Marble Maid – la recensione di un titolo che prova ad essere Hentai

Super Monkey Ball, ma con le Maid al posto delle scimmie

Marble Maid continua la tradizione del super prolifico publisher EastAsiaSoft, il quale propone a dozzine di giochi dal gameplay innocente, ma li condisce con qualche pillola di erotismo. Per questo titolo, creato dal team di Shady Corner, abbiamo una sottospecie di clone di Super Monkey Ball, dove al posto delle scimmie saranno presenti delle maid intente a pulire i vari livelli di gioco.

Se non hai la più pallida idea di cosa sia una maid, sappi che si tratta di una moda, tipicamente giapponese, dove in locali dedicati verrai servito e riverito da donzelle vestite in abiti da governante e adornate da pizzi e merletti. La cosa, com’era prevedibile, è sfociata ben presto nel mondo dell’hard ed è qui che parecchie opere ne hanno tratto ispirazione (infatti, oltre a Marble Maid, avremo a che fare con queste cameriere anche nel ben più blasonato Persona 5).

Ma a parte la parte hentai (se così si può chiamare, visto che nonostante il titolo sia categorizzato come Mature) c’è della ciccia, dicasi divertimento, in questo puzzle game alla Super Monkey Ball? Sì, ma non troppo…e i problemi veri non sono nemmeno li.

Puliamo tutto!

Come detto nell’incipit e com’è facilmente intuibile dal titolo Marble Maid, saremo una Maid, intenta a pulire una casa piena di insidie. Per farlo dovremo rotolare all’interno della nostra sfera. E qui si ferma la trama del gioco, non avremo chissà quali quest oppure obiettivi, solo pulire e girovagare per i livelli proposti.

Marble Maid

L’atmosfera è particolarmente giocosa adattandosi perfettamente al ritmo scanzonato del titolo e la cosa viene amplificata dalla grafica particolarmente colorata, ma di questo parleremo dopo nel paragrafo dedicato.

No, non ti serve scopa e paletta

Come dicevo prima l’obbiettivo di Marble Maid è quello di pulire tutto rotolando nella nostra sfera. La polvere e la sporcizia, sarà rappresentata da dei conigli e per passare uno dei 50 livelli proposti, dovrai catturarne almeno tre su cinque nascosti. Se riuscirai a prenderli tutti, oltre che passare allo stage successivo, ti si sbloccherà un artwork dedicato al gioco.

Marble Maid

Ogni livello avrà un tempo massimo e per muoverci non verranno utilizzati i controlli motion tipici di Nintendo Switch, ma lo stick analogico sinistro. Se da una parte questo rende accessibile a tutti la fruizione di Marble Maid, dall’altra parte si poteva implementare l’utilizzo dei Joy Con staccati per muovere la sfera e aggiungere un po’ di pepe al gameplay.

Oltre a muoverti dovrai lanciartisaltare tra le varie piattaforme e per farlo potrai premere A per il salto e X per caricare un lancio (alla Sonic per capirci, più terrai caricato, più lo spin sarà potente). Infine lo stick analogico destro sarà dedicato a muovere la telecamera particolarmente ballerina. Infatti uno dei problemi più grossi del titolo targato EastAsiaSoft è sicuramente il fatto di avere delle visuali non adeguate alla situazione e in un gioco che sta a metà tra un puzzle game e il platform, questo va per forza di cose ad incidere sul gameplay.

Marble Maid

Durante i livelli, oltre che trovare i coniglietti di polvere, dovremo passare attraverso i checkpoint, i quali, in caso di morte prematura, non ti faranno re-iniziare daccapo; tuttavia nonostante questo, il timer non verrà azzerato, ma ripartirà dal momento in cui ti sei fermato e questo non è un per nulla male, anzi, aggiunge un certo tasso di sfida.

Ad aggiungere ulteriore varietà a Marble Maid ci sarà la possibilità di raccogliere le clessidre le quali, manco a dirlo, aumenteranno il tempo del livello. Queste non sono fini a sé stesse, ma saranno davvero utili soprattutto nei livelli avanzati.

Marble Maid

Disseminati per i livelli ci saranno degli ostacoli rappresentati da oggetti di uso comune, soprattutto in una casa. Tra tostapane che non ci faranno passare e altre insidie a forma di fornetto, la tua vita da domestica non sarà sempre semplice (anzi, quasi mai).

Tecnicamente si poteva fare di più

Il problema più grande di Marble Maid sta sicuramente nella sua grafica. Se da una parte può anche essere gradevole e azzeccata, visto che fa ampio utilizzo di colori e accesi e sparati, è sulle texture che proprio non ci siamo. Il personaggio e le varie aree di gioco saranno quanto di più povero si possa pensare. La maid protagonista sembra uscita da un qualsiasi titolo alla fine dell’era prima PlayStation, mentre gli ambienti saranno davvero troppo spogli. Un po’ di particolari in più davvero non avrebbero guastato a Marble Maid.

Marble Maid

Anche dal punto di vista sonoro c’è da ridire, visto che nonostante il doppiaggio sia particolarmente “Kawaii” (anche se in inglese), le musiche sono davvero troppo ripetitive e dopo poco ti verrà voglia di mutare la tua fida Nintendo Switch.

Scheda confidenziale su Marble Maid

Saremo una Maid e verremmo assunte per pulire una casa da della polvere a forma di coniglio. Senza troppo fronzoli, spedita e molto diretta!

Cosa mi piace

Cosa non mi piace

Su Nintendo Switch stiamo ancora aspettando il giorno in cui verranno implementati i trofei, su Steam invece avrai 10 obbiettivi da raggiungere, quindi si platina facile.

Grafica

50

Impatto

70

Longevità

60

Sonoro

50

Se sei alla ricerca di un titolo senza troppe pretese e in passato hai adorato Super Monkey Ball, potresti dare una chance a Marble Maid, magari aspettando anche taglio sul prezzo già basso.

I difetti maggiori di Marble Maid risiedono nel suo comparto tecnico, visto abbia una grafica assolutamente non adeguata agli standard del 2022 (no, nemmeno tra gli Indie) e anche il sono è particolarmente discutibile.

In ogni caso non siamo di fronte al titolo imperdibile e da giocare a tutti i costi, anzi tutt’altro!

VOTO COMPLESSIVO

6

0 0 voti
Voto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
Cosa ne pensi? clicca qui e commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI