Pathfinder, Pathfinder Kingmaker, Pathfinder Kingmaker Definitive Edition, Recensione Pathfinder Kingmaker PS4

Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition, la recensione di un vero pen-and-paper su console

La mia analisi di Pathfinder: Kingmaker - Definitive Edition su PlayStation 4, un gioco di ruolo sviluppato e pubblicato rispettivamente da Owlcat Games e Deep Silver, che porta su console una fedeltà al classico tanto rara quanto apprezzabile

L’uscita su PC di Pathfinder: Kingmaker e l’accoglienza entusiasta che ne derivò due anni fa, ribadirono senza mezzi termini quel che noi appassionati del genere non vedevamo l’ora di poter constatare: il gioco di ruolo occidentale inteso nella sua formula più classica, fatto di meccaniche complesse e basato su regole ben precise, poteva ancora meritarsi un proprio posto all’interno del moderno mercato videoludico.

Oggi, a distanza di tutto questo tempo e dopo una serie non trascurabile di miglioramenti e DLC, il team di Owlcat Games in collaborazione con Deep Silver è sembrato essere decisamente pronto al prossimo grande passo. Quale? Raggruppare tutto ciò che ha da offrire il proprio titolo in un’unica esperienza da poter vivere anche su console. Questa, è la mia recensione di Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition per PlayStation 4.

La narrativa come sfondo in un’opera monumentale

Quando ho saputo che avrei giocato un’opera alla quale ha contribuito il rinomato sceneggiatore Chris Avellone, autore di alcuni tra i videogiochi di ruolo meglio scritti di sempre (Planescape: Torment, Baldur’s Gate: Dark Alliance, Fallout 2 e molti altri), non ho potuto fare a meno di aspettarmi grandi cose da quello che sarebbe stato il comparto narrativo di Kingmaker.

Il nostro viaggio si apre mostrandoci a fianco di molti altri avventurieri in cerca di gloria, che dopo aver come noi risposto a un appello si trovano al cospetto di Jamandi Aldori. Questa leggendaria guerriera rispettata da tutti ci ha convocato qui per una ragione ben precisa: partire in spedizione verso le Terre Rubate e sottrarle con la forza ai briganti che le stanno occupando.

Pathfinder, Pathfinder Kingmaker Definitive Edition, Pathfinder Kingmaker Recensione, Pathfinder Kingmaker Review
Basato su un incipit di trama estremamente semplice, che vanta però radici ben più profonde, Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition si riconferma essere un’avventura degna di tale nome, specie su console dove titoli come questo faticano ancora a ritagliarsi il giusto spazio.

Per quanto, agli occhi dei più esigenti, la narrativa del gioco possa mancare di guizzi particolarmente originali, la sensazione che si ha una volta immersi al suo interno è quella di sentirsi decisamente piccoli. A fare la differenza ancor prima di quanto accade, è infatti il modo in cui ciò viene raccontato e grazie alla licenza ufficiale di Pathfinder, dialoghi e ambientazione si ergono statuari. Entrambi fondamentali nell’esperienza di gioco, i primi vantano una profondità talmente marcata da fornire alla seconda tutto ciò di cui ha bisogno.

Chi conosce e apprezza l’universo di Pathfinder, ricco di tutto ciò che ha reso celebre il genere fantasy, non potrà che gioire di fronte all’arrivo su console di un’opera così fedele all’esperienza originale. Per tutti quelli che invece non hanno mai avuto modo di immergersi in Golarion, l’ambientazione che fa da sfondo a questo fantastico mondo, non mancheranno glossari ed enciclopedie in game, consultabili al fine di non sentirsi tagliati fuori; una scelta tanto apprezzabile quanto doverosa che ovvia almeno in parte a un problema di cui ti parlerò più avanti.

La profondità di Pathfinder anche su console

Ancor prima dell’approccio alla narrativa del titolo, come in ogni classico GDR che si rispetti, il giocatore è chiamato a creare il proprio alter ego virtuale o nel caso preferisse impersonarne uno predefinito, a sceglierne uno tra quelli offerti dal titolo. A ogni modo, il fatto che io abbia deciso di aspettare il secondo paragrafo prima di introdurti alla creazione del personaggio, non è assolutamente frutto del caso. Sin dai primi istanti, al giocatore risulta infatti chiaro quanto la sola distribuzione dei punti Attributo potrebbe influire enormemente sullo sviluppo della sua avventura.

Pathfinder, Pathfinder Kingmaker Definitive Edition, Pathfinder Kingmaker Recensione, Pathfinder Kingmaker PS4
Per quanto l’importanza di questo momento sia infatti ben nota a qualsiasi amante del genere, l’impatto che le nostre scelte hanno sul gameplay di Pathfinder: Kingmaker, risulta a dir poco impressionante. Basti pensare alle fasi in cui attraverso il brillante espediente di un diario di viaggio, la narrativa viene presentata quasi fosse un libro-game, ove le nostre scelte e caratteristiche mutano attivamente il corso degli eventi.

La libertà data al giocatore in termini di caratterizzazione del protagonista (che si riflette di continuo nelle opzioni di dialogo e non solo), malgrado gli evidenti limiti legati al suo aspetto puramente estetico, rende questo gioco una manna dal cielo per chiunque ami dare vita ai propri soggetti. Grazie all’intento degli sviluppatori di trasporre la profondità di Pathfinder in questo titolo, infatti, ogni personaggio risulta ben definito che si tratti del nostro o di chi s’incontra giocando. Un dettaglio tutt’altro che trascurabile, specie in un titolo che offre 12 compagni ognuno dei quali si distingue dagli altri.

La grandezza di questa Definitive Edition, che a oggi rappresenta senz’altro il modo migliore di vivere Pathfinder: Kingmaker, sta proprio nella sua voglia di farsi conoscere da più persone. Far arrivare al pubblico su console un GDR isometrico e improntato alla strategia, che si presta quindi particolarmente bene alla precisione e immediatezza di mouse e tastiera, non è mai una cosa facile. Per riuscirci, il team di Owlcat Games ha pensato bene di implementare una nuova modalità a turni, intercambiabile in tempo reale con quella regolata dalla classica pausa tattica. Il risultato? Un’esperienza tanto più comoda quanto fedele alle regole effettive del gioco da tavolo.

Il rovescio della medaglia

Abbiamo quindi 9 razze principali e un totale di 16 classi diverse, ognuna delle quali vanta addirittura 3 archetipi differenti; un totale di 12 compagni arruolabili con una propria personalità e una storia da raccontare; una mappa esplorabile attraverso una pedina al fine di scoprire i molti luoghi d’interesse e un Regno da dover gestire come meglio crediamo conquistando regioni, edificando strutture, affrontando eventi ed evitando rivolte. Ogni singolo aspetto di Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition, rimanda a una profondità che raramente ho visto nei titoli recenti.

Pathfinder, Pathfinder Kingmaker Definitive Edition, Pathfinder Kingmaker Recensione, Pathfinder PlayStation 4
Ti parlo di meccaniche complesse come l’affaticamento dovuto al dormire con indosso un’armatura, i movimenti limitati dalla caduta di pioggia scrosciante o ancora il bisogno di riposare abitualmente, facendo però attenzione a porre qualcuno di guardia per scongiurare eventuali assalti all’ accampamento. Il gioco strizza l’occhio alle realtà più hardcore del genere, garantendo allo stesso tempo una possibilità di scelta a chiunque non voglia faticare troppo.

Per quanto un gameplay così ben strutturato risulti innegabilmente degno di lodi, va detto che una tale complessità potrebbe anche essere recepita come un muro invalicabile. Nonostante la buona volontà degli sviluppatori nel fornire al giocatore tutto ciò di cui ha bisogno, attraverso l’aggiunta di un’enciclopedia ricchissima e l’impiego di opzioni altamente personalizzabili, Pathfinder: Kingmaker fatica comunque a risultare davvero alla portata di tutti. Se dovessimo infatti fare un confronto con altri titoli di questo stesso genere, ci renderemmo conto che una maggiore intuibilità non sarebbe necessariamente dovuta sfociare in compromessi.

Mi rendo conto che in casi come questo è davvero difficile parlare di difetti oggettivi, e ci tengo a sottolineare ancora una volta quanto la profondità di questo titolo risulti affascinante. Tuttavia, dettagli come una gestione dell’inventario scomoda e limitata in un gioco dove essa ha un’importanza focale, non possono che lasciare l’amaro in bocca pensando ai buoni esempi che il mercato ha già offerto.

Pathfinder: Kingmaker su PlayStation 4 è l’esperienza definitiva per gli affezionati all’universo di Paizo, e risulta sicuramente apprezzabile da chiunque ami alla follia il classico GDR nudo e crudo. Per tutti gli altri, però, compresi coloro i quali vorrebbero approcciarsi al genere per la prima volta, sarebbe decisamente il caso di volgere il proprio sguardo in un’altra direzione.

Pathfinder, Pathfinder Kingmaker Definitive Edition, Pathfinder Kingmaker PS4, Pathfinder Kingmaker Recensione
La verità è che forse le opzioni personalizzabili, l’introduzione della modalità a turni e l’enciclopedia che permette di studiare e comprendere le fondamenta del gioco, non sono strumenti sufficientemente efficaci a rendere quest’opera alla portata di tutti. Un vero peccato, tenendo conto di quanto potenziale ci sia all’interno di questo titolo.

Limiti e prodezze del comparto tecnico

Eccoci arrivati all’ultima parte di questa mia recensione dedicata a Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition. Dopo averti descritto la sua possanza in termini di meccaniche e profondità, sottolineando come per certi versi si possa parlare di un’arma a doppio taglio, non resta che introdurti al suo comparto tecnico caratterizzato da alti e fin troppi bassi. Al di là di quello che poteva infatti essere l’esperienza originale giocata su PC, devo ammettere che la mia PlayStation 4 non ricorderà con gioia questo gran titolo.

Difetti trascurabili quali la legnosità di alcune animazioni a parte, purtroppo il gioco presenta problematiche più gravi come dei clamorosi cali di frame rate, che spesso e volentieri finiscono con il risolversi attraverso un immediato crash dell’applicazione. Inutile dire che fattori come questo, capaci di minare la godibilità del prodotto, andrebbero assolutamente risolti ancor prima che esso venga proposto al grande pubblico. Fortunatamente però, dopo aver ricevuto un resoconto dei vari fix già predisposti dagli sviluppatori, posso confermare che il loro impegno in tal senso sembra essere encomiabile.

A risollevare il morale di fronte a queste brutte grane ci pensano degli effetti visivi davvero magnifici, che insieme a una colonna sonora estremamente azzeccata accompagnano il giocatore nel corso della sua avventura. Pathfinder: Kingmaker riesce a essere talmente immersivo da farti sentire parte integrante del suo mondo fantasy, tanto che i problemi tecnici di cui ti ho parlato qui sopra, risultano essere l’unica cosa in grado di spezzare la magia. Il gioco non è perfetto, ma ciò non toglie che può darti qualcosa di unico.

Pathfinder, Pathfinder Kingmaker, Pathfinder Kingmaker Definitive Edition, Pathfinder Kingmaker DLC
Questa edizione di Pathfinder: Kingmaker, porta su console il meglio dell’intera esperienza di Owlcat Games. Oltre infatti all’aggiunta di varie novità come ad esempio alcune tra le migliori mod su PC, la Definitive Edition comprende anche i DLC Varnhold’s Lot e Beneath The Stolen Lands, entrambi capaci di garantire al giocatore nuove story line e ancor più avventure. Una vera e propria opera imponente.

Scheda confidenziale su Pathfinder: Kingmaker

Il nostro viaggio si apre mostrandoci a fianco di molti altri avventurieri in cerca di gloria, che dopo aver come noi risposto a un appello si trovano al cospetto di Jamandi Aldori. Questa leggendaria guerriera rispettata da tutti ci ha convocato qui per una ragione ben precisa: partire in spedizione verso le cosiddette Terre Rubate e sottrarle con la forza ai briganti che le stanno occupando.

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Con i suoi 30 riconoscimenti di bronzo, i suoi 8 trofei argentati e le sue 4 coppe d’oro, il Platino di Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition si staglia all’orizzonte quasi fosse un predatore, più che una preda. Soltanto i cacciatori più agguerriti, armati di pazienza e una buona dose di strategia, potranno infatti aggiungere alla propria bacheca un 100% di questa portata.

Grafica

70

Impatto

85

Longevità

90

Sonoro

80

In sostanza, Pathfinder: Kingmaker – Definitive Edition è un titolo imperdibile per chi ama l’omonimo GDR pen-and-paper. Il gioco vanta infatti tutta la profondità dell’esperienza originale e, nonostante ciò possa a dir poco scoraggiare i giocatori meno avvezzi o esperti del genere, vedere certe opere arrivare su console non può che far piacere a qualunque appassionato.

Questa Edizione Definitiva racchiude al suo interno tutto ciò che il titolo può offrire, sia in termini di DLC che di aggiornamenti postumi all’uscita su PC. La durata dell’intera esperienza, che può sfiorare senza troppi problemi le 150 ore di gioco, riesce a motivare senza alcun problema il costo al lancio di 49,99 €. Purtroppo però, per quanto l’instancabile team T.I.G.E.R. (a cui dobbiamo la traduzione ufficiale del secondo Divinity Original Sin) se ne stia già occupando, l’arrivo di una localizzazione italiana si farà attendere ancora un bel po’.

Oltre a un’accessibilità non esattamente alla portata di tutti, i possibili difetti di questo videogioco sono da imputarsi per lo più al comparto tecnico. Instabilità e cali di frame rate sembrano essere infatti all’ordine del giorno, ma gli sviluppatori ci stanno lavorando e i problemi risolti sono già stati parecchi. Nella speranza che questo trend continui in tale direzione, mi sento di premiare le qualità del titolo con un voto più che favorevole.

VOTO COMPLESSIVO

8

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Share on facebook
CONDIVIDI