NATURA OPEN WORLD PER IL PROSSIMO ZELDA

0

Famitsu ha intervistato nell’ultimo numero Hidemaro FujibayashiEiji Aonuma, direct e produttore dell’ultimo capitolo di Zelda, Breath of The Wild tutto targato Nintendo.

Nelle varie domande è emerso che il titolo non sarà l’unico ad essere open world, e che molto probabilmente il prossimo potrebbe avere la medesima struttura.

Ecco un estratto dell’intervista:

Famitsu: Zelda è descritta profondamente questa volta, ma Ganon, d’altra parte, è un’esistenza concettuale nota come Calamità. Perché?
Hidemaro Fujibayashi: Ruolisticamente parlando non avevamo bisogno di unire un personaggio alla sua figura. Se avesse iniziato a parlare, avrebbe avuto bisogno anche di una spina dorsale e la cosa sarebbe stata ostruente per la trama del gioco.

Famitsu: Perché avete dipinto Zelda come un personaggio minore?
Hidemaro Fujibayashi: Perchè così la storia è stata più facile da raccontare, e lo staff che era incaricato di occuparsi dello scenario supportava fortemente questo tipo di trama (ride). Ovviamente ci sono anche implicazioni funzionali.

Famitsu: Dov’è posizionato cronologicamente Breath of The Wild nella storia di Hyrule?
Hidemaro Fujibayashi: Beh, questo dovrebbe essere lasciato alla tua immaginazione
Eiji Aonuma: La storia di Hyrule cambia durante il corso del tempo. Infatti, la storia stessa di Hyrule è già stata modificata più volte durante il tempo. Anche i dettagli nei libri di storia stanno cambiando gradualmente.

Famitsu: Il prossimo titolo della saga sarà una sfida ancora più ardua da portare a termine, sarà un’altro open-world, o tornerete a sviluppare un titolo classico basato sui dungeon?
Aonuma: Probabilmente in futuro questa sarà la forma standard dei prossimi capitoli.

Noi siamo già in trepidante attesa per il prossimo Zelda!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>
small_c_popup.png

Seguici sulla nostra pagina INSTAGRAM

Ogni giorno MEME, sondaggi, news e stories sul mondo videoludico!