Voto

Tangledeep: nintendo switch

- La recensione

Arriva su Switch un dungeon crawler vecchio stile

Tangledeep sbarca su Switch, un interessante dungeon crawler retrò con elementi da GdR. Riuscirà a conquistare il cuore dei possessori della console Nintendo? Scopriamolo in questa recensione.

Se vuoi maggiori informazioni su inserisci la tua email qui sotto:

Che Switch si sia dimostrata una console perfetta per esperimenti e porting di titoli indie usciti in precedenza su PC, è un dato di fatto. Basterebbe anche solo buttare uno sguardo all’eShop per rendersi conto di quanti titoli indie siano disponibili per l’ibrido Nintendo, alcuni di questi sicuramente di buona fattura e in ogni caso che riescono a spaziare da un genere all’altro. Anche Tangledeep fa da parte di questa categoria. Pubblicato circa tre anni fa su Steam, il titolo Impact Gameworks è un dungeon crawler con elementi tipici dei rogue like e che possiede un aspetto volutamente retrò, sia per quanto riguarda la grafica che per ciò che concerne il sistema di gioco. Giocando a Tangledeep si respira inevitabilmente aria di 16 bit, con tutti gli annessi e connessi del caso.

Tangledeep: Nintendo Switch
L’aspetto 16 bit di Tangledeep piacerà molto ai fan dei “giochi che furono”

Battaglie furiose

Il plot narrativo che dà il via alla scalata dei dungeon è rappresentato dal fatto che per centinaia di anni le persone hanno vissuto in villaggi sotterranei e completamente ignari di cosa ci sia in superficie. L’unica via che collega i sotterranei alla superficie si chiama proprio “Tangledeep”, ovvero una sorta di labirinto che cambia forma e dimensione e soprattutto colmo di mostri e pericoli. Toccherà dunque al giocatore indagare a costo di sacrificare la propria vita.

Inizialmente sono a disposizione 9 classi più 3 sbloccabili nel corso del gioco

Il primo passo da compiere in Tangledeep è quello di selezionare il personaggio tra le nove classi inizialmente disponibili e in quella che è una sorta di hub centrale dove si possono organizzare equipaggiamento, risorse, ecc. Una volta fatto questo inizierà la scalata ai dungeon, che nel titolo Impact Gameworks si dimostrano piuttosto complessi, come logico aspettarsi da un dungeon crawler vecchio stile. Tra avversari discretamente ostici e pericoli ambientali, la morte sopraggiungerà in maniera piuttosto frequente.

L’Hub di gioco nel quale ruota tutta l’organizzazione di Tangledeep

Quando questo avviene, il giocatore verrà catapultato nell’hub iniziale e perderà inevitabilmente la metà dei soldi, metà dei punti abilità e metà dell’esperienza. Dovrete scegliere di nuovo la classe e ripartire per il dungeon, con un po’ più di esperienza e soldi che sono sempre più crescenti rispetto alla morte precedente. Un sistema di gioco tipico del genere che può risultare frustrante se si è poco avvezzi ai dungeon crawler, ma senza dubbio appassionante e appagante se si apprezza questa impostazione molto severa e apparentemente “bloccata”.

Il combat system è probabilmente l’elemento migliore di Tangledeep, perché si dimostra profondo e funzionale. Le battaglie sono a turni ma presentate in tempo reale, nel senso che è possibile muoversi e attaccare liberamente e in tempo reale appunto, tenendo però in considerazione che ogni azione è conteggiata da una sorta di “cornice”, che sia un attacco, un utilizzo di incantesimo o dell’uso di un oggetto. Anche gli avversari hanno lo stesso sistema a turno, per ciò sarà essenziale tenere conto di questo per pianificare al meglio i propri attacchi al fine di non perire prematuramente.

I dungeon sono discretamente intricati e colmi di pericoli

Il tutto è piuttosto funzionale, grazie a un buon numero di armi e ad abilità che si potranno sbloccare nel corso del gioco. I dungeon tra le altre cose sono spesso intricati, fatti di svariate vie secondarie, oggetti da scovare e ovviamente mostri da abbattere, così come di pericoli territoriali o trappole dalle quali dovremo cercare di sopravvivere.

In maniera abbastanza simile a quanto avveniva nel primo Ni No Kuni, c’è la possibilità di catturare alcuni particolari nemici che poi possiamo utilizzare come nostri alleati nelle battaglie successive (possiamo portarne con noi al massimo tre). All’interno dell’hub è presente anche una sorta di fattoria dove poter accudire e crescere gli animali catturati. Questa caratteristica aggiunge ulteriore varietà e possibilità ad un sistema di combattimento e di crescita assolutamente interessante e alla lunga profondo.

Da un punto di vista tecnico, si segnala uno stile molto somigliante ai titoli 16 bit, per cui non dovremo aspettarci i miracoli. Tuttavia il comparto grafico palesa alcuni scorci molto colorati, così come alcuni effetti speciali di alcune magie illuminano lo schermo della Switch. Qua dipende tutto dal vostro grado di “digestione” accettando o meno un gioco con un aspetto che riprende dei canoni vintage. Se così fosse, allora troverete Tangledeep visivamente interessante.

Tangledeep si può dunque considerare un titolo valido? Dipende tutto da quanto siete avvezzi al genere dungeon crawler. Il gioco possiede una difficoltà piuttosto elevata e un senso di progressione che almeno inizialmente pare inesistente, ma che come una crisalide si schiude lentamente e solo quando si acquisiscono le varie meccaniche di gioco e si conoscono meglio i vari dungeon che affronteremo. In questo caso Tangledeep è l’acquisto che fa per voi. Se, al contrario, vi spaventa la difficoltà elevata, le morti frequenti e l’aspetto retrò, allora conviene destinare i propri risparmi videoludici altrove, tenendo anche conto del fatto che non è stato tradotto in italiano, il che richiede una buona conoscenza dell’inglese per assimilare al meglio tutte le meccaniche e studiare le varie schermate e statistiche. A voi la scelta.

  • Scheda
  • Commento finale
  • Trofei

Combat system piuttosto profondo

Buona gestione di cattura dei mostri

Dungeon vari e pericolosi

Testato con Switch

7

Comparto tecnico datato

Assenza della lingua italiana

Senso di progressione lento, soprattutto nelle prime ore

Longevità 7

Grafica 6

Impatto 5

Sonoro 7

Tangledeep è un buon esponente del genere dungeon crawler con elementi da rogue like, dotato di un sistema di progressione che alla lunga può dare soddisfazioni. Se per caso voleste avvicinarvi al genere probabilmente non è il titolo giusto, ma se vivete di pane e dungeon crawler, Tangledeep potrebbe piacervi.

La versione Switch non possiede trofei.

0
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>