Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Sword of Calengal – Intervista a United Lines Studio

2 minuti

Quando l’unione fa la forza ecco che nasce Sword of Calengal!

United Lines Studio è un team composto da 4 ragazzi sparsi per l’Italia, fondato nel 2016. Loro sono Daniele Coppola, Luciano Ciccariello, Riccardo Fiorini e Angelo Peluso.
Oggi li abbiamo intervistati per scoprire che cosa ci riservano per il futuro.

  • Per quale motivo avete sviluppato il gioco e soprattutto qual è la sua trama?

Il gioco nasce come da uno sfogo creativo di gruppo che punta ad essere il migliore del genere, ma anche come trampolino di lancio per progetti futuri che abbiamo in mente.

La storia è ambientata a Calengal nell’anno 1302. Durante un forte inverno, alcuni mulini responsabili per l’alimentazione energetica di Droumir hanno smesso di funzionare, si pensa che la causa di tutto ciò sia per la presenza di alcune entità chiamate “Creature” che con l’andare del tempo diventano sempre più ostili. Per restaurare le fonti di energia la Gilda del Destino manda l’undicesima divisione di cui il protagonista, Lehior Kharlian, ne è il capo.
La loro ultima tappa è il villaggio di Droumir, dove cercano di terminare le ultime verifiche. In quel momento una figura sconosciuta ordina alle Creature di attaccare l’undicesima divisione. Il capo gilda e i suoi membri sono così costretti a rifugiarsi nel posto più vicino in modo da pianificare una strategia per combattere questo pericolo inaspettato.

  • Sembra una trama avvincente, sapete già una data di uscita e le piattaforme su cui uscirà? A quale genere apparterrà Sword of Calengal?

Non proprio, sappiamo però che avverrà sicuramente verso la fine del 2019. Inoltre, per quanto riguarda le piattaforme d’uscita sicure, per ora sono PC (tramite la piattaforma di Steam) e Xbox One.
Parlando del genere, sarà un Action RPG. Probabilmente inseriremo il supporto alle mods, ma data la complessa natura del gioco, è un’integrazione che non vediamo fattibile ora come ora.

  • Ottimo! Passiamo ora alla prossima domanda. Il gioco è stato sviluppato unicamente da voi o avete fatto qualche collaborazione? Avete avuto problemi durante lo sviluppo? 

Ottima domanda! Abbiamo fatto una collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics di Padova, per la realizzazione degli effetti sonori. L’intera collaborazione, inoltre, è coordinata da Ivan Zora, professore del corso di Sound Design della scuola sopracitata. Inoltre, durante lo sviluppo abbiamo avuto molti problemi tecnici che nessuno di noi sapeva come affrontare, ad esempio bug che ci hanno perseguitato per oltre un anno intero, scoprire tecniche di project management solo durante lo sviluppo ed in generale la mancanza di tempo a disposizione.

  • Avete intenzione di far uscire una beta o una demo?

Certo che sì! Infatti stiamo preparando una demo pubblica che non rifletterà il gameplay definitivo. Dovremmo rilasciarla tra la fine del 2018 e gli inizi del 2019.

  • Ultimissima domanda! Quali sono le tue aspettative? 

Diventar ricco e divenire il Dan Bilzerian della nuova generazione!
Scherzi a parte.
Le nostre aspettative sono quelle di realizzare un prodotto che faccia riscoprire il genere 2D Action RPG un po’ abbandonato, ma che per noi ha ancora tanto da offrire.
La cura per la grafica per determinati tecnicismi è maniacale e vorremmo essere in grado di definire un nuovo standard qualitativo di videogiochi indie.

Ringraziamo moltissimo United Lines Studio per la loro disponibilità!

Quanto ti piace?

Sword of Calengal – Intervista a United Lines Studio

Commenta!

avatar