0
0

Spitlings: un party game hardcore con più di 200 livelli

Preparati a viaggiare per il bizzarro universo di Spitlings, il titolo che grazie alla sua difficoltà punitiva rischia di mandare all'aria numerose amicizie

Il prodotto di HandyGames è un titolo interessante che porta un gameplay innovativo, convincente e divertente grazie anche ad un livello di difficoltà abbastanza alto ma ben bilanciato, peccato per alcune pecche che fanno storcere un po’ il naso.

Altre recensioni

Lost Ember 10 ore fa
Art of Rally 19 ore fa
Bomber Fox 24 Settembre 2020
Cyber Hook 24 Settembre 2020
Cloud Gardens 23 Settembre 2020
Vaporum: Lockdown 23 Settembre 2020
Darksburg 23 Settembre 2020
Naviga tra i contenuti


Quella che fino a pochi giorni fa era un’esclusiva temporale di Google Stadia sta per approdare su PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch e PC, con i suoi pregi e i suoi difetti.

L’obbiettivo che i ragazzi di HandyGames hanno cercato di realizzare con Spitlings è quello di unire i party game con quelli che comunemente vengono definiti da molti rage game o hardcore game, che nello specifico sono dei titoli dalla difficoltà molto elevata che richiedono un grande livello di abilità per essere completati, alla Super Meat Boy, per citarne uno tra i più famosi.

Il titolo è acquistabile al prezzo di 14.99€.

Tutti uniti per salvare la città di Spitlings

Spitlings 1

La trama si svolge in modo lineare attraverso una serie di illustrazioni realizzate davvero molto bene, più che una vera e propria storia è più un pretesto per farci proseguire nel gioco in modo da sbloccare tutte le meccaniche del gameplay e tutti i personaggi.

Sicuramente abbiamo visto giochi migliori sotto il piano narrativo, ma contando che il cuore di Spitlings non si trova nella narrativa ma nel gameplay e nella cooperazione, tutto sommato le illustrazioni fanno un buon lavoro.

Minimal, forse troppo

Spitlings 2

Il comparto grafico di Spitlings non presenta sbavature, sfortunatamente, anche per ragioni di gameplay, lo stile è molto minimale e non presenta degli spunti interessanti, sicuramente questo permette di mantenere la mappa di gioco ordinata e senza troppa confusione, anche se si sarebbe potuto osare un po’ di più.

I personaggi restano anonimi e non riescono a brillare per originalità, a parte alcune eccezioni come la lavatrice, il pretzel o la tv, molte delle altre creature si somigliano fra loro e sembrano realizzate solo per dare al giocatore uno scopo per completare i livelli.

Una menzione d’onore va fatta alle illustrazioni che valgono il prezzo del biglietto, un vero capolavoro di stile e di originalità che tengono su da sole un comparto grafico che rimane nella media.

Agli Spitlings piace fare festa

Spitlings 3

Il comparto sonoro del titolo è solido e fa il suo dovere senza diventare ripetitivo, la colonna sonora è composta da tracce ben assortite che caratterizzano bene i vari livelli, rimaniamo comunque distanti da capolavori come le saghe di Ori e di NBA 2K.

Una bella mossa è stata quella di dare un suono peculiare ad ogni personaggio, attivabile con l’apposito tasto per urlare.

Sputa, salta, nuota e molto altro

Spitlings 4

Il gameplay è dove il titolo regala il meglio di sé, nonostante una premessa semplice le possibilità sono moltissime e pian piano si comincia a capire la vera profondità che sta dietro a dei livelli apparentemente molto basilari.

La mappa sarà divisa in zone di cui dovremo completare almeno 2/3 per avanzare a quella successiva, all’interno dei livelli verremo attaccati da delle bolle di gelatina che dovremo distruggere con i nostri sputi che fungeranno da proiettili, le munizioni saranno limitate e dovremo raccoglierle in giro per la mappa.

Una bella idea è stata quella di poter ricaricare i proiettili senza doverli andare a prendere in giro per la mappa, anche se questo ci costerà un bel po’ di tempo e saremo totalmente scoperti, gli sputi rimasti saranno indicati tramite i denti o gli occhi degli Spitlings, a seconda del personaggio scelto.

Per spostarci nell’area di gioco potremo sputare verso il basso per volare in verticale, spostarci lateralmente e nuotare in alcune zone della mappa.

La profondità del titolo emerge nel momento in cui dovremo cominciare a sfruttare la mappa a nostro vantaggio, all’interno dei livelli saranno presenti delle zone in cui noi potremo potremo vagare liberamente mentre la gelatina non potrà entrare e viceversa, questo rende il gameplay vivace e tattico allo stesso tempo.

In pochi secondi dovremo già avere in mente una strategia ed essere coordinati con i nostri amici perché se una palla di gelatina toccherà anche solo uno dei nostri compagni saremo costretti a ricominciare il livello da capo.

Oltre alla modalità storia è presente anche una variante chiamata party, che ci permetterà di giocare i livelli con alcune regole particolari:

  • Modalità Tank: Il personaggio sarà più pesante ma i colpi saranno più potenti.
  • Circo delle pulci: Viene eliminata la possibilità di ricaricare, il mostriciattolo sarà più piccolo e continuerà a rimbalzare.
  • Modalità deserto: la potenza degli sputi è raddoppiata, ma se si finiscono munizioni si dovrà ricominciare.
  • Retro Arcade: viene applicato un filtro per rendere la grafica vintage, invece che sputare verso il basso gli Spitlings salteranno in alto e dovremo saltare sopra le bolle per eliminarle.
  • Spettacolo di magia: vedremo il nostro personaggio solo rimanendo fermi, ogni volta che colpiremo una bolla i colori cambieranno.
  • Orsacchiotti coccolosi: niente spine e vite infinite, una modalità semplificata.
  • Spitling nello spazio: gravità ridotta ed un elmetto spaziale.
  • Matto come un pipistrello: il livello è sottosopra e ci si potrà spostare solo saltando.

Questo aiuta ad aumentare la longevità di Spitlings che viene minata dal fatto che non ci siano vere e proprie ricompense per il completamento dei livelli, essendo che i vari personaggi non hanno nessun poter particolare e le modalità sono tutte sbloccate.

La difficoltà come detto in precedenza è elevata ma ben bilanciata in modo che i livelli siano impegnativi ma non impossibili.

Si potrà giocare a Spitlings in co-op locale o online fino a 4 giocatori.

Comandi responsivi

Fumetti realizzati benissimo

Difficoltà ben bilanciata

Grafica un po' troppo minimale

Pochi spunti che spingono a rigiocare il titolo

Per la versione PlayStation 4 del titolo sono presenti 29 trofei:

  • 1 Platino
  • 6 Oro
  • 9 Argento
  • 13 Bronzo

La maggior parte dei trofei viene sbloccata durante la storia principale, giocando il co-op o facendo diverse azioni per un certo numero di volte.

Sbloccare la gran parte dei trofei non darà problemi al giocatore, per un paio, invece, bisognerà impegnarsi più del solito.

Grafica
65
Sonoro
65
Longevità
70
Impatto
60
Voto
VOTA
0

Spitlings è un titolo che se giocato con gli amici può regalare diverse ore di divertimento, il prezzo esiguo lo rende un buon acquisto per chi è in cerca di una sfida da superare in compagnia.

In single player il titolo non riesce a brillare particolarmente ed il fatto che non ci siano ricompense che spingano il giocatore a continuare potrebbe minare la longevità del titolo, sopratutto per chi decide di giocare da solo.

0

Commenti

1277

Miei

0
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!