Wolfenstein Youngblood
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Wolfenstein: Youngblood e l’importanza del rosa

Le due attrici che interpretano le protagoniste di Wolfenstein: Youngblood discutono dell'importanza di questi ruoli

Wolfenstein: Youngblood – La recensione

Nintendo Switch

Wolfenstein abbandona le avventure di BJ per spostarsi negli anni '80 in cui le giovani Blazkowicz metteranno a ferro e fuoco la Parigi occupata dai nazisti per ritrovare l'illustre genitore scomparso.
Benvenuti in Youngblood

Wolfenstein abbandona le avventure di BJ per spostarsi negli anni '80 in cui le giovani Blazkowicz metteranno a ferro e fuoco la Parigi occupata dai nazisti per ritrovare l'illustre genitore scomparso.
Benvenuti in Youngblood

I vari media che ci stanno intorno sono un enorme specchio della nostra realtà e in molti casi anche un termometro della sua condizione.  Dobbiamo ammettere con noi stessi che nel mondo videoludico la visione della donna non è il massimo, soprattutto nei titoli molto scadenti. La cosa che ci tedia di più è l’enorme abuso di una figura femminile completamente stereotipata. Ovviamente, non siamo il fanalino di coda in questa battaglia al ribasso tra i vari settori, anzi, ma comunque il processo di miglioramento è lento e certe volte puzza di trovata commerciale. Senza soffermarci troppo se sia solo un pretesto per farsi notare, anche se forse dovremmo farlo, Wolfenstein: Youngblood punta molto sul presentare personaggi femminili lontani da bieche concezioni sulla donne.

Shelby Young e Valerie Lohman sono le due attrici che interpretano le due protagoniste, Soph e Jess di Wolfenstein: Youngblood e con le loro parole fanno eco al cavallo su cui punta, in parte, questo gioco. In un’intervista rilasciata a Hollywood Reporter le due donne mettono prima di tutto in chiaro il fatto che hanno interpretato due personaggi realistici. In secondo luogo, sottolineano il fatto che sono due figure molto forti, in linea con il cognome Blazkowiczs. Le ultime parole di Young e Lohman vertono su come loro non abbiano avuto nel mondo videoludico un modello che le rappresentasse, e aggiungono la speranza che questo trend negativo possa essere invertito in futuro.

Potrebbe interessarti...

Il lavoro che si sta facendo nel panorama videoludico per i ruoli femminili ti sembra sulla buona strada o ancora molto lontano dall’obiettivo?

Fonte

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scelto dalla redazione

7 ore fa

Hai seguito il Twitch Rivals su Twitch? Hai visto altri partecipanti utilizzare cheat? Faccelo sapere nei commenti!!!

Articolo approfondito

5

Nessun Evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0