebbe interessante, anche se di difficile applicazione, in quanto bisognerebbe riorganizzare l’intero sistema di controllo, il che non può essere certo fatto dall’oggi al domani.

Queste le sue parole:

Quando un utente viene bannato da uno dei nostri network, si può bannare anche su altri? Si può trasferire la lista di utenti bannati da una piattaforma all’altra.

Xbox

Una soluzione certamente interessante, ma che non troverebbe un’applicazione immediata, dalla non facile costruzione.

Fonte

Cosa ne pensi di ciò che ha dichiarato Phil Spencer? Com'è la tua esperienza online? Fammelo sapere con un commento qui sotto! Tranquillo, so che online non si può mettere pausa: dimmi la tua opinione dopo la partita!

Roberto Taurino
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI