0
0

League of Legends: LEC Spring Split 2020 – Round 1

Risultati e commenti del 1° round dei playoff del League of Legends LEC Spring Split 2020

iCrewPlay Consiglia

Da non perdere

Naviga tra i contenuti

Ci siamo! Finalmente il League of Legends Spring Split 2020 del circuito europeo (LEC) si avvicina alla sua conclusione. Neanche una pandemia ha potuto fermare gli esports e settimana dopo settimana, colpo di scena dopo colpo di scena, sei team sono emersi dal group stage per gareggiare un’ultima volta e raggiungere il titolo di miglior team europeo di League of Legends! Questo weekend si sono svolti i primi tre scontri che, ricordo, sono combattuti in serie al meglio delle 5, e non sono mancate sorprese e scontri all’ultimo sangue. Per i playoff cambieremo quindi il nostro format. Niente promossi, rimandati o bocciati, ma scriveremo un breve commento dopo ogni singolo incontro. Prima di iniziare, però, se cerchi l’ultima analisi, la puoi trovare qui.

G2 eSports (G2) vs MAD Lions (MAD)

Game 1 0-0

Wunder – Maokai vs Orome – Aatrox
Jankos – Lee Sin vs Shadow – Gragas
Perkz – Lucian vs Humanoid – Nautilus
Caps – Syndra vs Carzzy – Kalista
Mikyx – Sett vs Kaiser – Leona

Questo primo gioco ha subito messo in chiaro due cose: Shadow (orgoglio italiano) è un mostro in giungla e questa serie sarà tutto tranne che una passeggiata per i G2. Chi si aspettava un pulito 3-0 da parte loro resterà molto deluso. Subito nell’early Shadow sfrutta Gragas per dare un’enorme vantaggio a Carrzy su Kalista… e cosa abbiamo imparato dalla stagione regolare? Quando Carrzy e Shadow sono in vantaggio, i MAD Lions vincono. I G2 cercano di rispondere, ma un Carrzy enorme carria la sua squadra alla prima inaspettata vittoria.

Game 2 0-1

Wunder – Sett vs Orome – Maokai
Jankos – Jarvan IV vs Shadow – Kindred
Perkz – Rumble vs Humanoid – Ornn
Caps – Syndra vs Carzzy – Aphelios
Mikyx – Rakan vs Kaiser – Tahm Kench

Ok, la prima partita ha fatto capire che la prima regola per vincere contro i MAD è annullare Carzzy. I leoni pickano quindi una composizione con due adc e tre tank a proteggerli. Stavolta però i G2 hanno imparato il giochino, soprattutto Jankos che, finalmente sostenuto da un Caps e un Perkz all’altezza della loro fama, annulla qualsiasi apertura early per Shadow. I MAD si concentrano quindi sull’elemento “debole” dei G2, ovvero Caps, ma nel mentre Perkz va 7/1/12 e WunderWunder builda Sett come una specie di apriscatole antitank (mannaia, triade, lama del re in rovina). Quest’ultimo tira giù ripetuti 2vs1 da cui esce non solo vittorioso, ma pure con una kill. Stavolta i G2 non fanno sconti e riconoscono i loro avversari come degni. La situazione si fa bollente.

Game 3 1-1

Wunder – Aatrox vs Orome – Neeko
Jankos – Elise vs Shadow – Lee Sin
Perkz – Sylas vs Humanoid – Lucian
Caps – Aphelios vs Carzzy – Ezreal
Mikyx – Thresh vs Kaiser – Sett

Nei primi due game G2 e MAD si sono presi le misure, stompandosi a vicenda. La terza partita è quindi, in modo molto prevedibile, un bagno di sangue. L’early vede emergere Carrzy e Orome da una parte, ma anche Perkz e Jankos non sono da meno. In mid game Mikyx inizia a fare magie con i suoi uncini, ma lo stesso inizia a fare Shadow che, lasciato sul suo Lee Sin, si rende protagonista di Insec al limite dell’assurdo. La partita è davvero tesissima. Sia G2 che MAD le tentano tutte, ma alla fine, nonostante degli enormi Perkz e Jankos, i MAD conquistano drago maggiore e barone e vanno a match point! Sembra già di star giocando la finale della LEC! Queste due squadre sono vicinissime come capacità!

Game 4 1-2

Wunder – Aatrox vs Orome – Sett
Jankos – Lee Sin vs Shadow – Elise
Perkz – Cassiopeia vs Humanoid – Renekton
Caps – Ezreal vs Carzzy – Kai’sa
Mikyx – Yuumi vs Kaiser – Leona

Il game inizia malissimo per i G2 che in meno di cinque minuti regalano 4 kill a Shadow insieme a 4k gold di svantaggio. La prima struttura dei samurai cade a 10 minuti e sembrano già spacciati, complice un Jankos incredibilmente fuori forma su Lee Sin. Perkz però fa la partita della vita e guida i G2 ad un baron anticipato che ribalta tutto. Nel mentre Caps, finalmente sul suo Ezreal, mette subito in chiaro perché questo sia considerato uno dei suoi migliori campioni. I MAD provano a rispondere, ma sbagliano la pressione sulla mappa ed i G2 gli sbuzzano la base alle spalle! Si va ad un quinto game! Silver Scrapes risuona nell’arena (digitale)!

Game 5 2-2

Wunder – Kalista vs Orome – Maokai
Jankos – Jarvan IV vs Shadow – Olaf
Perkz – Rumble vs Humanoid – Qiyana
Caps – Ziggs vs Carzzy – Syndra
Mikyx – Bard vs Kaiser – Sett

Shadow parte male regalando il primo sangue, ma presto recupera collezionando ben 5 kill. Questo ragazzo italiano si è letteralmente caricato la squadra sulle spalle e la sta trascinando alla vittoria. Di là i G2 giocano come se fosse già la finale ed, in effetti, le emozioni sono proprio quelle. La combo del magma nella pentola d’oro creata da Bard, Rumble e Jarvan IV è qualcosa di così devastante che solo i G2 potevano pensarla, ma ShadowShadow non si arrende. Alla fine ne uscirà 16/2 portando a casa per il suo team anima dell’oceano, drago maggiore e due baroni! I G2 tentano di vincere di backdoor nel momento in cui capiscono di non poter più vincere i teamfight e QUASI CE LA FANNO! Il nexus dei MAD Lions rimane con meno di un decimo di salute, ma non cade ed alla fine i leoni fanno l’impossibile. I G2 cadono e andranno nel Losers’ Bracket mentre i MAD Lions volano in finale e, nella peggiore delle ipotesi, saranno terzi! ENORMI!

Fnatic (FNC) vs Origen (OG)

Game 1 0-0

Bwipo – Zac vs Alphari – Gangplank
Selfmade – Gragas vs Xerxe – Trundle
Nemesis – Yasuo vs Nukeduck – Ornn
Rekkles – Senna vs Upset – Ezreal
Hylissang – Zilean vs Destiny – Yuumi

I Fnatic quest’anno non sembrano voler fare sconti a nessuno e questo primo game lo mette ben in chiaro. La squadra arancione passa letteralmente sopra agli Origen schiacciandoli come un rospo che si trova sulla strada di un carro armato. La partita si chiude a 27 minuti circa con un risultato di 16 a 1 e più di 10k gold di vantaggio. Ahia!

Game 2 1-0

Bwipo – Ornn vs Alphari – Gangplank
Selfmade – Lee Sin vs Xerxe – Olaf
Nemesis – Diana vs Nukeduck – Rumble
Rekkles – Senna vs Upset – Ezreal
Hylissang – Zilean vs Destiny – Yuumi

Seconda possibilità. Xerxe prova ad annullare Selfmade, il giocatore più inesperto dei Fnatic, per condurre gli Origen alla vittoria, ma nonostante riesca a farlo, presto la squadra arancione torna ad accumulare kill su kill. Selfmade tira fuori la prestazione della vita e nuovamente i Fnatic diventano un carro armato che gli Origen non possono fermare. Rekkles e Hylissang terminano la partita senza mai morire. Partita che si chiude in 29 minuti e con un punteggio di 19 a 6 (con due kill che sono state regalate alla fine dai Fnatic gettandosi in fontana). Qualcuno ha per caso visto gli Origen?

Game 3 2-0

Bwipo – Gangplank vs Alphari – Maokai
Selfmade – Olaf vs Xerxe – Gragas
Nemesis – Azir vs Nukeduck – Qiyana
Rekkles – Senna vs Upset – Aphelios
Hylissang – Trundle vs Destiny – Thresh

Stavolta gli Origen partono decisamente meglio con Upset che finalmente fa valere la fama di cui era ammantato. Nell’altro fronte Selfmade continua a giocare bene, ma tutti sappiamo cosa succede quando Hylissang resta indietro: diventa INTISSANG! Il support dei Fnatic si impegna a portare in vantaggio Nukeduck oltre alla bot degli avversari, anche se poi si fa perdonare iniziando ad impostare un lavoro magistrale sulle sidelane (e ci si devono mettere in 3 per fermarlo). Tuttavia questa partita sembra un replay della quinta tra G2 e MAD con i Fnatic che cercano un costante backdoor, fallendo ogni volta. Il risultato resta lo stesso e gli Origen tornano nella serie. Finalmente.

Game 4 2-1

Bwipo – Aatrox vs Alphari – Gangplank
Selfmade – Gragas vs Xerxe – Rek’Sai
Nemesis – Cassiopeia vs Nukeduck – Rumble
Rekkles – Senna vs Upset – Aphelios
Hylissang – Tahm Kench vs Destiny – Thresh

Il quarto game parte ancora una volta male per i Fnatic con Alphari e Upset che prendono subito un enorme vantaggio. Gli Origen tentano però un baron scellerato con il loro adc che si spinge fuori posizione e viene massacrato da Bwipo e Selfmade. Questi ne approfittano per riportare i FNC in partita e presto diventano nuovamente una forza inarrestabile. La partita resta comunque molto combattuta, con oro e kill praticamente in pari, ma gli Origen non hanno più una base da difendere ed alla fine, nonostante un Alphari ancora mai morto, saranno i Fnatic a portarsi a casa la serie! La finale sarà Fnatic contro MAD Lions!

Misfits Gaming (MSF) vs Rogue (RGE)

Game 1 0-0

Dan Dan – Aatrox vs Finn – Renekton
Razork – Sejuani vs Inspired – Taliyah
Febiven – Zoe vs Larssen – Tristana
Bvoy – Kalista vs Hans Sama – Draven
denyk – Taric vs Vander – Thresh

Fino ad adesso abbiamo scherzato, ma chi perde qui sarà eliminato dai playoff! I Rogue partono malissimo sbagliano completamente un dive bot che regala kill a Razork e Bvoy. Larssen cerca di riportare la sua squadra in partita, ma Kalista e Taric li stanno letteralmente massacrando, aiutati anche da un buon Febiven. Alla fine il primo game sarà vinto dai Misfits 15 a 2. Un ottimo inizio per loro ed un massacro per i Rogue.

Game 2 1-0

Dan Dan – Aatrox vs Finn – Renekton
Razork – Lee Sin vs Inspired – Sejuani
Febiven – Corki vs Larssen – Azir
Bvoy – Xayah vs Hans Sama – Aphelios
denyk – Rakan vs Vander – Tahm Kench

Azir contro Corki… pensavo di aver smesso di vedere questo scontro, ma mi sbagliavo. La partita risulta decisamente più bilanciata fino a quando un buon gank di Inspired porta i Rogue in vantaggio. Nel mentre Finn torna finalmente a farsi valere, così come Hans Sama. Di là però c’é un Febiven che riesce tranquillamente a ottenere risorse da solo contro tre. Lo scontro è tesissimo, ma i Rogue hanno una migliore pressione sulla mappa e, nonostante i Misfits ci provino, alla fine la vittoria va l team blu. Una vittoria che non solo pareggia i conti, ma interrompe una streak di sconfitte che durava da almeno due settimane!

Game 3 1-1

Dan Dan – Aatrox vs Finn – Kled
Razork – Trundle vs Inspired – Pantheon
Febiven – Corki vs Larssen – Azir
Bvoy – Aphelios vs Hans Sama – Draven
denyk – Tahm Kench vs Vander – Sett

La situazione di parità richiede che le squadre tirino fuori le loro armi segrete e Finn lo fa estraendo dal cappello quel Kled che tanto lo ha reso famoso. Se non sai perché Finn sia così temuto su questo campione, ti basta vedere questo game. I Misfits giocano bene schiacciando la bot dei Rogue in early, ma quest’ultimi hanno una formazione estremamente aggressiva e, soprattutto, dotata di alcune ultimate globali che sinergizzano benissimo. Ogni volta che i Misfits provano a fare un obiettivo, Finn parte alla carica seguito da tutta la squadra e da un Inspired che piomba dal cielo tagliando le vie di fuga. In questo modo i Rogue si fanno tre draghi, un barone e due inibitori… e quasi ogni volta a partire erano stati i Misfits. La base di quest’ultimi è un colabrodo ed alla fine i Rogue raggiungono il match point. Finn mvp di questo game.

Game 4 1-2

Dan Dan – Sett vs Finn – Renekton
Razork -Sejuani vs Inspired – Gragas
Febiven – Rumble vs Larssen – Ornn
Bvoy – Aphelios vs Hans Sama – Miss Fortune
denyk – Thresh vs Vander – Nautilus

I Misfits si giocano il tutto per tutto e ci tengono, si vede. La partita è tesissima con Febiven e Dan Dan che brillano da un lato (quella ultimate di Sett su quella di Rumble è stata pura poesia), ma di là ci sono Finn, Inspired e Hans Sama altrettanto determinati. Scontro dopo scontro, la partita fa avanti e indietro a più riprese, nessuno vuole lasciare il colpo. Lo scontro decisivo avviene davanti a un drago. I Misfits sono inizialmente in vantaggio, ma Finn trova Bvoy e lo elimina dall’equazione ribaltando completamente l’andamento dello scontro. Da lì per i Rogue è tutto in discesa e i Misfits capitolano! I Rogue passano il turno ed affronteranno gli Origen!

Commento Finale

Tre giorni davvero fenomenali, questi sei team hanno letteralmente dato il massimo e siamo solo agli inizi dei playoff. La partita tra i G2 e i MAD era degna di essere una finale dello split ed invece era solo un primo turno. La prova dei leoni è stata maiuscola, ma la domanda di tutti è: riusciranno a fare altrettanto con i Fnatic in finale? Difficile fare una previsione. Nel mentre sia G2 Esports che Origen non sono eliminati, ma sono finiti nel Losers’ Bracket e vedremo questo weekend se riusciranno a conquistarsi una seconda possibilità. Dovranno combattere contro dei Rogue molto agguerriti, ma che hanno anche mostrato il fianco a più riprese. Personalmente non credo che da questa serie di incontri uscirà un team il cui nome non è G2. Seriamente, i samurai sono ora decisamente determinati e assettati di vendetta. Io fossi negli altri team del Losers’ Bracket mi preoccuperei non poco. Se però la parte bassa dei playoff sembra abbastanza scontata, lo stesso non si può dire della parte alta. MAD Lions, Fnatic, G2. Questi tre team si preparano a far esplodere come non mai la LEC!

Ti potrebbe interessare...

0

Commenti

1234

Miei

0
0

Registrati!
in iCrewPlay diamo valore al tuo pensiero!




Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

0