Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Prezzi dei videogiochi: perché è un falso problema

I giochi per next gen costeranno 80 € e subito si è scatenata la polemica. Ma è giustificata? Abbiamo cercato di capirlo

ps5 vs series x dimensioni
ps5 vs series x dimensioni

Tu che ne pensi? Per te i prezzi dei videogiochi sono adeguati o li ritieni eccessivi? Faccelo sapere nei commenti!

Si sta parlando molto nell’ultimo periodo dell’aumento dei prezzi dei videogiochi: con l’avvento della next gen è stato ufficializzato anche un salto nel prezzo di vendita per quelle che sono le edizioni standard, che troveremo nei negozi, sia fisici che digitali, ad un prezzo fissato di 80 €, contro i 70 di quelli della generazione attuale.
Tale aumento è stato giustificato dagli sviluppatori con un aumento dei costi di gestione generali tali da rendere insostenibile mantenere il prezzo di vendita a cui siamo stati abituati per anni.
Insomma, quello che i produttori ci stanno dicendo è: per avere giochi sempre più belli dovete accettare un prezzo di vendita più alto.
Come dar loro torto?

Ok, a noi videogiocatori piace spesso essere presi per i fondelli, ma di solito siamo noi a sceglierlo, quindi raccontarci che quello dei giochi a 70€ è un modello diventato improvvisamente insostenibile per l’industria è un argomento che fa acqua da tutte le parti. Oltre a rimanere un falso problema.
Ma partiamo con ordine.

prezzi dei videogiochi

I prezzi dei videogiochi: un po’ di storia

Solo chi ha una lunga carriera da videogiocatore alle spalle può vantare una conoscenza diretta di quello che è stato l’andamento dei prezzi dei videogiochi; se hai 20 anni o poco più, come fai raccontare dell’ebbrezza provata nello spendere 138 mila lire nel 1993 per Street Fighter 2: Champion Edition per Mega Drive, oppure dei 160 mila lire di media (con punte di 180mila lire) necessari per i giochi su Nintendo 64? Ma venendo a tempi più recenti, ricordo le 140mila lire spese per Tekken 2 sulla prima PlayStation, o le 129mila lire per ogni nuovo capitolo di Pro Evolution Soccer su PlayStation 2.

Insomma, i videogiochi hanno sempre avuto il loro prezzo, rapportato a quello che era il periodo storico e la valuta in corso. Ed una volta non c’erano tutte le offerte che ci sono oggi, l’usato era molto meno diffuso e l’assenza di internet rendeva il tutto più complicato. Però giocavamo, senza per forza essere discendenti di Zio Paperone (quantomeno io).
Quindi ogni epoca ha avuto i “suoi” prezzi, in un modo o nell’altro.

L’avvento degli store digitali

Una prima piccola rivoluzione l’abbiamo avuta con l’avvento degli store digitali: sia PlayStation, che Xbox che ovviamente il Pc con Steam avevano le loro piattaforme in cui gli utenti potevano di fatto bypassare il negozio o il centro commerciale avendo così la possibilità di scaricare direttamente sulla console il prodotto.

Il prezzo? Lo stesso dello store fisico. Vantaggi? A parte la comodità, nessuno. Anzi, direi svantaggi, perché in caso di acquisto digitale non solo non avevi custodia e manuale (quando ancora li facevano), ma ovviamente non potevi rivenderlo una volta finito o qualora non ti fosse piaciuto.

Ci sono state rivoluzioni, sommosse popolari o tumulti di piazza? Qualcuno me ne dia notizia, ma a quanto mi è dato sapere e narrare non risulta.
Anzi, molti utenti hanno iniziato a considerare molto cool il fatto di poter comprare giochi senza uscire di casa, o molto semplicemente ne apprezzavano la comodità, quindi tanto bastò a rendere il tutto estremamente sostenibile.

Le edizioni speciali e deluxe

In parallelo, si è anche sviluppato e ampliato tutto quel mercato dedicato ai veri appassionati, i cosiddetti giocatori hardcore disposti a spendere cifre non di rado vergognose per accaparrarsi versioni speciali, limited o deluxe di un gioco particolarmente amato.

Ricordo, in tal senso, la versione super-limited-extended-deluxe di Gears of War 2 per Xbox 360, quella che conteneva una versione in scala 1:1 del Lancer, l’arma usata dal protagonista, che ho visto in vendita a cifre superiori ai 400 €.

Ovviamente hanno iniziato a proliferare versioni speciali e più costose anche in digitale, con livelli, personaggi, costumi o armi aggiuntive. Per non parlare dei dlc, dei season pass, e del fenomeno delle microtransazioni.

Tutta una serie di contenuti aggiuntivi che il pubblico ha dimostrato di apprezzare e bramare in maniera sempre maggiore.

gears-2-lancer-edition

Questo per dire cosa? Beh prima di tutto, che quello dei prezzi dei videogiochi è sempre stato un tema dibattuto, e anche in passato abbiamo visto come questi si attestassero ad una media relativamente alta, in considerazione soprattutto del contesto storico di riferimento.

In secondo luogo occorre dire che si tratta di un falso problema, soprattutto perché i videogiochi, checché ne possiamo dire noi appassionati, non sono e non saranno mai un bene primario, quindi rimane assolutamente comprensibile che non debbano essere troppo accessibili per tutti.

Ma è un falso problema anche per come si sta indirizzando il mercato negli ultimi anni: tra abbonamenti, offerte e promozioni diventa difficile sostenere che videogiocare sia un passatempo costoso.

Giocare in maniera economica: molte soluzioni disponibili

Prendendo come riferimento la mia esperienza personale, posso dire che negli ultimi 3 anni l’unico gioco che ho preso a prezzo pieno è stato The Last of Us Part II, ma solo perché da fan della serie e di Naughty Dog lo aspettavo da anni, quindi lo avrei pagato anche 80 o 90 € probabilmente.

Per il resto, le modalità per giocare a prezzi popolari sono molteplici e vanno dalle tante offerte che a cadenza regolare vengono proposte sia sullo store PlayStation che su quello Xbox, sia con le modalità su abbonamento che stanno prendendo piede ultimamente, primo fra tutti il Game Pass, che consente di giocare un centinaio di titoli, tra cui diversi tripla A, pagando meno di 10€ al mese.

Xbox Game Pass

E’ chiaro che se si vuole il gioco al lancio allora è giusto pagarlo a prezzo pieno, che siano 70 o 80 €, ma questo non è un problema riguarda solo questo settore, è semplicemente il mercato che funziona così, e succede ogni volta che si vuole un prodotto appena uscito. Se invece sei disposto ad aspettare anche solo pochi mesi, è molto facile trovare lo stesso gioco anche a 20, 30 € in meno.

Insomma, come vedi la nostra tesi è che quello dei prezzi dei videogiochi sia un falso problema, e con un mix di intelligenza e pazienza si può coltivare la propria passione praticamente con (quasi) ogni tipo di disponibilità economica.

Fonte

Star Citizen è free to fly per tutta la durata dell’Intergalactic Aereospace Expo

Credetemi se vi dico che questo space game è assolutamente incredibile nel suo comparto grafico. SC ha davvero textures pazzeszhe e luoghi altrettanto fantastici. Detto questo, SC è un DISASTRO nel game play e presenta centinaia di bugs allucinanti. Ieri ho provato di nuovo a rientrare per vedere i migliorameni. Sono esploso senza motivo quando mi sono seduto al posto di comando di una nave. VERGOGNA!!!

Star Citizen è free to fly per tutta la durata dell’Intergalactic Aereospace Expo

Purtroppo hai ragione che il gioco presenti diversi bug e crash di server. Unica cosa è che hai preso il periodo sbagliato, cioè che durante l'Expo e quando c'è il free to fly si riversano molte persone a provare il gioco (giustamente) e quindi i server diventano instabiili e gli errori sono molto più frequenti.

Consigliato da iCrewPlay

Vai alla pagina dedicata di

Ti potrebbe interessare...

Ultime dalla redazione:

Ultimi giochi in uscita

30 novembre WRC 9 (World Rally Championship)
PS5
Xbox X
1 dicembre Empire of Sin
PS4
xone
switch
Steam
1 dicembre Chronos: Before the Ashes
PS4
pc
switch
xone
Stadia
1 dicembre Twin Mirror
PS4
xone
pc
1 dicembre Worms Rumble
pc
PS4
PS5
3 dicembre PHOGS!
PS4
Stadia
Steam
xone
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
0