Rustler

Rustler: recensione del GTA medioevale

Andiamo a recensire questo bizzarro titolo, crogiolo di meme, trash e medioevo modernizzato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Rustler, detto anche Grand Theft Horse. Un titolo che è tutto un programma. Finalmente abbiamo tra le mani il titolo auto-proclamatosi un Grand Theft Auto ambientato nel medioevo. Ebbene, lasciatecelo dire: Rustler è questo e molto altro ancora. Un gioco davvero scalmanato e parecchio tendente al trash ma mai banale.

In questo gioco saremo un losco criminale di bassa lega che cerca di farsi strada nel mondo del crimine, tra un colpo di spada, un furto di cavalli e qualche lancio di feci addosso alle guardie cittadine. Il tutto in puro stile GTA dei tempi d’oro della PlayStation One, con tanto di visuale dall’alto.

Rustler

Trama

Come detto, andremo a interpretare un piccolo criminale, Guy, intenzionato a fare tutto il possibile per scalare le vette della criminalità. La trama segue quindi il più classico schema Grand Theft Auto. Si inizia con furti e aggressioni per quattro soldi, ci sono svolte dovute a intrighi e tradimenti e poi si inizia a fare sul serio.

Rustler si prende ancora meno sul serio di quanto facciano i titoli appartenenti alla serie di casa Rockstar, della quale rappresenta quasi una parodia di stampo, ovviamente, medioevale. Ciò vuol dire che, anziché gang, polizia e agenzie governative corrotte, avremo a che vedere con Chiesa, guardie cittadine, soldati, briganti e qualche contadino nervoso di tanto in tanto.

Rustler

Ambientazione

Rustler è ambientato nel medioevo, certo, ma si tratta di un medioevo piuttosto insolito. Ci ritroveremo in una sorta di mondo simile a quello che vediamo in Shrek (escluse le creature delle favole), in cui i cavalli dei cavalieri, che fanno le veci della polizia, hanno le sirene rosse e blu, ci sono graffiti, bardi che fanno beatbox per strada, attivisti fastidiosi e altri elementi del mondo contemporaneo comicamente reinterpretati in chiave medioevale.

Insomma, ci sono davvero tanti elementi che ci faranno sorridere tra uno scippo e una strage gratuita.  Inoltre, c’è una marea di riferimenti a meme e altri elementi prettamente moderni, spesso sfocianti nel puro e semplice nonsense.

Rustler

Gameplay

Esattamente come in un qualsiasi Grand Theft Auto, anche se in versione ridotta e molto più simile ai primissimi capitoli della serie, avremo a disposizione una mappa e diverse missioni a disposizione. Dovremo poi guadagnare soldi e punti abilità per sbloccare perk e aumentare le nostre capacità.

Avremo poi a disposizione una serie di armi bianche, facilmente rintracciabili in giro per la mappa, e armi a distanza come balestre e cacche. Sì. Potremo raccogliere qui e là le feci dei cavalli e tirarle addosso agli avversari per stordirli.

Le auto sono sostituite da carri e cavalli che, ovviamente, ci ritroveremo a rubare continuamente.

Rustler

Combattimento

Il combattimento in Rustler è molto semplice. Con il tasto sinistro del mouse meneremo fendenti, mentre con il sinistro effettueremo parate, eseguibili con lo scudo oppure, quando possibile, semplicemente con l’arma che abbiamo a disposizione. Esattamente come in Grand Theft Auto, morire oppure venire arrestati ci porterà a perdere una parte dei soldi e, cosa ben più grave, tutte le nostre armi. Per fortuna, trovare armi in giro per la mappa è abbastanza frequente.

Rustler non ha, dunque, un sistema di combattimento molto complesso e, se questo può essere un fattore positivo, può anche rivelarsi particolarmente fastidioso nel momento in cui i movimenti che eseguiremo saranno troppo imprecisi, con qualche colpo che va a vuoto anche quando si è praticamente addosso all’avversario. Sarà possibile anche effettuare dei parry ma timing e animazione non sono proprio brillanti. Niente di invalidante o ingiocabile, sia chiaro, ma sicuramente migliorabile.

In particolar modo, andrebbe migliorato il sistema di mira a cavallo, davvero molto impreciso. In ogni caso, l’arma migliore di Rustler, a nostro parere, è risultata essere l’alabarda/lancia, la categoria di arma dal raggio più ampio.

Rustler

Varie ed eventuali

Oltre alle missioni, saranno presenti diverse attività secondarie e luoghi interattivi, alcuni dei quali introdotti dalle stesse missioni principali. Al posto di Pay ‘n Spray avremo Pimp a Horse, nel quale potremo far riverniciare il nostro cavallo per sfuggire alle guardie. Sì lo so, non ha senso ma questo è Rustler. Un altro modo per sfuggire alle guardie, che si dimostreranno davvero tenaci e aggressive, sarà strappare i manifesti con il nostro bel faccione sopra, come si faceva in Assassin’s Creed 2.

Potremo poi lavorare per il becchino, ammazzando gente a caso, caricandola sul carro e portando i corpi da lui. Sì, violenza iper-gratuita.

Sarà anche possibile praticare MMA, che sta per Medieval Martial Arts, con tanto di combattimenti in un’arena in stile UFC. Ogni combattimento vinto ci frutterà denaro e punti.

Rustler comprende poi una serie di oggetti collezionabili, come ferri di cavallo e note musicali che, se raccolti in una misura, forniranno diversi bonus.

Rustler

Colonna sonora

La colonna sonora di Rustler merita una menzione a parte. Infatti, potremo ascoltare brani strumentalmente medievali ma con ritmi e temi decisamente tendenti all’hip hop/rap.

Ci saranno poi menestrelli in giro per tutta la mappa i quali potranno suonare alcuni fra queste melodie inter-temporali oppure, udite udite, fare beatbox. E il bello è che potremo persino pagarli per seguirci e cantare vicino a noi per tutto il tempo che riterremo necessario. Per cambiare canzone sarà possibile premere f5 oppure dare un pugno al bardo di turno, a noi la scelta.

Inoltre, anche Guy potrà cimentarsi, grazie alla sua voce da usignolo, nell’arte del canto, accompagnando le proprie note a quelle del liuto (utilizzabile anche come arma). Ecco a te un video in cui Guy canta fuggendo dalle guardie. Fra le altre cose, è possibile udire gli eloquenti cittadini parlare in una lingua ancora più oscura di quella dei Sims.

Grafica

Come puoi ben vedere, la visuale di gioco sarà sempre dall’alto. Pur essendo un ottimo rimando ai primi capitoli di Grand Theft Auto o a spin-off come Chinatown, tale visuale potrebbe rivelarsi fastidiosa o poco pratica in momenti particolarmente concitati, come durante gli inseguimenti. A livello estetico, il comparto grafico è abbastanza soddisfacente.

Giudizio

Il nostro giudizio su Rustler è positivo. Il gioco riesce a divertire sia tramite il suo gameplay che con la sua irriverenza e il citazionismo sfrenato. Migliorabile sotto alcuni punti di vista prettamente meccanici, resta comunque decisamente godibile. Ti consigliamo, quindi, di acquistarlo su Steam, il divertimento è assicurato.

Rustler diverte, fa ridere e non presenta livelli di difficoltà selezionabili. La colonna sonora è materiale da meme, come pure il protagonista, l’ambientazione… tutto insomma. Migliorabile sotto alcuni aspetti per quanto riguarda il gameplay, questo Grand Theft Horse riesce a fare centro e breccia nel cuore dei fan della serie Grand Theft Auto e non solo.

Potrebbe interessarti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Scheda confidenziale su Rustler (Grand Theft Horse)

Tu sei Guy, un balordo che vive di furti e rapine nel medioevo. La storia segue il più classico schema Grand Theft Auto, in cui un piccolo criminale cerca di scalare la gerarchia delinquenziale per fare soldi e successo.

Cosa mi piace

  • Citazionismo onnipresente
  • Ottimo omaggio ai primi GTA
  • Concept e gameplay divertenti

Cosa non mi piace

  • Visuale a volte scomoda
  • Comandi di guida a volte scomodi

75

Grafica

85

Impatto

80

Longevità

85

Sonoro

Ci sono 28 trofei, la maggior parte dei quali legati a obiettivi precisi da completare, come uccidere un NPC con una mucca oppure effettuare 10 parate in un minuto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0