2
0

The Last of Us Parte 3 sarà ancora più difficile da creare

Un'affermazione di Neil Druckmann che potrebbe lasciare deluso più di qualcuno

iCrewPlay Consiglia

Da non perdere

Naviga tra i contenuti

The Last of Us Parte 2 è uscito da pochissimo, eppure come accade con tutte le serie di gran successo, chi l’ha finito ha già cominciato a chiedersi quando vedremo un nuovo capitolo. Se poi consideriamo la calorosa accoglienza della critica e i numeri da capogiro in termini di vendite, è probabile che Sony vorrà che Naughty Dog realizzi un sequel. Non è molto convinto di un sequel Neil Druckmann – co-creatore della serie e direttore creativo – che non la mette tanto sul fronte delle vendite e degli incassi, ma desidera che la serie abbia ancora una storia da raccontare, che ne giustifichi un seguito.

The Last of Us parte 2

Potremmo non vedere mai un The Last of Us Parte 3

In una recente intervista con Indie Wire, quando gli è stato chiesto di un potenziale The Last of Us Parte 3, Druckmann ha spiegato che un sequel avrebbe dovuto superare lo stesso scalino che ha attraversato la Parte 2, indipendentemente dal fatto che Naughty Dog possa trovare modi più nuovi e interessanti per raccontare una storia. Secondo Druckmann, rendere al meglio The Last of Us Parte 2 è già stata un’impresa, e diventerebbe ancora più difficile con un’eventuale Parte 3. Druckmann ammette tranquillamente che “al momento”, non ha la più pallida idea su come realizzare un seguito.

Sarò un po’ vago come ci si potrebbe aspettare, ma penso che il test per stabilire se fare o meno una Parte 3 debba essere un simile a quello che abbiamo fatto con la Parte 2“, ha detto Druckmann. “Con il primo gioco non c’erano aspettative ed era un po’ come se potessimo fare qualsiasi cosa. Ma ora che abbiamo stabilito determinati personaggi, temi e processi, è sembrato quasi forzato fare una Parte 2, dovevamo fare qualcosa con cui i fan non solo si sarebbero semplicemente sentiti a proprio agio, ma qualcosa che corrispondesse al nucleo emotivo che abbiamo instillato nel primo gioco. E senza quello, non ci sarebbe alcun motivo di fare una Parte 3.

Trovare una storia da raccontare con il sequel è stato molto più difficile di quanto non fosse con il primo gioco, e andare avanti renderebbe esponenzialmente più difficile giustificare il ritorno in quel mondo e trovare un modo per cambiare le cose“, ha continuato. “Ci sono già così tante cose che hai visto sul retroscena, per esempio come è avvenuta l’epidemia, quindi dovremmo davvero capire come creare una nuova esperienza che corrisponda all’impatto emotivo delle storie precedenti e non so cosa questo è possibile al momento.

Senza entrare nello spoiler, The Last of Us Parte 2 ha alcuni intrecci narrativi che sembrano aprire le porte a un’altra storia da raccontare, ma il gioco non chiede a gran voce un sequel, proprio come non lo faceva il primo capitolo.

Nel frattempo, The Last of Us Parte 2  è disponibile su PlayStation 4 e puoi trovare quello che ne pensiamo nella nostra recensione!

Ti potrebbe interessare...

3

Commenti

1209

Miei

2
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!




Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

  1. Francesco
    · Ospite
    26 Giugno 2020 alle 0:30

    Si secondo il mio punto di vista credo che “the last of su 3“ dovrebbe essere fatto, e la storia dovrebbe narrare della amicizia che si viene a creare tra abby e ellie compagne di un nuovo viaggio con un obbiettivo comune come ad esempio la ricerca di una nuova cura.

    2
  2. Alessandro
    · Ospite
    26 Giugno 2020 alle 2:01

    Gli ho finiti tutti e due e non mi sazio ancora li adoro fate la parte tre

    1
  3. Francesco
    · Ospite
    26 Giugno 2020 alle 11:51

    Secondo me, un terzo capitolo ci starebbe, c’è molte domande senza risposta nel finale, mi farebbe davvero piacere un terzo capitolo

    2

3