- recensione

Una strega buona ma arrabbiata, quanti danni può fare? Scopriamolo in 50 livelli

witcheye
1+

Un gioco progettato unicamente per mobile merita l’attenzione del pubblico? Te lo diciamo noi in questa recensione.

Un gioco progettato unicamente per mobile merita l’attenzione del pubblico? Te lo diciamo noi in questa recensione.

Witcheye

Nonostante le potenzialità, il mercato del mobile gaming stenta ancora a decollare; quest’anno, in special modo particolare, non è stato particolarmente positivo.
Molti titoli importanti non sono riusciti a soddisfare le aspettative dei giocatori, con un futuro che non si prospetta esattamente roseo per questa tipologia di videogame.

Nonostante queste premesse ci sono ancora piccoli sviluppatori che provano a sfruttare le potenzialità della piattaforma, senza creare titoli con i quali spremere i portafogli virtuali dei giocatori.
Non sono molti, in effetti, e spesso vanno cercati con attenzione; non è il caso di Witcheye i cui programmatori, Devolver Digital flood, hanno invaso i social con post sul gioco così da non farlo passare inosservato.

L’occhio della strega

Ad un primo sguardo Witcheye può sembrare l’ennesimo platform retrò con una buona colonna sonora, del tutto simile a tanti altri titoli che si trovano sui nostri store.
Potrebbe sembrare la descrizione migliore, gli stessi sviluppatori lo definiscono un adventure platform, ma Witcheye in realtà ha poco da spartire con i classici platform.
Innanzitutto non si salta,  dal momento che potremo invece volare lungo tutto lo schermo, atterrando i nemici semplicemente urtandoli: manca del tutto, quindi, un elemento fondamentale del genere. 

Nel gioco impersoniamo una strega che insegue un cavaliere ladro che le ha rubato (in maniera molto comica) gli ingredienti chiave di una pozione che la stessa stava preparando, oltre ad alcuni gioielli.
Invece di inseguirlo a piedi (o a cavallo di una scopa), la strega si trasforma in un bulbo oculare; i controlli che ne derivano solo molto semplici, basta effettuare uno swipe per muovere la strega o un veloce tap per bloccare la sua avanzata. Tutto qui, basta questo per giocare. Intuitivo e molto semplice.

La campagna è suddivisa in una serie di brevi livelli, distinti da un proprio tema (foresta, lava ecc…), al termine dei quali si trova un boss da sconfiggere: nulla di difficile ovviamente. Ogni livello segue più o meno lo stesso schema: all’inizio viene introdotto il nemico che fronteggeremo nel corso del livello, per  arrivare al mini-boss che normalmente custodisce la chiave per uscire dal livello, ed al massimo un altro paio di nemici a frapporsi tra noi e la fine.

Non c’è altro nei livelli, a parte i gioielli che dovremo cercare in giro eliminando i nemici o distruggendo dei blocchi di pietra; una volta recuperati i gioielli non ci sono altre particolari ragioni che possono spingerci a ripetere i livelli una volta completati. Molti di questi, difatti, potranno essere completati in un minuto circa, il che significa che gli stessi non ci annoieranno, ma anche che non ci rimarranno particolarmente impressi.

Ciò che invece ci rimarrà impresso di Witcheye saranno le battaglie con i boss: si tratta di scontri molto intelligentiben animati e disegnati in una tale maniera che valgono l’intero prezzo del gioco.
Nessun livello si avvicina minimamente alla creatività messa dagli sviluppatori per le boss fight; se si potesse passare  più tempo a combattere queste enormi creature che non a raccogliere inutili gioielli, utili solo a saziare le compulsività dei completisti, Witcheye sarebbe un gioco più godibile di quanto in effetti non sia.

Modalità

Completato il gioco in modalità normale è possibile rigiocarlo in modalità difficile e “severa”; in questo caso l’esperienza di gioco diventa effettivamente più complicata e ci sono alcune piccole variazioni nel gameplay per quanto riguarda gli scontri con i boss; è un peccato che sia indispensabile finire prima il gioco, visto che secondo me è proprio la modalità difficile quella più appagatante con cui andrebbe affrontato questo titolo. Oltre alle due modalità sopra citate è possibile sbloccarne altre due: boss rush e speedrun.

Capisco la necessità di tenere nascoste queste altre modalità, ma considerato che  Witcheye impiega troppo tempo a diventare sfidante in modalità normale, sarebbe stato meglio cimentarsi sin da subito in queste versioni più interessanti del gioco.

gameplay semplice

grafica retro ben fatta

livelli poco memorabili

indispensabile finirlo a normale per goderne appieno

Non sono presenti trofei

Grafica
Sonoro
Longevità
Impatto

Voto

Witcheye è un gioco piacevole, diventando facilmente uno dei migliori titoli per mobile degli ultimi tempi. Con i suoi controlli semplici ed efficaci e una colona sonora decente riesce a meritare una menzione d’onore.
Si potesse giocare da subito con le modalità aggiuntive e a livello più difficile guadagnerebbe ancora qualche punto sulla valutazione.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>
Witcheye è un gioco piacevole, diventando facilmente uno dei migliori titoli per mobile degli ultimi tempi. Con i suoi controlli semplici ed efficaci e una colona sonora decente riesce a meritare una menzione d’onore.
Si potesse giocare da subito con le modalità aggiuntive e a livello più difficile guadagnerebbe ancora qualche punto sulla valutazione.

Voto

1+