Riot Games

Riot Games segue Activision: basta vaccino per lavorare

Anche Riot genera malcontento tra i suoi dipendenti, puntando al rientro in ufficio e abbandonando lo smart working

Ogni grande azienda in questo periodo spera di tornare a quella che prima della pandemia era la normalità: Riot Games non fa eccezioni. La casa madre di League of Legends ha deciso, da questa settimana, di far ritornare in presenza il personale nella sede di Los Angeles, abbandonando sia l’obbligo vaccinale sia quello di indossare la mascherina negli ambienti di lavoro.

Come con Activision Blizzard, la politica di Riot non è stata apprezzata dai dipendenti: “gioca alla roulette russa con la salute delle persone”, questa la definizione del comportamento intrapreso dall’azienda data dai suoi lavoratori. Tutto il personale deve recarsi in sede almeno tre volte a settimana, anche i non vaccinati contro il Covid-19 che, per via delle decisioni che sono state prese, non avranno più bisogno di sottoporsi a regolari controlli.

Activision Blizzard

Sono arrabbiato per questo”, ha detto a Waypoint un attuale dipendente di Riot. “È una politica sciocca e inutile che viene attuata in un momento difficile e gestita senza una reale garanzia della nostra sicurezza”.

Nonostante l’aumento dei contagi, sembra che queste grandi aziende non vogliano cambiare le loro politiche di rientro in sede, nonostante queste possano risultare un potenziale pericolo per tutti i lavoratori: che anche in Riot Games i dipendenti si facciano sentire con degli scioperi? Attualmente possiamo solo interpretare il ruolo di spettatori passivi e vedere come si evolverà la situazione.

Fonte

Tu cosa ne pensi di quello che sta succedendo all'interno di questi colossi dell'industria videoludica? Esponimi il tuo pensiero in un commento qua sotto!

Matteo La Barbera
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI