SNK, l’acquisizione del principe dell’Arabia Saudita ora punta al 51%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

SNK, l’acquisizione del principe dell’Arabia Saudita ora punta al 51%

Electronic Gaming Development Company non si ferma: il principe dell’Arabia Saudita ora mira a una quota più alta, puntando al 51% di SNK

SNK ci ha dato modo di parlarne giusto ieri, dopo la (bizzarra) notizia dell’acquisizione da parte del principe dell’Arabia Saudita. La fondazione no-profit Mohammad bin Salman Charity Foundation ha investito circa 813 milioni di riyal sauditi (l’equivalente di 223 milioni di dollari) nel team di sviluppo e publisher, ottenendo così il 33,3%. Ora, la fondazione ha confermato ufficialmente tutti i dettagli di cui abbiamo disquisito ieri, aggiungendo però che l’accordo con Electronic Gaming Development Company (sussidiaria di Mohammad bin Salmad Charity Foundation) prevede un futuro acquisto del 17,7% delle quote del colosso nipponico.

SNK, l’acquisizione del principe dell’Arabia Saudita ora punta al 51%

Abbiamo altri due desideri?

Come suggerisce il nome dell’ente benefico, a fondarlo è stato il principe dell’Arabia Saudita Mohammad bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, ora più che mai vicino a controllare irreversibilmente SNK. Le due parti coinvolte hanno già collaborato per lo sviluppo di giochi, con programmi di apprendistato comprensivi di trasferte nipponiche per gli stagisti sauditi. Lo scopo della Mohammed bin Salman Charity Foundation è quello di “coltivare ed incoraggiare l’apprendimento e la leadership per un miglior futuro per i giovani arabi”. Al momento della stesura dell’articolo, il prezzo delle azioni su KOSDAQ è salito del 30%, raggiungendo i 16.500 won coreani (14,93 dollari).

SNK, il principe dell’Arabia Saudita è ora il maggior azionista
Oltre alla prima immagine (sopra), riteniamo doveroso ricordare che personaggi come Mai Shiranui esistono. Non sappiamo ancora del tutto cosa comporterà l’acquisizione.

La discussa situazione di SNK

Come abbiamo ricordato ieri, l’acquisizione di SNK da parte del principe dell’Arabia Saudita è stata accolta da non poche controversie, visti i precedenti. La nazione ha ancora della strada da fare per quanto concerne i diritti umani, e percorrerla al momento non rientra tra le priorità di Mohammad bin Salman. A inizio anno, il gruppo eSports Riot Games ha stipulato un accordo di partnership per il progetto urbano arabo, Neom. In seguito, Riot si è tirata fuori dalle trattative definendole “frettolose”.

Potrebbe interessarti...

Credi che il principe dell’Arabia Saudita apporterà modifiche considerevoli all’output di SNK da ora in avanti, o pensi invece che Mohammad abbia semplicemente in mente di ricavare qualche introito in più? Rifletti nella sezione commenti.
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scelto dalla redazione

24 ore fa

Hai seguito il Twitch Rivals su Twitch? Hai visto altri partecipanti utilizzare cheat? Faccelo sapere nei commenti!!!

Articolo approfondito

5

Nessun Evento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1