opinioni impopolari

Parliamo di opinioni impopolari nel mondo dei videogiochi

Pubblicità

Solido, divertente e davvero interessante, Century: Age of Ashes è perfetto per tutti coloro che amano i combattimenti arei e i draghi.

Century: Age of Ashes

Sei un grande appassionato di videogames? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Se la risposta è sì, perché non provare a diventare redattore di iCrewPlay.com?

Tre opinioni personali non condivise da molti giocatori

Salve lettori. Il popolo del videogaming è vastissimo ormai e, ovviamente, quando così tante menti ed idee si riuniscono sotto un unica passione può succedere di incappare in opinioni impopolari. Il vero problema è spesso la reazione che ha chi non condivide la stessa idea, che spesso porta a non condividere le proprie idee ed a seguire la massa.

Oggi voglio proprio scatenare quella sensazione di fastidio dentro tutti coloro che non condivideranno le mie personali opinioni impopolari. Via alle danze!

La Nintendo fa bene a riproporre sempre gli stessi personaggi

Partiamo in quinta. Sappiamo tutti quanti come l’azienda nipponica abbia il vizio di sviluppare videogiochi con i soliti protagonisti. Ebbene io personalmente trovo che la cosa sia non solo positiva per le finanze dell’azienda, ma positiva per i videogiocatori.

super mario

Vedete: Nintendo riesce dove molti altri, secondo me, non riescono, ovvero riportare lo stesso personaggio in una versione al passo con i tempi, senza fare remastered. Crash tornò relativamente poco tempo fa, ma di nuovo sotto al sole non c’era nulla, Link combatte il male da vent’anni, ma cambia continuamente faccia e si aggiorna alle novità.

Nintendo riesce a darci quel senso di “casa”, pur dandoci nuovi titoli (spesso di ottima fattura, basti vedere la tripletta Super Mario Odissey, Breath of the Wild e Tropical Freeze). Basta dare una rapida occhiata a quante volte personaggi datati sono stati riproposti e vedere quante volte hanno fallito per capire il concetto (sto guardando te Master Chief).

World of Warcraft Vanilla non era davvero così bello

Questa è veramente una delle opinioni che mi sta più a cuore. Da bravo giocatore veterano di World of Warcraft (ahem… Racconto anche le storie su questo gioco, per chi non lo sapesse, proprio su ICrewPlay, andate a vederle!) una delle cose che si sente più spesso ripetere è il fatto che “il gioco ormai è alla deriva, WoW era bello agli inizi, nella sua versione base o vanilla.

world of warcraft

World of Warcraft ai suoi inizi era un’esperienza mistica, ma tutto fuorchè bello. Servivano ore ed ore libere ogni giorno per giocarci adeguatamente, collaborazione forzata con gilde e, in complesso, una gran fatica per fare ogni cosa. A partire dal costo esagerato delle cavalcature arrivando a dover guidare 40 giocatori in un singolo raid, da fare ogni settimana obbligatoriamente, trovo che il gioco ora sia davvero molto più accessibile.

Soprattutto se tiriamo in ballo il fattore PvP del gioco, che con gli anni è migliorato tanto e che agli inizi era quasi completamente inutile. Oggetti esageratamente forti o, viceversa, deboli, bug e una gran confusione. La nostalgia fa male.

Basta Battle Royale

Davvero, basta. Ad essere sinceri non mi sto rivolgendo esclusivamente ai produttori di Battle Royale, ma anche a tutti quegli sviluppatori con poca fantasia che sfruttano forzatamente la moda, per far emergere titoli (che spesso sono carenti di contenuti). Basta guardarsi alle spalle per notare questa cosa: dai cloni di Minecraft ai cloni di Fortnite, passando per quelli di DotA e League of Legends.

battle royale

Sembrerebbe condivisibile come idea, ma vi assicuro che non lo è. Ovviamente è normale che ci sia il gioco del momento e che qualcuno cerchi di copiarlo, quello che infastidisce me è forzare modalità di gioco estranee all’idea iniziale del gioco solo per prendere una fetta di pubblico più grande.

Farò un esempio davvero diretto: la compagnia Hi-Rez. Sono un amante del loro titolo di punta Smite, un MOBA dove possiamo utilizzare diverse divinità dalle varie mitologie della storia. Molte delle meccaniche di questo titolo sono prese a mani piene da League of Legends, ma mantiene un suo spirito ed una sua originalità. Infatti il titolo è in terza persona, non in visuale isometrica, ed è molto più action dei suoi simili.

Poi arrivano i primi rumors di Overwatch, così la compagnia sviluppa Paladins, gioco gradevole ma “abbastanza simile” al gioco Blizzard. Pochi anni dopo e ancora si ripete la storia: i Battle Royale diventano di moda ed esce da casa Hi-Rez un nuovo gioco basato su Paladins, che casualmente è una Battle Royale.

Abbiamo davvero bisogno di idee fresche, non di minestrine riscaldate.

Ora tocca a voi

Avete letto le mie tre opinioni impopolari del momento e vorrei che si partisse da questa base come spunto per una discussione: quali sono le vostre idee impopolari? Scatenatevi esponendo tutto quello che tenete (più o meno) nascosto e date voce alle vostre idee!

Pubblicità

Fonte

Pubblicità
0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Pubblicità
0
Mi piacerebbe sapere il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x