Boktai

Un sensore per rilevare la presenza di aglio nell’alito? Idee di Kojima

Oltre alla sua unicità riguardante il sensore solare per avere la meglio sui vampiri, Kojima voleva qualcosa in più, mangiare aglio per stendere i vampiri e non solo loro...

Pubblicità

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

La generazione di Game Boy Advance è stata un periodo magnifico per Nintendo in termini di versioni software di prime e terze parti. Uno dei giochi più eccentrici e forse più innovativi rilasciati sul sistema durante tale periodo è stato Boktai: The Sun Is In Your Hand.

Sviluppato e pubblicato da Konami è stato l’unico prodotto di Hideo Kojima prima che lavorasse su titoli come Death Stranding.

Il titolo The Sun Is In Your Hand era un riferimento diretto al fatto che la cartuccia di gioco avesse un sensore di luce fotometrico incorporato in grado di rilevare i raggi del sole nella vita reale.

Questa caratteristica unica è stata utilizzata per caricare armi solari in-game e significava che il protagonista aveva il sopravvento contro i vampiri durante il giorno. Finì per essere sviluppato in una serie e fino ad oggi rimane un concetto unico nel suo genere.

Un sensore per rilevare la presenza di aglio nell'alito? Idee di Kojima 1
La cartuccia di Boktai: The Sun Is In Your Hand contenente il sensore solare, che permetteva al gioco di riconoscere quando nella vita reale era giorno, così da avere la meglio sui vampiri. Roba da matti, roba da Hideo Kojima!

Tornando all’anno dell’uscita di questo gioco, il sito web Shmuplations ha recentemente tradotto un’intervista di Nintendo Dream del 2003 con il produttore del gioco. In esso, Kojima rivela come volesse davvero includere un sensore per misurare il respiro, o forse è meglio dire l’alito, del giocatore, ma il resto della squadra a quanto pare odiava l’idea.

“Qualche anno fa, mi sono avvicinato a Shigeru Miyamoto alla Nintendo e ho tenuto la presentazione. All’inizio, quindi, non era solo un sensore di luce solare: in realtà avevo voluto includere un sensore che misurasse anche l’odore del respiro vero e proprio! Volevo davvero aggiungerlo! I nemici sono vampiri, giusto? Quindi se mangiassi un pezzo di aglio e respirassi al microfono, moriranno tutti. (ridendo)
Ragazzi, dobbiamo farlo !! Ma il resto dello staff odiava l’idea”.

Kojima ha sicuramente avuto alcune idee folli nel corso degli anni, ma questa potrebbe essere stata la più strana del lotto. Per quanto affascinante sia il sensore di luce solare, è probabilmente un sollievo che il sensore che misura il respiro del giocatore non sia stato incorporato.

Continua a seguirci sul nostro sito per essere sempre aggiornato sulle informazioni provenienti dal mondo videoludico.

Pubblicità

Fonte

Pubblicità

Una trovata geniale ma al tempo stesso esagerata, avremmo sicuramente capito chi giocava a Boktai se tutti avessero mangiato aglio per uccidere i vampiri nel gioco! Tu avresti acconsentito a una feature del genere? O la trovi imbarazzante? Faccelo sapere con un commento, siamo troppo curiosi di sentire la tua opinione!

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro