The Gunk

The Gunk, l’avventura che non ti aspetti

Un esclusiva Microsoft dai molteplici tratti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp

The Gunk è il nuovo titolo ad opera di Image & Form Games, già conosciuti per la loro serie SteamWorld. Se sei un fan della saga SteamWorld ti potrebbe interessare che c’è stato un annuncio recente, di cui puoi leggere un nostro articolo quì

Torniamo tuttavia all’argomento principale di questa recensione, The Gunk è un videogioco prettamente esclusiva Microsoft, quindi disponibile su PC, Xbox One, Xbox Series X/S, uscito il 16 dicempre 2021. Si tratta di un avventura platform con visuale in terza persona, con elementi esplorativi ed enigmi ambientali.

The Gunk, l'avventura che non ti aspetti 1
Becks e Rani, le due esploratrici di The Gunk

La trama di The Gunk

Beks e Rani sono due esploratrici spaziali, alla costante ricerca di materiali o rottami la cui rivendita gli permetta di sopravvivere. In uno dei loro molteplici approdi finiranno su un pianeta all’apparenza inesplorato, che finirà per riservare alle nostre protagoniste qualche sorpresa.

La prima rappresenterà il “Gunk”, un materiale organico, viscido, che potrà essere “risucchiato” da Rani. La protagonista del titolo infatti è carente di un braccio, al quale è applicato un guanto multifunzione, che fra le tante funzioni, ha anche quella di “aspiratore spaziale”.

La seconda sorpresa sarà, l’antica presenza, di una civiltà aliena. Rani stessa deciderà di indagare a riguardo, scoprendo soprattutto il perché non ce ne sia traccia vivente sul pianeta. Un esplorazione che ti porterà nei meandri di questo pianeta, in apparenza disabitato.

Una trama diretta, che non gira intorno a nessun fronzolo, capace di far comprendere subito ai videogiocatori che cosa aspettarsi. Un videogioco che va dritto al punto, che questo sia un pregio o un difetto lo scoprirai in seguito in questa recensione.

The Gunk, l'avventura che non ti aspetti 2
tanto, direi troppo, “Gunk”

Gameplay

Nello specifico, ho potuto giocare The Gunk su una Xbox Series S. Sul lato gameplay il gioco si presenta piuttosto bene. Carina l’idea di fornirci un pianeta da esplorare, seppur in modo minimale, in quanto ci troviamo davanti ad un videogioco lineare, e non un open world. Seppur questo potrebbe sembrare una scelta controcorrente, l’ho trovata adatta a questo titolo.

L’esplorazione porterà l’avventurosa Rani a districarsi fra i paesaggi di questo pianeta alieno, con tutti i limiti che un videogioco lineare possa prefissare. Nel corso della storia ti troverai infatti a dover passare da un area ad un altra, e dover risolvere alcuni enigmi ambientali per poter avanzare. Importante è anche il farming dei vari materiali.

Tale farming servirà a Rani per potenziare il suo equipaggiamento, in alcuni casi essenziale per il proseguo dell’esplorazione. Ad esempio, dovrai infatti poter sparare dal guanto alcuni colpi energetici per aprire alcune porte. Per ciò che concerne invece la risoluzione degli enigmi ambientali, quasi tutto ruoterà intorno la pulizia dell’area dal Gunk.

The Gunk, l'avventura che non ti aspetti 3
la natura platform di The Gunk

A tal riguardo potrebbe risultare noioso, non solo ti verranno presentati sempre gli stessi enigmi ambientali, quali ripulire e gettare un seme in una pozza energetica, ma anche i caricamenti troppo frequenti fra un area e l’altra non aiuteranno. Sinceramente in vista del 2022, vedere ancora un videogioco composto da piccole aree e caricamenti fra una e l’altra, lo trovo molto discutibile.

Non avremo neanche NPC pronti a darci una missione secondaria, o pronti a dialogare con noi nel vero senso della parola il tutto (o quasi) avverrà fra Rani e Becks via radio. Sporadicamente dovremo recarci alla base per recarci alla nostra astronave per creare potenziamenti per il guanto. Non ci sarà alcun altra ragione per recarci all’avamposto.

Un gameplay lineare, strettamente legato all’esplorazione, alla scansione dell’ambiente circostante, alla pulizia dal “Gunk”, e alla risoluzione di alcuni piccoli enigmi. E considerando che la durata del videogioco si assesta intorno alle 4 ore, potrebbe risultare leggermente noioso.

Ultima nota, questa più strettamente personale, è l’assenza di una qualsiasi mappa a schermo. Premesso che il più delle volte non ce ne sarà bisogno, ma quelle pochissime volte maledirete non poco la sua assenza.

The Gunk, l'avventura che non ti aspetti 4
The Gunk, un videogioco votato all’esplorazione e la risoluzione di enigmi ambientali

Il comparto tecnico

Tecnicamente The Gunk, ad una prima occhiata, si potrebbe presentare abbastanza fluido e solido. Purtroppo nel proseguo dell’avventura, ho notato alcune incertezze nel filmati di intermezzo, con evidenti pop-up di texture, che si presentavano anche nel successivo passaggio al motore grafico di gioco.

Per ciò che riguarda il frame rate nel complesso è sempre circolato intorno ai 60 fotogrammi al secondo, a parte in alcune fasi finali con un eccessiva presenza di “Gunk” da aspirare. In quello specifico caso ho notato alcuni cali di frame rate, ma niente che abbia minato negativamente la mia esperienza di gioco.

Nella valutazione globale, graficamente parlando, seppur non siamo ad altissimi livelli, il videogioco presenta scorci grafici ben fatti ed un ambientazione caratterizzata a dovere. Mi spiace dovermi ripetere, peccato per la presenza di frequenti (forse troppo) caricamenti fra una zona e l’altra.

The Gunk, l'avventura che non ti aspetti 5
Image & Form Games sa offrire ottimi scorci grafici

Il comparto audio

Dal canto del lato sonoro The Gunk è invece ottimamente strutturato. Le colonne sonore sono veramente adatte all’avventura che andremo ad affrontare, così come i vari effetti audio in game, sempre riprodotti in modo fluido e ben equalizzato. Peccato non poter dire lo stesso del doppiaggio, in questo caso in inglese.

In alcuni frangenti il doppiaggio mi è sembrato spento, sottotono, quasi come non riuscisse ad imprimere il reale stato d’animo dell’interlocutore nel gioco. Più che problematiche, ci si trova davanti a limitazioni stesse di Image & Form Games, che tuttavia ha dimostrato un impegno di non poco conto nello sviluppo di The Gunk.

Nel complesso anche nel comparto audio The Gunk se la cava abbastanza bene, certo non siamo davanti ad un lavoro maestosamente perfetto, tuttavia ho potuto constatare incertezze nel comparto audio di titoli ben più blasonati di questo.

Scheda confidenziale su The Gunk

Beks e Rani, due compagne di esplorazione, sono alla ricerca di materiali e rottami per fare qualche soldo. Finiranno però su un pianeta che riserverà a loro più di qualche sorpresa, tra cui la presenza di una civiltà aliena

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Sono presenti degli obiettivi, che sono facilmente sbloccabili nel corso dell’avventura, alcuni compiendo delle precise azioni o scovando tutti gli oggetti scansionabili.

Grafica

70

Impatto

60

Longevità

70

Sonoro

80

The Gunk è il titolo che non ti aspetti, a volte capace di stupirti, altre volte di renderti un po’ annoiato.

E’ questa la sua natura, al netto dei suoi piccolissimi difetti tecnici per ciò che riguarda il comparto grafico e audio, è un videogioco che alle prime ore sa appassionare e incuriosire.

Sa offrire anche bellissimi scorci grafici, ed un ambientazione ottimamente caratterizzata, forse è la poca “vita” presente sul pianeta che potrebbe far storcere il naso.

Nel lungo periodo però, il continuo ripetersi delle stesse meccaniche di gioco, potrebbero portare il videogiocatore alla noia.

Un ripetersi sempre delle medesime azioni quali: ripulire l’ambiente dal “Gunk”, risolvere un enigma ambientale (sempre lo stesso ripetuto per ogni area), e procedere all’area seguente per rifare le medesime cose.

Il videogiocatore viene spinto al proseguimento dell’avventura, dalla durata di 4 ore approssimative, soltanto dalla curiosità di scoprire altro sull’antica civiltà aliena.

Non un brutto titolo, l’ho apprezzato, ma devo anche ammettere che nell’ultima mezz’ora di gioco ha cominciato a darmi il voltastomaco, a causa del dover ripetere sempre le stesse azioni.

Senza ombra di dubbio si poteva far qualcosa in più, magari aggiungere qualche NPC con cui parlare, oppure ampliare il gameplay inserendo altre meccaniche di gioco oltre quelle presenti.

Una piccola avventura da giocare, senza grosse pretese, promosso. Tu hai già giocato questo titolo o intendi recuperarlo più avanti? Cosa ne pensi? Parlane con noi nei commenti

VOTO COMPLESSIVO

7

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

LEggi altro