Videogiochi Skoolz out

Videogiochi: ecco lo scuolabus trasformato in sala giochi

Videogiochi in viaggio per il mondo? Quasi letteralmente: ecco lo scuolabus dove, in Texas, è possibile videogiocare

Pubblicità

Breakneck City è un picchiaduro old school, in grafica low pixel, che non ha troppe pretese, ma neanche troppa convinzione d’emergere: il risultato è un titolo grezzo, embrionale, che seppur divertente mantiene delle imperfezioni troppo evidenti

Speciale

Videogiochi mobili: ne hai mai sentito parlare? Effettivamente è abbastanza strano, specialmente detto così, ed ecco perché siamo qui oggi. Ti vogliamo raccontare di quella volta in cui uno scuolabus è stato completamente trasformato per diventare una sala giochi su quattro ruote. Hai ragione a dire che non è propriamente esatta l’affermazione iniziale, ma c’è una bella correlazione fra le due cose. Non parliamo di una sala giochi qualsiasi, con all’interno slot machine o prodotti simili, ma di una sala vera e propria dove poter giocare con postazioni PC, apparecchi all’avanguardia, vivendo un’esperienza unica.

L’idea è partita da due coniugi, Joshlyn Jackson e Tre Jackson, che oltre a essere sposati risultano essere accaniti giocatori; partiti dalla loro cittadina (Pollok, nel Texas orientale), hanno iniziato a investire il loro tempo e il denaro rimanente dai loro risparmi per avviare questa iniziativa. La decisione definitiva per far avverare questo loro sogno nel cassetto, però, è stata data dalla perdita del lavoro a causa del Covid-19.

“Indipendentemente dalle preferenze di ognuno nella vita di tutti i giorni, i nostri clienti potranno scoprire grazie a noi un luogo e delle attività che si riveleranno adatte a loro. Abbiamo anche bisogno che la gente scopra il modo di fare sport nel modo migliore possibile e possa trarre beneficio da esperienze completamente nuove. Sia io che Tre siamo giocatori esperti e amiamo mostrare agli altri come migliorare le proprie abilità” ha dichiarato il marito.

Skoolz Out

Videogiochi su quattro ruote: nasce Skoolz Out

Il nome dato al mezzo di trasporto è proprio Skoolz Out e, all’interno, è possibile trovare una vastità di postazioni e attività da fare, tra cui i giochi da tavolo. L’autobus possiede ben sei televisori, console sia per grandi che per piccini, e può ospitare fino a 25 persone alla volta (12 se tutti hanno intenzione di giocare in multiplayer).

“Volevamo un’attività commerciale vera e propria, ma sapevamo che molto probabilmente non si sarebbe mai avverata, dato che richiedeva un grandissimo investimento iniziale. Poi mio marito ha avuto l’idea dell’autobus guardando il trailer di un videogioco e ci siamo decisi ad acquistarlo” ha detto la moglie durante la presentazione del loro progetto.

Il servizio d’intrattenimento è stato aperto dal 1° dicembre ed ha già riscosso tantissimo successo tra i giocatori del Texas, nonostante il costo per partecipare: $150 all’ora. Eccessivo? Forse, ma l’esperienza sarà veramente unica e un supporto concreto da parte dei due giocatori esperti per migliorare le proprie abilità da videogicatore.

“Non abbiamo spazio sufficiente per organizzare grandi eventi, ma cerchiamo di offrire un modo nuovo e più semplice di celebrare i compleanni e qualsiasi evento come se fossero organizzati all’interno della propria abitazione” hanno detto i coniugi.

Skoolz Out

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

A quale videogioco si sono ispirati i coniugi, secondo te? Facci sapere se vorresti vedere un'iniziativa simile in Italia oppure no!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro