Luigi’s Mansion 3 riporta in vita le console Nintendo

Il nuovo "spettrale" titolo di Nintendo, Luigi's Mansion 3, mostra agli utenti una delle vecchie "disastrose" console della casa Nipponica

0

Dopo l’ottimo impatto sul mercato videoludico di uno degli ultimi capolavori di Nintendo, che ha come protagonista uno dei due fratelli idrauliciLuigi’s Mansion 3 è riuscito a catturare il cuore di milioni di appassionati con il suo gameplay unico, il suo design curato e la sua storia divertente. Ciononostante, oggi voglio soffermarmi su una delle peculiarità che ha contraddistinto la serie legata a quel fifone di Luigi e che, in un certo senso, potrebbe essere assimilata dal pubblico come un piccolo easter egg. Di cosa sto parlando? Ovviamente della presenza all’interno del gioco di una delle console più bistrattate, meno fortunate e criticate di Nintendo: il Virtual Boy.

Ecco il Virtual Boo!

Virtual boy in Luigi's Mansion 3

Lanciato sul mercato nell’ormai lontano 21 luglio 1995 (negli Stati Uniti il 14 agosto), il Virtual Boy doveva trasportare tutti i videogiocatori all’interno di una nuova generazione di videogiochi, caratterizzata da una innovativa grafica 3D e da suoni strabilianti. L’allora nuova console ideata da Gunpei Yokoi, padre dei Game & Watch e dell’ottimo Game Boy, purtroppo non ebbe molta fortuna e vide la propria fine proprio l’anno successivo, a causa di un limitatissimo set di colori (solo il rosso) e di una portabilità praticamente inesistente.

Sono passati anni da allora e, proprio quando il pubblico stava cominciando a dimenticarsi del Virtual Boy, Nintendo ha deciso di farlo ritornare all’interno di Luigi’s Mansion 3, come uno degli accessori che il fratello di Mario utilizza all’interno del gioco. Il nuovo Virtual Boo, messo a disposizione dal simpaticissimo Professor Strambic, viene utilizzato da Luigi durante tutta la sua avventura alla caccia di fantasmi, permettendogli così di tenere sempre sotto controllo i dati di gioco e la mappa dell’hotel. Nintendo non è estranea a cose del genere, infatti, nel primo capitolo della saga aveva inserito come accessorio proprio il suo Game Boy “Horror” e oggi torna con una rivisitazione del Virtual Boy, o meglio, Virtual Boo. In un certo senso ha trovato un ottimo utilizzo per la sua vecchia console…peccato che sia troppo tardi.

Chissà cosa ci sarà nel prossimo Luigi’s Mansion 4 (?)…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
>

Conoscevi il Virtual Boy di Nintendo? Lo hai utilizzato grazie a Luigi? Faccelo sapere nei commenti

0
small_c_popup.png

Seguici sulla nostra pagina INSTAGRAM

Ogni giorno MEME, sondaggi, news e stories sul mondo videoludico!