Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Recensiamo Super Pixel Racer: una stravagante competizione in 16 bit

Abbiamo provato in anteprima questo gioco di corse automobilistiche e ne siamo alquanto divertiti

5 minuti

Benvenuto caro iCrewPlayer in una nuovissima recensione, qui è Leo Skywalker a darti il benvenuto. Quest’oggi sono qui perché voglio mostrarti un titolo davvero particolare che ho provato in anteprima e mi ha gasato molto. Parlo di Super Pixel Racers: un gioco di corse interamente strutturato in 16 bit, per rispecchiare a pieno lo stile Retro delle vecchie console e dei vecchi videogames di fine anni 80/inizi 90. Sviluppato da PQube e H2 Interactive, i due riescono incredibilmente in quest’impresa, facendoti compiere un viaggio nel passato e dandoti la possibilità di rivivere o provare per la prima volta l’ebrezza di un’esperienza vecchio stampo. Ma ora entriamo nei dettagli…

Super Pixel Racers: recensione

Il Gioco

16 bit non è sinonimo di essenzialità e essenzialità non significa povertà… Non appena avviato il gioco, ci rendiamo conto di quanto la schermata iniziale ed il menù principale siano perfettamente bilanciati, tanto da non risultare spogli e privi d’interesse. Al contrario, i particolari, le piccole animazioni e la composizione del menù di gioco si completano come un puzzle, trasmettendoti una rassicurante armonia che combacia in modo impeccabile con lo stile vintage, ulteriormente trasmesso da una classica musichetta di sottofondo degna del miglior vecchio Cabinato Arcade… Tanto da darti la sensazione di giocare realmente ad un gioco del 1990, ma assolutamente il più bello e completo di tutti. Io personalmente paragono Super Pixel Racers ad un semplice ma caldo abbraccio: un gesto semplice capace di trasmettere tanto. Per intenderci un gioco semplice capace di farti provare belle sensazioni.

Il menù presenta varie voci tra cui:

  • Modalità Carriera: dove ha inizio la tua storia da pilota. Competi tra le varie classi, dalla più bassa alla più prestigiosa… Fino a diventare il pezzo grosso delle corse;
  • Gara Libera: in cui potrai gareggiare liberamente e far pratica con la tua automobile;
  • Multiplayer Locale: hai la possibilità di sfidare un tuo amico in classiche gare “Player 1 V.S. Player 2“;
  • Online: per correre contro altri giocatori di tutto il globo;
  • Opzioni: un completo sistema di configurazione dei comandi e delle impostazioni di gioco (da cui settare il titolo in lingua italiana).

Il Gameplay

Super Pixel Racers, come ogni gioco Retro che si rispetti, mantiene un livello di sfida crescente: iniziando con gare di difficoltà facile per poi avanzare gradualmente verso una sempre più alta. Questo rende il gioco piacevole da giocare, dando modo al giocatore di acquisire sicurezza e capacità tali da permettergli di affrontare livelli sempre più ardui. La telecamera, durante le corse, manterrà una visuale per lo più dall’alto che, a seconda del tracciato, tenderà a sinistra o a destra… Questo perché il pezzo forte del gioco, la vera abilità da padroneggiare che se eseguita al meglio può condurti lontano, è il Drift: ovvero una manovra utilizzata dai piloti di Rally e di guida sportiva che permette al veicolo di percorrere una curva senza rinunciare alla velocità.

Super Pixel Racers: recensione

Non a caso tutti i tracciati contengono curve azzardate, in località e terreni differenti: dallo sterrato, all’asfalto o alla sabbia. Più fine è il tuo Drift, più le tue possibilità di vincere saranno alte; ma non sottovalutare la velocità e la potenza del tuo bolide! Grazie al Garage hai la possibilità di migliorare le prestazioni della tua quattro ruote, migliorando la sue caratteristiche come velocità, accelerazione e resistenza… Sì, perché nel caso sbagliassi una curva o tamponassi gli altri concorrenti, il tuo mezzo subirà danni e troppi danni condurranno all’esplosione del medesimo. E se per te l’estetica è importante, il Garage dispone di una gamma selezionata di vernici. Ovviamente per poter fare tutto ciò dovrai racimolare i soldi che vincerai ogni volta che gareggerai.

Super Pixel Racers: recensione

Come cornice a questa bella panoramica, abbiamo un Gameplay che ti mette alla prova, che man mano ti insegna a formare il tuo stile di guida, senza essere penalizzato dall’uso massiccio dei tasti, che nel nostro caso ne richiederà un numero essenzialmente ridotto. Come caro, vecchio titolo che si rispetti, non mancheranno le volte in cui il gioco ti batterà e il più delle volte non ne sarai molto felice; ma è tutto normale: perché subito dopo gioirai come non mai quando finalmente otterrai la vittoria!

Grafica e Audio

Sebbene il titolo sia già ben fatto di suo, ci sono delle piccole mancanze che, se fossero state colmate, a quest’ora non staremmo di certo a parlarne. Come già accennato, nel complesso Super Pixel Racers possiede un comparto grafico e audio ben fatto, coerenti con lo stile e la tematica che possiede. Tuttavia non basta per permettermi di giudicarlo in maniera generale come “il gioco per eccellenza”. Partiamo dal problema più sentito: la persistente texture quadrettata di colore grigio e bianco presente e onnipresente in grandissima parte del gioco. Comprensibile la scelta di voler inserire una sorta di effetto polvere/fumo, come a simulare la verosimile scarsa visibilità in gara. Ma con il tipo di telecamera descritta poco fa, il più delle volte risulta difficile seguire il tracciato, specie se si procede ad alta velocità. In più ciò può portare a fastidi come affaticamento della vista e mal di testa, dovuto anche alla forte concentrazione.

Super Pixel Racers: recensione

L’assenza di tale effetto avrebbe garantito una visuale molto più pulita e un Gameplay più fluido, giustificato dal già alto livello di sfida. Un’altra assenza che riguarda le piste è la scarsa caratterizzazione dell’ambiente e del pubblico a seconda del paese in cui la gara si svolge: che noi ci troviamo in Italia, Germania, Giappone o Inghilterra, l’ambiente circostante sarà identico in ogni caso, salvo qualche cambio climatico o variazioni tra giorno e notte, sempre comunque ben accette. Riguardo il comparto audio invece, anch’esso pressoché buono, poteva benissimo essere un tantino più ricco e variegato. Qualche motivetto in più non avrebbe di certo guastato.

In conclusione

Super Pixel Racers è un bel gioco: diverte, soprattutto se ci si gioca con gli amici, intrattiene, fa emozionare, arrabbiare… Insomma, svolge al meglio il compito per il quale è nato. Richiede impegno certo, ma non troppo e soprattutto regala le sue soddisfazioni. Infatti per ogni classe completata il gioco ci ricompenserà con un trofeo oro che finirà dritto dritto nella nostra collezione di trofei, nel mio caso su Playstation… Mi piacerebbe pensare sia così, invece che una “subdola” manovra per attrarre i cacciatori di trofei ad acquistarlo per la troppa facilità nel raggiungere il sommo platino, così come molti titoli freschi fanno. Insomma, soltanto il tempo ci saprà dire se il titolo avrà un picco o un calo, se gli sviluppatori avranno o meno in serbo dei DLC, degli eventi o delle migliorie… Ma al momento, sento di dover dar fiducia al progetto: ambizioso e bello forte. Ti consiglio di provare questo titolo, soprattutto se sei amante del Retrogaming e delle folli sfide di corsa dove potrai essere libero di guidare come meglio credi.

Super Pixel Racers ti aspetta dal 31 ottobre e sarà disponibile su Playstation 4 e Xbox One nei corrispettivi store.

 

 

 

Quanto ti piace?

Recensiamo Super Pixel Racer: una stravagante competizione in 16 bit

Commenta!

avatar